È stata la mano di Dio

film del 2021 diretto da Paolo Sorrentino

È stata la mano di Dio è un film del 2021 scritto e diretto da Paolo Sorrentino.

È stata la mano di Dio
Toni Servillo, Teresa Saponangelo e Filippo Scotti in una scena del film
Lingua originaleitaliano, napoletano
Paese di produzioneItalia
Anno2021
Durata130 min
Rapporto2,39:1
Generebiografico, drammatico, commedia
RegiaPaolo Sorrentino
SoggettoPaolo Sorrentino
SceneggiaturaPaolo Sorrentino
ProduttoreLorenzo Mieli, Paolo Sorrentino
Produttore esecutivoGennaro Formisano, Riccardo Neri, Elena Recchia
Casa di produzioneThe Apartment, Fremantle
Distribuzione in italianoNetflix, Lucky Red
FotografiaDaria D'Antonio
MontaggioCristiano Travaglioli
Effetti specialiRodolfo Migliari, Pasquale Catalano, Fabio Traversari
MusicheLele Marchitelli
ScenografiaCarmine Guarino
CostumiMariano Tufano
TruccoFederico Carretti
Interpreti e personaggi
Logo ufficiale del film

È stato presentato in concorso alla 78ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il Leone d'argento - Gran premio della giuria e il giovane Filippo Scotti, alla sua prima esperienza cinematografica, ha ricevuto il premio Marcello Mastroianni. Il film è stato selezionato per rappresentare l'Italia agli Oscar 2022 nella sezione del miglior film internazionale.[1]

«Ho fatto quello che ho potuto, non credo di essere andato così male»

Napoli, 1984. Fabietto Schisa vive un'adolescenza spensierata in compagnia dei genitori Saverio e Maria e dei fratelli Marchino e Daniela. Gli Schisa, circondati da una pletora di parenti e amici sui generis, sono molto uniti e nutrono un grande affetto reciproco, ma la loro serenità è guastata da alcuni eventi: la bella e spregiudicata Patrizia, sorella di Maria, viene picchiata dal marito Franco dopo avergli raccontato di un incontro miracoloso con san Gennaro e il munaciello, dietro il quale si nasconderebbe l'abitudine della donna a prostituirsi; Marchino, aspirante attore, viene bocciato a un provino con il regista Federico Fellini e perde fiducia nelle proprie capacità; infine Maria scopre che Saverio l'ha tradita con una collega di lavoro e lo caccia di casa in seguito a un furibondo litigio. Ad alleviare questi problemi c'è un evento storico: il calciatore Diego Armando Maradona viene acquistato dal Napoli; la gioia e l'attesa per questa notizia coinvolge gli Schisa, i loro amici e l'intera Napoli e per Fabietto, dotato di estrema sensibilità, diventa il baluardo emotivo a cui aggrapparsi per superare tutte le tristezze.

Saverio e Maria si riappacificano e acquistano una villetta a Roccaraso dove passare le vacanze insieme alla famiglia. Un giorno propongono a Fabietto di seguirli là per un fine settimana in montagna, ma il ragazzo rifiuta poiché quella domenica si terrà la partita Napoli-Empoli, alla quale lui assisterà per veder giocare il suo idolo Maradona. Quel giorno, Saverio e Maria muoiono a causa di una perdita di monossido di carbonio prodotto dal caminetto.[2] La disgrazia getta nello sconforto e nel dolore i fratelli Schisa; Fabietto in particolare rimarrà segnato dal fatto che i medici gli impediscano di vedere i corpi dei genitori. Al tempo stesso, il ragazzo matura la consapevolezza che, se non fosse stato trattenuto a Napoli dalla partita, probabilmente sarebbe morto anche lui: a salvarlo, nelle parole dello zio Alfredo, "è stata la mano di Dio". Disorientato e senza punti di riferimento, Fabietto cerca di superare il lutto e trovare la sua strada.

Nel frattempo zia Patrizia viene ricoverata in un ospedale psichiatrico: quando il ragazzo si reca a trovarla, la donna gli rivela che dopo l'incontro con san Gennaro e il munaciello era rimasta miracolosamente incinta ma, in seguito a nuove percosse da parte del marito, aveva subìto un aborto spontaneo e aveva chiesto di essere internata pur non soffrendo di alcuna malattia mentale allo scopo di sfuggire a una vita che la opprimeva; di conseguenza, anche nel ragazzo inizia a maturare l'idea di trasferirsi a Roma. Ha il suo primo rapporto sessuale con la matura baronessa Focale, vicina di casa comprensiva del dramma che egli sta vivendo e che lo ha appositamente invitato con un espediente; in seguito stringe amicizia con il contrabbandiere Armando, che lo porterà a scoprire il sottobosco della delinquenza napoletana; al contempo sogna di studiare cinematografia, affascinato da una pellicola surrealista di Antonio Capuano e dall'attrice est-europea Yulia. Intanto Fabietto vede deteriorarsi anche il rapporto con Marchino, il quale reagisce al dolore evitando di preoccuparsi del futuro, e con Daniela, che gli rivela l'esistenza di un fratellastro illegittimo avuto dal padre con la sua amante.

Durante uno spettacolo di Yulia, Fabietto vede intervenire lo stesso Antonio Capuano, che con ferocia stronca la recitazione dell'attrice, evidenziandone platealmente tutti i difetti. Il ragazzo ha un lungo colloquio col regista, nel quale gli esprime il desiderio di andare a Roma per studiare cinema; Capuano, tuttavia, comprende che questo sarebbe soltanto il suo tentativo di sfuggire al dolore, e gli rivela che il cinema non avrà mai il potere di guarirlo dal lutto; lo invita pertanto a «non disunirsi», ossia a non fuggire da Napoli e dal suo passato, e gli propone di fare cinema con lui per poter raccontare le molte storie che offre la città. Nel frattempo il Napoli vince il suo primo scudetto. In seguito all'incontro col regista, Fabietto comprende di non poter più resistere al dolore e decide quindi di tener fede al proposito di recarsi a Roma: lungo il tragitto in treno, in una stazione desolata,[3] Fabietto vede apparire un munaciello, che lo saluta con lo stesso fischio adoperato dai genitori per esprimere affetto reciproco e ai figli.

Produzione

modifica

Nel luglio 2020, è stato annunciato che Paolo Sorrentino avrebbe scritto, diretto e prodotto il film, con Netflix annesso alla distribuzione. Nello stesso mese, un avvocato di Diego Maradona ha dichiarato che stava esplorando un'azione legale contro il film per il suo titolo, poiché è un riferimento al gol di Maradona alla Coppa del Mondo FIFA del 1986 contro l'Inghilterra e l'uso dell'immagine di Maradona non era autorizzato.[4] Netflix ha risposto che il film non è un film sportivo o su Maradona, ma una storia personale ispirata alla giovinezza di Sorrentino. Nel settembre 2020, Toni Servillo si è unito al cast del film, con le riprese iniziate lo stesso mese a Napoli.

È stato utilizzato come location per una scena iniziale del film lo Scoglio Isca, isola della penisola sorrentina abitata da Eduardo De Filippo e suo personale luogo di riflessione.[5]

Promozione

modifica

Il trailer è stato diffuso online il 19 agosto 2021.[6]

Distribuzione

modifica
 
Paolo Sorrentino e il cast del film durante la première al Festival di Venezia 2021

Il film è stato presentato in anteprima il 2 settembre 2021 in concorso alla 78ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia,[6][7] ed è stato distribuito limitatamente nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 24 novembre dello stesso anno, per poi arrivare su Netflix il 15 dicembre.[6]

Accoglienza

modifica

Incassi

modifica

Per quanto gli incassi del film non siano stati registrati da Cinetel, in quanto prodotto da Netflix, l'ANSA ha riportato come il lungometraggio di Sorrentino abbia incassato all'incirca 7 milioni di euro, divenendo la pellicola italiana più vista del 2021.[8] Il film non è riuscito tuttavia a superare i costi di produzione, che ammontano a 13 049 974 euro.[9]

Critica

modifica

Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes, la pellicola ha ricevuto una percentuale di approvazione pari all'84% basata su 147 recensioni, con un voto medio di 7,3 su 10.[10] Su Metacritic, il film ha ottenuto un punteggio di 76 su 100, indicando «recensioni generalmente positive».[11]

Riconoscimenti

modifica
  1. ^ OSCAR: L'ITALIA CANDIDA E' STATA LA MANO DI DIO, su ansa.it, 26 ottobre 2021. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  2. ^ Teresa Monaco, È stata la mano di Dio: la storia vera dietro al film di Paolo Sorrentino, su Cinematographe.it.
  3. ^ Da un cartello si evince essere la stazione di Formia-Gaeta, sebbene la scena in realtà sia stata girata nella stazione di Morcone.
  4. ^ 'E' stata la mano di Dio', Maradona contro Netflix e Sorrentino: si valutano azioni legali, su Today, 14 luglio 2020. URL consultato il 16 dicembre 2022.
  5. ^ Gerardo Russo, Il Fiordo di Crapolla: 700 gradini verso la spiaggia di Torca, su storienapoli.it, 3 febbraio 2022.
  6. ^ a b c (EN) Nancy Tartaglione, ‘The Hand Of God’: Teaser For Paolo Sorrentino’s Venice-Bound Story Of Fate, Family, Sports, Cinema, Love & Loss, su Deadline Hollywood, 19 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  7. ^ Biennale Cinema 2021: È stata la mano di Dio, su labiennale.org, Biennale di Venezia. URL consultato il 19 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2021).
  8. ^ Alessandra Magliaro, Sorrentino in sala, successo con mistero, su Agenzia ANSA, 6 dicembre 2021. URL consultato il 16 dicembre 2022.
  9. ^ Database Opere - Direzione generale cinema, su cinema.cultura.gov.it.
  10. ^ (EN) È stata la mano di Dio, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 28 novembre 2021.
  11. ^ (EN) È stata la mano di Dio, su Metacritic, Fandom, Inc. URL consultato il 28 novembre 2021.
  12. ^ Experience over nine decades of the oscars from 1927 to 2022, su oscars.org.
  13. ^ Winners & Nominees 2023, su Golden Globe Awards.
  14. ^ Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello, su daviddidonatello.it. URL consultato il 4 maggio 2022.
  15. ^ Ciak d'Oro 2022, le classifiche finali, su Ciak, 15 dicembre 2022. URL consultato il 16 dicembre 2022.
  16. ^ Ecco i Ciak d'oro 2022, su Ciak, 15 dicembre 2022. URL consultato il 16 dicembre 2022.
  17. ^ 2022 EE British Academy Film Awards: The Winners, su Bafta.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema