Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Aegir" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Aegir (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Aeger" rimanda qui. Se stai cercando il genere di crostacei del giurassico, vedi Aeger (zoologia).
Nella mitologia scandinava, Ægir e le sue figlie preparavano birra di malto in grandi calderoni.

Ægir (talvolta anglicizzato Aegir o Aeger, chiamato anche Hlér) è un gigante e re del mare e inventore della birra nella mitologia norrena. È anche conosciuto come un amico per gli dei, di fatto organizza delle feste ben elaborate per loro.[1]

EtimologiaModifica

Richard Cleasby e Guðbrandur Vigfússon vedevano il suo nome come un pre-norreno, derivante da un'antica radice indo-europea.[2]

Sembra essere una personificazione della forza dell'oceano.

Il suo nome fa ricorso all'esopianeta noto come Epsilon Eridani b.

TestimonianzeModifica

Nello Nafnaþulur, raccolta di poemi dell'Edda in prosa di Snorri Sturluson, Ægir viene associato alla figura del gigante.[3]

Nello Skáldskaparmál, la seconda parte dell'Edda in prosa, Ægir è identificato con Gymir e Hlér, che viveva nell'isola di Hlésey. L'intestazione in prosa del Lokasenna afferma che il suo palazzo è un santuario illuminato dall'oro e dove la birra si versa da sola.[4][5]

È degno di nota che Gymir è anche il nome del gigante padre della bella Gerðr (la sposa di Freyr) e marito di Aurboða.[6]

Un altro collegamento fra gli Æsir, gli dèi, e il gigante del mare è la figura di Hymir, il quale si dice fosse il padre di Týr, nella Hymiskviða.

Ægir è figlio di Fornjótr, un gigante e re della Finlandia e fratello di Logi (fuoco, fiamma) e di Kári (vento).

Nel Lokasenna, ospita una festa per gli dèi nel quale viene servita l'Ale in un gigantesco calderone procuratogli da Thor. La storia di Thor e di quel calderone è raccontata nell'Hymiskviða.

Ægir ha due servi, Fimafeng (che fu ucciso da Loki) e Eldir.

FamigliaModifica

Ægir è figlio di Fornjótr, un gigante e re della Finlandia e fratello di Logi (fuoco, fiamma) e di Kári (vento).[7]

Si dice che Ægir abbia avuto nove figlie con sua moglie, Rán. I loro nomi erano Bára, Blóðughadda, Bylgja, Dúfa, Hefring, Himinglæva, Hrönn, Kólga, e Unnr. Il nome di ciascuna riflette caratteristiche differenti delle onde dell'oceano.

NoteModifica

  1. ^ Lindow (2001:47).
  2. ^ Cleasby, Vigfússon (1957:758)..
  3. ^ Faulkes (1987:156).
  4. ^ Simek (1993:151)..
  5. ^ de Vries (1956:251).
  6. ^ Simek (1993:126).
  7. ^ Lindow (2001:48).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

FontiModifica

  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia