119P/Parker-Hartley

Cometa periodica
Cometa
119P/Parker-Hartley
Stella madreSole
Scoperta2 marzo 1989
ScopritoriQuentin A. Parker, Malcolm Hartley
Designazioni
alternative
1986 TF,
Parker-Hartley 1,
1989i Parker-Hartley,
1987 XXXVI Parker-Hartley,
P/1995 M2 (Parker-Hartley)
Parametri orbitali
(all'epoca 2455072,5
29 agosto 2009[1])
Semiasse maggiore4,284 UA
Perielio3,039 UA
Afelio5,529 UA
Periodo orbitale8,87 anni
Inclinazione orbitale5,191°
Eccentricità0,291
Longitudine del
nodo ascendente
244,075°
Argom. del perielio181,099°
Par. Tisserand (TJ)2,944 (calcolato)
Ultimo perielio2 aprile 2014
Prossimo perielio11 agosto 2022[2]
Dati osservativi
Magnitudine app.16,5 (max)
Magnitudine ass.12,0 (totale)
13,9 (del nucleo)

119P/Parker-Hartley è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete gioviane.

Storia della scopertaModifica

La cometa è stata inizialmente scoperta il 29 settembre 1986 e ritenuta un asteroide e come tale denominata 1986 TF[3]. Il 2 marzo 1989 fu riscoperta dagli astronomi Quentin A. Parker e Malcolm Hartley, questa volta come cometa e come tale denominata 1989i Parker-Hartley[4]: una settimana dopo la scoperta veniva annunciata la sua identificazione con l'asteroide 1986 TF[5] e contestualmente veniva comunicato che la cometa nel maggio 1984 era passata a sole 0,17 U.A. dal pianeta Giove e che tale passaggio ravvicinato aveva cambiato l'orbita fin allora seguita dalla cometa, due giorni dopo veniva comunicato che un riesame di immagini di 1986 TF riprese l'8 ottobre 1986[6] mostravano già allora un aspetto cometario[7]. La riscoperta il 23 giugno 1995 ha permesso di numerare la cometa[8].

Incontri ravvicinati con GioveModifica

La cometa fino al maggio 1984 ha seguito un'orbita molto diversa da quella attuale in quanto in quel periodo ha avuto un incontro ravvicinato col pianeta Giove che l'ha portata a sole 0,17 U.A. da questo pianeta e che ha determinato la modifica dei suoi parametri orbitali (1984 q = 4,4 UA - 2018 q = 3,03 UA / 1984 e = 0,1 - 2018 e = 0,29)[5][2].

Il 24 agosto 2019 i due corpi transiteranno a sole 0,1745 U.A. di distanza, distanza analoga a quella del 1984, dopo un ulteriore incontro nel 2078, questa volta a maggior distanza, le effemeridi prevedono che il 17 marzo 2161 i due corpi passeranno a sole 0,0192 UA di distanza (dal centro di Giove) pari a poco più di 2.877.000 km, appena fuori dal sistema dei satelliti medicei.

Queste effemeridi future sono calcolate sulla base della forza gravitazionale integrata dagli effetti delle forze non gravitazionali (effetto razzo dei gas e polveri emessi dal nucleo cometario). Mentre gli effetti delle forze gravitazionali, entro gli errori di calcolo, sono determinabili con sicurezza, gli effetti delle forze non gravitazionali comprendono fattori soggetti a variazioni aleatorie che rendono il loro calcolo soggetto a incertezze non quantificabili con precisione. Il risultato è che più ci si allontana nel futuro più le effemeridi perderanno di valore effettivo: mentre il passaggio del 24 agosto 2019 avverrà secondo le effemeridi i due passaggi ravvicinati successivi, in particolare il secondo del 2161, saranno soggetti a non trascurabili incertezze.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

V · D · M
 

Precedente: 118P/Shoemaker-Levy      Successiva: 120P/Mueller


Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-HildaCometa interstellare
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa estintaCometa perduta (Shoemaker-Levy 9)
  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare