Étienne Tshisekedi

politico della Repubblica Democratica del Congo

Étienne Tshisekedi wa Mulumba (Luluabourg, 14 dicembre 1932Bruxelles, 1º febbraio 2017[1]) è stato un politico della Repubblica Democratica del Congo.

Étienne Tshisekedi
Etienne Tshisekedi (5811619100) (cropped).jpg

Primo ministro della Repubblica Democratica del Congo
Durata mandato 29 settembre 1991 –
1º novembre 1991
Presidente Mobutu Sese Seko
Predecessore Mulumba Lukoji
Successore Bernardin Mungul Diaka

Durata mandato 15 agosto 1992 –
18 marzo 1993
Presidente Mobutu Sese Seko
Predecessore Jean Nguza Karl-i-Bond
Successore Faustin Birindwa

Durata mandato 2 aprile 1997 –
9 aprile 1997
Presidente Mobutu Sese Seko
Predecessore Kengo Wa Dondo
Successore Likulia Bolongo

Dati generali
Partito politico Unione per la Democrazia e il Progresso Sociale
Università Università Lovanium

BiografiaModifica

Fondatore e presidente dell'Unione per la Democrazia e il Progresso Sociale (UPDS), è stato Primo ministro della Repubblica Democratica del Congo (già Zaire) in tre diverse occasioni.

Tshisekedi è nato a Luluabourg (ora Kananga), nel Kasai-Occidentale il 14 dicembre del 1932. Ottenuta la laurea nel 1961 alla facoltà di giurisprudenza dell'Università di Lovanio a Leopoldville (ora Kinshasa), prese parte al governo di Mobutu ricoprendovi varie cariche fra gli anni sessanta e settanta. Tuttavia nel 1979 cominciò la sua protesta per la deriva del governo in carica verso la dittatura e la corruzione.

Nel 1980 fu rimosso da ogni carica che ricopriva in seno all'esecutivo e subì la detenzione per le sue posizioni critiche, che non accennò a temperare sotto il governo di Laurent Kabila, posizioni che gli valsero numerosi provvedimenti restrittivi della libertà individuale. Venne perciò definito da molti il Mandela del Congo.

Il 15 febbraio 1982, fu il cofondatore dell'UPDS, movimento del quale è stato a capo fino alla morte, e che forse può dirsi il più popolare in Congo, sebbene messo ai margini dagli ambienti governativi, specie per la sua linea che predica un cambiamento radicale nel solco della lotta non violenta e della democrazia. Alla guida gli è succeduto il figlio Felix Tshisekedi, che ha partecipato con successo alle elezioni presidenziali del 30 dicembre 2018[2].

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN177608783 · ISNI (EN0000 0003 5609 0757 · LCCN (ENn89154001 · GND (DE1014572258 · BNF (FRcb15098908w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n89154001