Úrvalsdeild

massima divisione del campionato di calcio islandese
Úrvalsdeild Karla
(Pepsideild Karla)
Pepsi deildin.jpg
SportFootball pictogram.svg Calcio
FederazioneKSÍ
PaeseIslanda Islanda
OrganizzatoreFederazione calcistica dell'Islanda
TitoloCampione d'Islanda
CadenzaAnnuale
Aperturaprimavera
Partecipanti12 squadre
FormulaGirone all'italiana A/R
Retrocessione in1. deild karla
Sito Internetwww.ksi.is/
Storia
Fondazione1912
DetentoreKR Reykjavík
Record vittorieKR Reykjavík (27)
Edizione in corsoÚrvalsdeild 2020

La Úrvalsdeild è la massima divisione del campionato islandese di calcio. Denominata per ragioni di sponsorizzazione Pepsideild karla (La lega della Pepsi in italiano) dal 27 aprile 2009,[1] si svolge generalmente in primavera e in estate (da maggio a settembre) a causa dei rigidi inverni islandesi. Gestita dalla Knattspyrnusamband Íslands (Federazione calcistica dell'Islanda), ha una formula che prevede 12 squadre che si affrontano a turno nel girone di andata (orientativamente disputato tra maggio e luglio) e nel girone di ritorno (tra luglio e settembre). Secondo il ranking UEFA, è il 35º campionato più competitivo d'Europa.[2]

StoriaModifica

Il primo torneo fu organizzato nel 1912 e vi parteciparono solamente tre squadre; vinse il KR Reykjavík, ancora oggi la squadra più titolata e famosa del paese. In particolare, la città di Reykjavík riuscì, con le sue squadre (lo stesso KR, il Valur, il Fram ed il Vikingur), a mantenere il titolo nelle sue mani fino al 1951, quando a imporsi fu l'ÍA di Akranes; e solo recentemente il campionato ha visto emergere nuove forze provenienti da altre parti dell'isola: nel 1989 vinse l'Akureyri proveniente dall'omonima città, nel 1997 e nel 1998 Campione d'Islanda fu l'ÍBV di Vestmannaeyjar, con l'FH Hafnarfjörður di Hafnarfjörður più volte vincitore negli ultimi anni, mentre nel 2010 il titolo è andato per la prima volta al Breiðablik della città di Kópavogur.

Il campionato islandese non conobbe mai soste, in quanto le tragedie della Prima e della Seconda guerra mondiale non sconvolsero la vita e le attività dell'isola nordica.

FormatoModifica

Ad oggi l'Úrvalsdeild è formata da un girone unico di dodici squadre che si affrontano in gare di andata e ritorno; per ogni gara, vengono assegnati tre punti alla squadra vittoriosa, zero alla squadra sconfitta e un punto a testa in caso di pareggio. Al termine del campionato, la squadra prima in classifica vince il titolo di Campione d'Islanda, mentre le ultime due squadre vengono retrocesse in seconda divisione ("1. deild karla").

La squadra campione di Islanda ha il diritto a partecipare alla UEFA Champions League partendo dal secondo turno di qualificazione. Le squadre classificate al secondo e terzo posto sono invece ammesse alla UEFA Europa League partendo dal primo turno di qualificazione.

La vincitrice della Coppa nazionale è ammessa alla UEFA Europa League partendo dal secondo turno di qualificazione.

Le squadreModifica

Sono 30 le squadre di Úrvalsdeild dal 1912 al 2020 (in grassetto).

Albo d'oroModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro del campionato islandese di calcio.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica