190P/Mueller

cometa periodica
Cometa
190P/Mueller
Stella madreSole
Scoperta21 ottobre 1998
ScopritoreJean E. Mueller
Designazioni
alternative
Mueller 6,
1998 U2,
P/1998 U2 (Mueller),
P/2007 O2 (Mueller)
Parametri orbitali
(all'epoca 2454437,5
3 dicembre 2007[1])
Semiasse maggiore4,240 UA
Perielio2,032 UA
Afelio6,448 UA
Periodo orbitale8,73 anni
Inclinazione orbitale2,190°
Eccentricità0,521
Longitudine del
nodo ascendente
336,113°
Argom. del perielio49,742°
Par. Tisserand (TJ)2,767 (calcolato)
Ultimo perielio7 aprile 2016[2]
Prossimo perielio24 dicembre 2024[3]
MOID da Giove0,173 UA
Dati osservativi
Magnitudine app.16,0 (max)
Magnitudine ass.13,6 (totale)

190P/Mueller è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete gioviane.

La cometa è stata scoperta il 21 ottobre 1998 dall'astronoma statunitense Jean E. Mueller[4], già il 22 ottobre 1998 veniva reso noto che erano state trovate immagini di prescoperta risalenti al 14 settembre 1998 riprese dall'astronomo statunitense William D. Ferris[5]. La sua riscoperta avvenuta il 26 luglio 2007 da parte degli astrofili Luca Buzzi, Federica Luppi e Peter Birtwhistle[6] ha permesso di numerarla.

Unica caratteristica degna di nota della cometa è di avere una MOID relativamente piccola col pianeta Giove di sole 0,173 U.A., questo fatto porterà in futuro il pianeta a modificare notevolmente l'orbita attuale della cometa.

NoteModifica

  1. ^ (EN) 190P/Mueller
  2. ^ (EN) Nakano Note (Nakano wa Kangaeru noda) NK 2507 190P/Mueller, su oaa.gr.jp.
  3. ^ (EN) 190P/Mueller, su jcometobs.web.fc2.com.
  4. ^ (EN) IAUC 7035: 1998 U2; 1998ej, 1998ek; C/1998 T1, su cbat.eps.harvard.edu.
  5. ^ (EN) IAUC 7036: P/1998 U2, su cbat.eps.harvard.edu.
  6. ^ (EN) IAUC 8859: P/2007 O2 = P/1998 U2; R CrB, su cbat.eps.harvard.edu.

Collegamenti esterniModifica

V · D · M
 

Precedente: 189P/NEAT      Successiva: 191P/McNaught


Voci principali Cometa periodicaCometa non periodicaCometa perduta
Vedi anche Grande CometaCometa interstellareFamiglia di comete
  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare