Apri il menu principale

Irial Fáid (il Profeta)[1] era il figlio più giovane di Érimón, avuto dalla moglie Tea, secondo le leggende medievali irlandesi e alla tradizione storica, divenne re supremo dell'Irlanda dopo aver ucciso Ér, Orba, Ferón e Fergna, figli Éber Finn, nella battaglia di Cul Martha, come vendetta del fatto che avevano ucciso i suoi fratelli, Luigne e Laigne. Regnò per dieci anni, combattendo quattro battaglie contro i Fomoriani e realizzando molte opere, dopodiché morì a Mag Muaide. A lui successe il figlio Ethriel. Secondo Lebor Gabála Érenn morì durante il regno di Tautane in Assiria (1191-1182 a.C. secondo il Chronicon) di san Gerolamo[2]. Geoffrey Keating, invece, data il suo regno dal 1269 al 1259 a.C.[3], mentre gli Annali dei Quattro Maestri dal 1681 al 1671 a.C.[4].

NoteModifica

  1. ^ Dizionario della lingua irlandese, Compact Edition, Royal Irish Academy, 1990, p. 292. Also spelled Fáith
  2. ^ R. A. Stewart Macalister (ed. e trad.), Lebor Gabála Érenn: The Book of the Taking of Ireland Part V, Irish Texts Society, 1956, pp. 189-195, 427-431
  3. ^ D. Comyn & P. S. Dinneen (ed .& trans.), The History of Ireland by Geoffrey Keating, Irish Texts Society, 1902-1914
  4. ^ John O'Donovan (ed. e trad.), Annala Rioghachta Éireann: Annals of the kingdom of Ireland by the Four Masters, Dublin, 1848-1851

FontiModifica