20.000 lire

taglio cartaceo della lira italiana

La banconota da 20.000 lire è stata uno dei tagli di cartamoneta circolante in Italia, a partire dal 1975.

La banconota da 20.000 lire.

Serie Tiziano modifica

L'unica versione della banconota fu stampata nel 1975, ma dato il limitato consenso mostrato dai cittadini italiani verso questo taglio, si decise di non darne alle stampe altre emissioni (a parte la seconda emissione del 1985, a carattere speciale). Fu disegnata da Trento Cionini. Nel 1985 le banconote da 20.000 lire circolanti erano oramai piuttosto usurate, essendo ancora quelle emesse nel 1975 che circolavano da una decina di anni, si decise dunque di procedere ad una emissione speciale (decreto di emissione del 27 maggio 1985), fu infatti emessa una serie sostitutiva[1], cioè banconote da 20.000 lire di medesime caratteristiche ma nuove[2], per sostituire con esse quelle usurate: in tal modo le banconote da 20.000 lire poterono continuare a circolare ancora per vari anni anche dopo il 1985, sebbene in numero minore rispetto a quelle di altri tagli.

Dedicata al pittore Tiziano, portava sul retro una riproduzione dell'Amor Sacro e Amor Profano della Galleria Borghese.

Note modifica

  1. ^ http://www.cartamonetaitaliana.com (si veda in particolare alla pagina www.cartamonetaitaliana.com/crapanzano-risponde.html
  2. ^ Sono state stampate le banconote con i seguenti numeri di serie: da XA000001A a XA500000A da XA000001B a XA500000B da XA000001C a XA500000C da XA000001D a XA300000D

Bibliografia modifica

  • Franco Gavello e Claudio Bugani, Cartamoneta Italiana - Banconote italiane, Varese, Gigante, 2005.
  • Guido Crapanzano e Ermelindo Giulianini, La cartamoneta italiana, Milano, G&G Numismatica, 2005.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica