Apri il menu principale

1969 (album Achille Lauro)

album di Achille Lauro del 2019
1969
ArtistaAchille Lauro
Tipo albumStudio
Pubblicazione12 aprile 2019
Durata30:28
Dischi1
Tracce10
GenerePop rock
Rock alternativo
EtichettaSony Music, No Face Agency
ProduttoreFabrizio Ferraguzzo, Boss Doms, Enrico Brun
FormatiCD, download digitale, LP
Achille Lauro - cronologia
Album precedente
(2018)
Album successivo
Singoli
  1. Rolls Royce
    Pubblicato: 6 febbraio 2019
  2. C'est la vie
    Pubblicato: 29 marzo 2019
  3. 1969
    Pubblicato: 7 giugno 2019

1969 è il quinto album in studio del rapper italiano Achille Lauro, pubblicato il 12 aprile 2019 dall'etichetta discografica Sony Music.[1]

Indice

DescrizioneModifica

Il titolo dell'album si riferisce direttamente all'anno 1969, reputato simbolico da Lauro stesso per una serie di avvenimenti «rivoluzionari» verificatisi in quel periodo: il Rooftop Concert dei Beatles, l'arresto di Jim Morrison per atti osceni in luogo pubblico, l'impianto del primo cuore artificiale, il matrimonio di Yoko Ono e John Lennon, il primo allunaggio dell'uomo, il Festival di Woodstock, l'uscita dei film Fellini Satyricon ed Easy Rider, l'uscita dell'album Led Zeppelin II dei Led Zeppelin, ed il millesimo goal segnato da Pelé.[2]

Rispetto ai precedenti lavori di Lauro, già pioniere della samba trap e noto sperimentatore in ambito hip hop, il disco si propone come un album di genere pop rock, ricercando l'immaginario del cantautorato rock italiano. Ha dichiarato di essersi ispirato a capisaldi del genere quali Vasco Rossi, Lucio Battisti e Rino Gaetano.[3][4]

PromozioneModifica

Il disco è stato anticipato dalla pubblicazione dei singoli Rolls Royce e C'est la vie. Il primo, in particolare, è stato il brano in cui Lauro si è esibito al 69º Festival di Sanremo in qualità di concorrente, classificandosi al nono posto e performando, nel corso della serata dedicata ai duetti, con il cantante e musicista italiano Morgan.[5][6]

AccoglienzaModifica

Molte testate hanno elogiato il lavoro artistico di Achille Lauro, sottolineando lo slancio creativo da esso rappresentato, e proponendolo come esempio di innovazione musicale.[7] È stato inoltre fatto notare che l'artista ha mantenuto alcuni temi centrali della musica trap, adattandoli tuttavia ad una sonorità rock ed ad un'atmosfera complessivamente più malinconica e personale.[8]

TracceModifica

Testi di Lauro De Mariniis.

  1. Rolls Royce (feat. Boss Doms, Frenetik&Orang3) – 2:53 (musica: Edoardo Manozzi, Daniele Mungai)
  2. C'est la vie – 3:13 (musica: Fabrizio Ferraguzzo, Enrico Brun)
  3. Cadillac – 2:33 (musica: Manozzi, Ferraguzzo, Matteo Ciceroni)
  4. Je t'aime (feat. Coez) – 3:30 (musica: Manozzi, Mungai)
  5. Zucchero – 3:06 (musica: Ferraguzzo, Brun, Ciceroni, Nicolò Mancuso)
  6. 1969 – 3:30 (musica: Manozzi, Ferraguzzo, Brun)
  7. Roma (feat. Simon P) – 2:43 (musica: Manozzi, Ferraguzzo)
  8. Sexy Ugly – 2:43 (musica: Manozzi)
  9. Delinquente – 2:36 (musica: Manozzi, Ferraguzzo, Brun)
  10. Scusa – 3:27 (musica: Manozzi, Brun)

FormazioneModifica

  • Lauro De Mariniis – voce
  • Edoardo Manozzi – chitarra acustica (tracce 3, 6, 9), chitarra elettrica (tracce 1, 3, 5, 6, 7, 8, 9), sintetizzatori (traccia 3), pianoforte (traccia 5)
  • Daniele Dezi – chitarra acustica (tracce 1, 4), chitarra elettrica (tracce 1, 4)
  • Alessandro Lorenzoni – chitarra elettrica tracce (1, 3)
  • Andrea Torresani – basso elettrico (tracce 1, 3, 6, 7, 9)
  • Andrea Polidori – batteria (tracce 1, 3, 6, 9)
  • Fabrizio Ferraguzzo – batteria (traccia 2), chitarra acustica (tracce 2, 5), chitarra elettrica (tracce 2, 5, 6)
  • Enrico Brun – sintetizzatori (tracce 2, 5, 6, 7, 9, 10), archi (tracce 2, 5), pianoforte (tracce 7, 10)
  • Mattia Tedesco – chitarra acustica (traccia 6), chitarra elettrica (tracce 6, 9)
  • Simon Pietro Manzari – voce aggiuntiva (traccia 7)
  • Enrico Melozzi – violoncello (traccia 10)
  • Leila Shirvani – violoncello (traccia 10)

ClassificheModifica

Classifica (2019) Posizione

massima

Italia[9] 3

NoteModifica

  1. ^ Achille Lauro: «Non sono un rapper, ma un artista fuori controllo», su Video: ultime notizie - Corriere TV. URL consultato il 12 aprile 2019.
  2. ^ Sara Caironi, 1969 di Achille Lauro è "l'album avvenimento" che tutti stavamo aspettando, su Radio Lattemiele, 19 marzo 2019. URL consultato il 12 aprile 2019.
  3. ^ L’intervista - Achille Lauro, il nuovo disco, su www.ilsecoloxix.it. URL consultato il 12 aprile 2019.
  4. ^ The Achille Lauro Experience, su Rolling Stone Italia, 12 aprile 2019. URL consultato il 12 aprile 2019.
  5. ^ "Rolls Royce" di Achille Lauro un inno all'ecstasy? Striscia, non farci ridere, su Rolling Stone Italia, 7 febbraio 2019. URL consultato il 12 aprile 2019.
  6. ^ Sky Cinema, Achille Lauro, il nuovo singolo è "C'est la vie": il testo, su tg24.sky.it, 8 aprile 2019. URL consultato il 12 aprile 2019.
  7. ^ Giovanni Ferrari, Achille Lauro: perché “1969” è un bel disco, su www.billboard.it. URL consultato il 14 aprile 2019.
  8. ^ Rockol com s.r.l, √ La svolta di Achille Lauro, che fa un sessantanove: la recensione del nuovo album, su Rockol. URL consultato il 14 aprile 2019.
  9. ^ Archivio Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 24 aprile 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock