Apri il menu principale
1er régiment étranger cavalerie
1º Reggimento straniero di cavalleria
Insigne 1er régiment étranger de cavalerie.jpg
Emblema del 1º REC
Descrizione generale
Attiva1920 – ad oggi
NazioneFrancia Francia
ServizioEsercito francese
TipoReggimento
Ruolocavalleria leggera blindata
Dimensione900 militari
Guarnigione/QGOrange
MottoNec Pluribus Impar
ColoriVerde e rosso
MarciaLa colonne
Battaglie/guerrecampagna del Marocco, seconda guerra mondiale, Guerra d'Indocina, Guerra d'Algeria, Guerra del Golfo, Operazione Serval
AnniversariCamerone, 30 aprile
DecorazioniLegion d'Onore, Croce di guerra 1939-1945
Parte di
Comandanti
tenente colonnelloRémi Bouzereau
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 1º Reggimento straniero di cavalleria (in francese 1er Régiment étranger de cavalerie o 1er REC), è l'unico reggimento di cavalleria della Legione straniera francese. Il 2º reggimento straniero di cavalleria, è stato infatti soppresso e sostituito dal Distaccamento della Legione straniera di Mayotte.

Il reggimento, oggi corazzato, è stato stazionato prima a Orano, poi ad Orange dal 1967 al 2014 quando è stato trasferito a Carpiagne.

StoriaModifica

Costituito nel 1920, ebbe inizialmente una forte componente di russi bianchi, in particolare ufficiali provenienti dalla guerra civile russa, e di cavalieri cosacchi. Stazionarono inizialmente in Tunisia, e dal 1925 in Marocco parteciparono a tutti gli scontri con i ribelli antifrancesi nel Sahara. Dal gennaio 1943 partecipò alla seconda guerra mondiale, entrando nel maggio 1945 in Austria. Dal 1947 fu in Indocina, nel 1955 in Tunisia e l'anno dopo in Algeria.[1] Hanno combattuto durante la Guerra del Golfo.

Nel gennaio 2013 i legionari sono stati inviati in Mali a difendere il paese dall'invasione degli islamisti del Movimento Nazionale di Liberazione dell'Azawad.[2]

MezziModifica

Al 2015 dispone di 800 uomini su cinque squadroni e dotato di carri armati leggeri AMX-10RC, blindati "Panhard VBL Milan" e mezzi anfibi Renault VAB.

NoteModifica

Altri progettiModifica