1966 Nebula Award Weekend

La 1ª edizione del Nebula Award Weekend per l'assegnazione dei premi Nebula si è tenuta l'11 marzo 1966 in due eventi differenti organizzati dalla Science Fiction and Fantasy Writers of America (SFWA), rispettivamente sulla East Coast, presso l'Overseas Press Club di New York e sulla West Coast, presso il McHenry’s Tail O’ the Cock di Beverly Hills in California,[1] l'organizzazione di due eventi distinti venne pensata per far fronte all'impossibilità da parte di alcuni autori di spostarsi per grosse distanze.

Overseas Press Club di New York

StoriaModifica

Sin dalla sua costituzione i premi Nebula sono rimasti pressoché invariati; la categorizzazione originale prevedeva il miglior romanzo, miglior romanzo breve, miglior racconto e miglior racconto breve.

Al tempo non erano ancora state istituite regole vincolanti sulla nomination per le opere, ne tantomeno vi era una struttura organizzata come oggi, infatti se ad oggi nelle categorie vi è un numero limitato di possibili candidati (6 per categoria), nella prima edizione per il miglior romanzo avrebbe visto ben dodici candidati.[1]

Il verdetto finale vedrà vincere Frank Herbert con il suo romanzo Dune, che si aggiudicherà anche il premio Hugo[2] lo stesso anno.

Dune originariamente fu pubblicato in due parti tra il 1963 e il 1965 sulla rivista Analog (ex Astounding Magazine), rispettivamente con i titoli di Dune World e The Prophet of Dune,[3] e successivamente apparso per la prima volta in volume nello stesso anno 1965 col suo titolo definitivo, la versione votata dalla giuria sarà proprio quest'ultima, prodotta dalla Chilton Books.

Per la categoria romanzi brevi invece si imporranno ad ex aequo Peste suina di Brian W. Aldiss, noto in Italia anche con il titolo di L'albero della vita[4], e He Who Shapes di Roger Zelazny[5] su un totale di otto candidature. Zelazny inoltre otterrà il "premio Nebula per il miglior racconto" lo stesso anno con Le porte del suo viso, i fuochi della sua bocca, imponendosi sui diciotto candidati.[1]

L'opera di Aldiss sarà un tributo al famoso padre della fantascienza H. G. Wells, e la storia lo vedrà anche comparire in un cameo, inoltre l'uscita del romanzo celebrerà il centenario della nascita dello scrittore inglese.[6][7]

He Who Shapes verrà ripubblicato l'anno successivo in una versione ampliata dal titolo Il Signore dei sogni[8] (originariamente presentato con il titolo di The Ides of Octember)[9][10][5]

Particolare successo tra gli elettori avrà invece Le porte del suo viso, i fuochi della sua bocca, nell'introduzione al racconto nell'antologia Nebula Award Stories 1965, l'editore Damon Knight sottolinea come la storia non solo ha ricevuto più voti degli altri candidati nella sua categoria, ma che ha ricevuto più voti di tutti gli altri racconti messi insieme.[11]. L'opera sarà anche tra i candidati per il premio Hugo per il miglior racconto breve.[2]

«Pentiti Arlecchino!» disse l'uomo del tic-tac di Harlan Ellison per la categoria miglior racconto breve si è aggiudicato il relativo premio su 31 nomination. Apparso per la prima volta nella rivista di fantascienza Galaxy nel dicembre del 1965,[12] scritto nello stesso anno in una singola sessione di sei ore e presentata alla Milford Writer's Workshop il giorno seguente,[13] l'opera vinse il premio Hugo del 1966 e il Prometheus Hall of Fame Award 2015.[14]

CategorieModifica

Le categorie ammesse per l'edizione 1966 sono state:

RegolamemtoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Premio Nebula § Regolamento prima del 2010.

La classifica avviene tramite votazione di una giuria di esperti nel settore per opere pubblicate l'anno precedente l'edizione[15]. Pur non avendo collegamenti con essi il premio Nebula viene influenzato dal premio Locus e a sua volta influenza sin dalla sua prima edizione la giuria del premio Hugo dando indicazioni circa le opere maggiormente meritorie da premiare.[15] le opere ammesse al ballottaggio per le nomination sono frutto di segnalazioni dei membri della SFWA nel corso di un intero anno, senza limite per il numero di opere raccomandabili, e raggiunto un numero di raccomandazioni sufficiente (10) vengono sottoposte a una votazione preliminare.[16]

Vincitori e candidatiModifica

Vengono di seguito indicati in grassetto i vincitori.
Dove ricorrente e disponibile, viene indicato il titolo in lingua italiana e quello in lingua originale tra parentesi.

Miglior romanzoModifica

Miglior romanzo breveModifica

Miglior raccontoModifica

Miglior racconto breveModifica

NoteModifica

AnnotazioniModifica

  1. ^ Pubblicato nel 1965[17] l'opera ha ricevuto una critica positiva, in una recensione del libro Science Fiction and Fantasy Book Review viene sottolineato il grande punto di forza di Simak nella creazione di non-umani comprensivi che tentano pazientemente di comunicare con l'umanità diffidente. La rivista ha anche affermato che il lavoro di Simak rispecchiava accuratamente le preoccupazioni degli anni '60.[18] Nel 2009 i recensori di The Dome, libro di Stephen King hanno sottolineato come il romanzo di Clifford D. Simak fosse fonte d'ispirazione dell'autore per la misteriosa cupola trasparente.[19]
  2. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1959 solo da Theodore L. Thomas sul digest Fantastic compagno della rivista Amazing Stories e successivamente ampliato nel 1965 con la collaborazione di Kate Wilhelm,[20][21] al suo primo racconto fantascientifico Dalle fogne di Chicago viene considerato uno dei rari libri sf a usare i cloni in senso strettamente biologico, attraverso la descrizione di un formidabile e vorace blob sempre crescente (Grey goo), offendo una dimostrazione competente della sua capacità da autrice di far fronte ai contenuti di questo genere[22]
  3. ^ Terminato verso la fine del 1963 con i titoli In Earth's Diurnal Course e A Terran Odyssey, fu pubblicato solo due anni più tardi con un titolo che riprendeva chiaramente il capolavoro kubrickiano Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb (Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba) del 1964 su consiglio dell'editore di Ace Books Donald A. Wollheim.[23][24][25]
  4. ^ pubblicato per la prima volta nel 1965. Il romanzo riprende degli elementi di un precedente racconto di Dick, I giorni di Perky Pat (The Days of Perky Pat), pubblicato nel dicembre 1963 sulla rivista Amazing Stories,[26][27] tuttavia, il romanzo non è una continuazione. All'inizio del terzo capitolo viene fatto riferimento a "... the Printers, the Biltong life forms..." tratto dal racconto "Pay for the Printer", pubblicato nel 1956, altri temi ricorrenti sono la premonizione come una vocazione accettata figura pesantemente nella trama del racconto di Dick "rapporto di minoranza" (pubblicato per la prima volta nel 1956) e nel suo romanzo Nostri amici da Frolix 8 (Our Friends from Frolix 8).[28]
  5. ^ Pubblicato per la prima volta in tre parti da febbraio ad aprile del 1964 in Irlanda del Nord con il titolo di Open Prison sulla rivista New Worlds[29] e successivamente riproposto nel 1965 dalla Ace Books con il titolo di The Escape Orbit[30][31][32].
  6. ^ Pubblicato per la prima volta nel dicembre del 1965,[33] nonostante Disch non reclamò ispirazione diretta per il romanzo, in un'intervista dichiarò che stava leggendo Anna Karenina e fu ispirato dalla scrittura di Tolstoi.[34]
  7. ^ Pubblicato per la prima volta nel novembre del 1964,[35] nel romanzo viene usata la tecnica del cut-up, che unisce frammenti o testi differenti all'interno del romanzo: tra questi è presente, tra gli altri, La terra desolata di T. S. Eliot. È il terzo libro della Trilogia Nova composta da La macchina morbida (1961), Il biglietto che esplose (1962) (ultimo capitolo della trilogia) e Nova Express. Pasto nudo è considerato l'antefatto di questi libri.[36]
  8. ^ Pubblicato in due parti nel novembre e nel dicembre del 1964 all'interno della rivista If con il titolo di The Hounds of Hell[37][38][39] e successivamente ampliato e pubblicato nel maggio del 1965 con il titolo di A Plague of Demons[40]
  9. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1965 dalla Ace Books[41] e sempre nel luglio dello stesso anno con lo stesso titolo sul The Magazine of Fantasy and Science Fiction, (cover di Jack Vaughn # TBT per il numero di F & SF del luglio 1965) occupando quasi metà del numero (58 su 128 pagine) ed è una storia d'avventura piena di imperi galattici, draghi e poeti nomadi, ottenendo incredibilmente le nomination per il miglior romanzo e il miglior romanzo breve.[42]
  10. ^ Pubblicato per la prima nel 1965 dalla Ace Books[43][44] si tratta del primo romanzo dell'autore e uno dei suoi più grandi successi, assieme al sequel del 1974 To Sail the Century Sea[45]
  11. ^ Pubblicato per la prima volta in tre parti sulla rivista The Magazine of Fantasy and Science Fiction rispettivamente con i titoli di Marque and Reprisal (febbraio, 1965), Arsenal Port (aprile, 1965), e Admiralty (giugno, 1965), viene successivamente sistemata e riproposta dalla casa editrice Doubleday nello stesso anno.[46][47] Nel romanzo viene presentato per la prima volta il personaggio Gunnar Heim che verrà riproposto nel 1974 su un'altra opera di Anderson, Fire Time[48]
  12. ^ Pubblicato inizialmente in un'edizione doppia con il romanzo Alpha Yes, Terra No! di Emil Petaja, dalla Ace Books,[50] fu ripubblicato nel 1971 in edizione singola.[51][52] Un'edizione rivista è stata pubblicata nel 1977 dalla Gregg Press, con introduzione di Marilyn Hacker.[52][53]
  13. ^ Pubblicato per la prima volta sulla rivista If nel settembre del 1965[55][56] il racconto combina una parodia delle storie di John Carter di Edgar Rice Burroughs, con un cast di eroi come agente segreto nello spazio di James Bond.[57]
  14. ^ Pubblicato per la prima volta nel luglio del 1965 sulla rivista Galaxy Science Fiction (Vol 15, No 7 — Issue #92)[58][59][60] il romanzo è composto da 21.700 parole[61]
  15. ^ Pubblicato Per la prima volta nel febbraio del 1965 sulla rivista Galaxy Science Fiction (Vol. 23, No. 3.)[62][63][64] l'opera fa parte della serie Casher O'Neill[65] iniziata nel ottobre del 1963 con il romanzo Sul pianeta delle pietre preziose[66] e conclusasi nel dicembre del 1965 con il romanzo Sabbia, tempeste e pietre preziose[67][68][69]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) 1965 Nebula Awards, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 5 aprile 2019.
  2. ^ a b (EN) 1966 Hugo Awards, su sito ufficiale del premio. URL consultato il 7 aprile 2019.
  3. ^ (EN) autori vari, The Wesleyan Anthology of Science Fiction, Wesleyan University Press, pp. 477-478, ISBN 9780819569547. URL consultato il 6 aprile 2019.
  4. ^ Catalogo Vegetti della letteratura fantastica - L'albero della vita, su fantascienza.com. URL consultato il 6 aprile 2019.
  5. ^ a b Ampliato nel romanzo Signore dei sogni (The Dream Master)
  6. ^ (EN) E-Notes - Brian W. Aldiss Critical Essays, su enotes.com. URL consultato il 6 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Sf - Encyclopedia :Aldiss, Brian W, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 6 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Isfdb - Il Signore dei sogni, su isfdb.org. URL consultato il 7 aprile 2019.
  9. ^ (EN) The Lesser Spotted Science Fiction Writer - Part 7: Roger Zelazny - Phlogiston Forty-Two, 1995, su homepages.paradise.net.nz. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2012).
  10. ^ (EN) Book review - The Dream Master, su sciencefictionruminations.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  11. ^ (EN) Damon Knight, Nebula Award Stories 1965, Garden City (New York), Doubleday, 1966, p. 1, OCLC 45032759.
  12. ^ (EN) Isfdb - "Repent, Harlequin!" Said the Ticktockman, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  13. ^ (EN) Jeff VanderMeer e Ann Vandermeer, The Big Book of Science Fiction, Knopf Doubleday Publishing Group, 12 luglio 2016, pp. 492-499, ISBN 9781101910108. URL consultato il 10 aprile 2019.
  14. ^ (EN) Isfdb - Award Category: Prometheus Hall of Fame Award (Prometheus Award), su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  15. ^ a b (EN) Nebula Award, Overview thread, su Science Fiction Awards Database. URL consultato il 5 aprile 2019.
  16. ^ (EN) Michael A. Burstein, An Introductory Guide to the Nebula Awards by Michael A. Burstein on Apr 18, 2011 in Nonfiction, su apex-magazine.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  17. ^ (EN) Isfdb - All Flesh Is Grass, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  18. ^ (EN) Neil Barron e Robert Reginald, Capitolo 1, in Science Fiction and Fantasy Book Review, Wildside Press LLC, 2009, ISBN 9780893706241. URL consultato il 17 aprile 2019.
    «Simak's great forte is the creation of sympathetic non-humans who patiently attempt communication with distrustful mankind."»
  19. ^ (EN) How Well Does Stephen King’s Under the Dome Translate to Television?, su Tor.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  20. ^ (EN) Isfdb - The Clone, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Theodore L. Thomas, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  22. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Kate Wilhelm, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  23. ^ (EN) Isfdb - Title: Dr. Bloodmoney or How We Got Along After the Bomb, su isfdb.org. URL consultato il 17 aprile 2019.
  24. ^ (EN) Lethem Jonathan, Five Novels of the 1960s and 70s, by Philip K. Dick - Note nel testo, New York: Library of America, 2008, p. 1117, ISBN 978-1-59853-025-4.
  25. ^ Speciale P.K.Dick – “Cronache del dopobomba” (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb, 1965), su andromedasf.altervista.org, 1 giugno 2016. URL consultato il 17 novembre 2019.
  26. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Dick Philip K., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  27. ^ (EN) Isfdb - The Three Stigmata of Palmer Eldritch, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  28. ^ (EN) The world Dick made - The Three Stigmata of Palmer Eldritch published 1964, su theworlddickmade.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  29. ^ (EN) Isfdb - Open Prison, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  30. ^ (EN) Isfdb - The Escape Orbit, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  31. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - James White, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  32. ^ (EN) John Boston e Damien Broderick, John Boston & Damien Broderick, in New Worlds: Before the New Wave, 1960-1964: The Carnell Era, Volume Two, Wildside Press LLC, 2013, p. 359, ISBN 9781479409822. URL consultato il 18 aprile 2019.
  33. ^ (EN) Isfdb - The Genocides, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  34. ^ (EN) Horwich David, Interview: Thomas M. Disch, su Strange Horizons, 30-07-2001. URL consultato il 18 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2007).
    «TD: Tolstoi. Truly. I read War and Peace in high school, and thought that it was very important. When I was writing The Genocides, I went down to Mexico and brought along a small supply of books, Anna Karenina among them. I don't believe that there's any direct correspondence, except that Anna Karenina was so beautiful, just constantly awesome. It was the only text for the "Beginning a Novel" writing course that I gave when I was artist-in-residence at William and Mary in 1996. It had just the effect I hoped for on my students. It just knocked them out; as soon as they had to read it attentively under a microscope, to look at what Tolstoi was doing and to try and imitate it in a conscious way, it was like putting plant food in a tomato pot.»
  35. ^ (EN) Isfdb - Nova Express, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  36. ^ (EN) Fantascienza.com - Nova Express: in lotta per il Controllo della Realtà, su fantascienza.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  37. ^ (EN) Isfdb - The Hounds of Hell (Part 1 of 2), su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  38. ^ (EN) Isfdb - The Hounds of Hell (Part 2 of 2), su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  39. ^ Renato Giovannoli, Sezione 5, in La scienza della fantascienza, Giunti, 2015, ISBN 9788858769447. URL consultato il 19 aprile 2019.
  40. ^ (EN) Isfdb - A Plague of Demons, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  41. ^ (EN) Isfdb - Rouge Dragon, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  42. ^ (EN) Fantasy and Science Fiction - F&SF, July 1965, su sfsite.com. URL consultato il 19 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2019).
    «Fantasy & Science Fiction, July 1965, cover by Jack Vaughn#TBT to the July 1965 issue of F&SF and this Jack Vaughn illustration for Avram Davidson’s “Rogue Dragon.” Based on the cover, you’d think “Rogue Dragon” was a fantasy story but it’s far future SF where Earth is set aside as a nature preserve. Davidson’s novella was nominated for the 1966 Nebula Award. The expanded novel version was also nominated for the Nebula… the same year! (Did that ever happen any other time?) “Rogue Dragon” takes up nearly half the issue (58 of 128 pages) and is a fun adventure story filled galactic empires, dragons, and nomad poets.»
  43. ^ (EN) Isfdb - The Ship That Sailed the Time Stream, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  44. ^ (EN) Vintage Treasures: The Ship That Sailed the Time Stream by G.C. Edmondson Wednesday, January 28th, 2015 - Posted by John ONeill, su blackgate.com. URL consultato il 19 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2019).
  45. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Edmondson G. C., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  46. ^ (EN) Isfdb - The Star Fox, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  47. ^ (EN) “Back to your caves and your dust!” - The Star Fox, su jamesdavisnicoll.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  48. ^ (EN) Isfdb - Series: Gunnar Heim, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  49. ^ (EN) Isfdb - Rogue Dragon, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  50. ^ (EN) Isfdb - Alpha Yes, Terra No!, su isfdb.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  51. ^ (EN) Isfdb - The Ballad of Beta-2, su isfdb.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  52. ^ a b (EN) Douglas Barbour, Worlds Out Of Words: The SF Novels of Samuel R. Delany, Frome, Somerset, UK, Bran's Head Books Ltd., 1979, p. 161, ISBN 978-0-905220-13-0.
  53. ^ (EN) John Clute, Peter Nicholls, The Encyclopedia of Science Fiction, 2ª ed., New York, St. Martin's Griffin, 1995, p. 315, ISBN 0-312-13486-X.
  54. ^ (EN) Isfdb - The Mercurymen, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  55. ^ (EN) Under Two Moon, su isfdb.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  56. ^ (EN) Jo Walton, Telepathy and Healing John Brunners The Whole Man - Rich Horton, in An Informal History of the Hugos: A Personal Look Back at the Hugo Awards, 1953-2000, Macmillan, 7 agosto 2018, p. 121. URL consultato il 26 aprile 2019.
  57. ^ (EN) If september 1965 Archive, su archive.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  58. ^ (EN) Sf-Encyclopedia Schmitz James H., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 26 aprile 2019.
  59. ^ (EN) Sf-Encyclopedia Van Vogt A. E., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 26 aprile 2019.
  60. ^ (EN) Research Alpha, su isfdb.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  61. ^ (EN) Serve gram A. E. van Vogt - The golden-age of science fiction authors, su icshi.net. URL consultato il 26 aprile 2019.
  62. ^ (EN) On the Planet Storm, su isfdb.org. URL consultato il 27 aprile 2019.
  63. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Smith Cordwainer, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 27 aprile 2019.
  64. ^ (EN) Cordwainer Smith e Al Haines, On the Storm Planet - By Cordwainer Smith (PDF), Project Gutenberg Canada Ebook, 13 maggio 2013. URL consultato il 27 aprile 2019.
  65. ^ (EN) Isfdb - Casher O'Neill series, su isfdb.org. URL consultato il 27 aprile 2019.
  66. ^ (EN) Isfdb - On the Gem Planet, su isfdb.org. URL consultato il 27 aprile 2019.
  67. ^ (EN) Isfdb - On the Sand Planet, su isfdb.org. URL consultato il 27 aprile 2019.
  68. ^ (EN) [SEPTEMBER 9, 1963] GREAT EXPECTATIONS (OCTOBER 1963 GALAXY), su galacticjourney.org. URL consultato il 27 aprile 2019.
  69. ^ Raccolto nell'antologia Sabbie, tempeste e pietre preziose (Quest of the Three Worlds)

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica