Apri il menu principale

È la pioggia che va/Finché c'è musica mi tengo su

singolo dei The Rokes del 1966
È la pioggia che va / Finché c'è musica mi tengo su
ArtistaThe Rokes
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1966
Dischi1
Tracce2
GenereBeat
EtichettaARC AN 4100
Formati45 giri
The Rokes - cronologia
Singolo precedente
Che colpa abbiamo noi/Piangi con me
(1966)
Singolo successivo
Che mondo strano/Ride on
(1967)

È la pioggia che va/Finché c'è musica mi tengo su sono i due brani contenuti in un singolo 45 giri dei Rokes pubblicato nell'ottobre del 1966.

Il discoModifica

È la pioggia che va, registrata sul lato A del disco, è il brano con il quale i Rokes si ripromettevano di ripetere il successo del singolo precedente, Che colpa abbiamo noi. Anche per questo fu nuovamente scelto di pubblicare una cover di una canzone del cantautore statunitense Bob Lind, Remember The Rain, con il testo riscritto da Mogol seguendo il filone della canzone "di protesta" in voga in quegli anni. Finché c'è musica mi tengo su, sul lato B, è firmata da Franco Migliacci, Sergio Modugno e Shel Shapiro.

Il disco ottenne un ottimo successo di vendite raggiungendo la prima posizione nella Hit Parade e il 9º posto complessivo per il 1966, continuando a vendere anche l'anno seguente.[1]

FormazioneModifica

Altre esecuzioniModifica

È la pioggia che va è stata successivamente incisa da altri artisti, fra i quali:

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica