Apri il menu principale

24 Ore di Le Mans 1993

1leftarrow blue.svgVoce principale: 24 Ore di Le Mans.

24 Ore di Le Mans 1993
Edizione nº 61 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio19 giugno
Termine20 giugno
Titoli in palio
Vittoria assolutaFrancia Éric Hélary
Francia Christophe Bouchut
Australia Geoff Brabham
su Peugeot 905
Classe C2Austria Roland Ratzenberger
Italia Mauro Martini
Giappone Naoki Nagasaka
su Toyota 93C-V
Classe GTFrancia Joël Gouhier
Germania Jürgen Barth
Francia Dominique Dupuy
su Porsche 911 RSR
Classe LMPFrancia Patrick Gonin
Svizzera Bernard Santal
Francia Alain Lamouille
su WR LM93
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso
La Peugeot 905 #3 vincitrice della gara

La 24 Ore di Le Mans 1993 è stata la 61a maratona automobilistica svoltasi sul Circuit de la Sarthe di Le Mans, in Francia, il 19 e il 20 giugno 1993. Hanno gareggiato assieme 4 classi di automobili da competizione, ognuna delle quali ha avuto il suo vincitore.

ContestoModifica

Al terzo anno di validità del regolamento Sport 3,5 litri la carenza di iscritti fa sì che il mondiale sportprototipi venga cancellato prima ancora dell'inizio della stagione. La gara a Le Mans del 1993 diventa quindi l'unico terreno di scontro dei protagonisti della precedente stagione ed è di nuovo una sfida tra la Peugeot e la Toyota, con le Porsche 962 private e le Courage a fare da comprimarie. Ormai in rottura totale con la Federazione, gli organizzatori dell'ACO varano un nuovo regolamento per allargare il parco partenti: tre classi per gli Sport Prototipi e una per le vetture derivate dalla produzione di serie appartenenti alla categoria Gran Turismo, di nuovo ai nastri di partenza dopo alcuni anni di assenza. I prototipi erano suddivisi in classi C1 (le Sport 3,5 litri) e C2 (le vecchie Gruppo C penalizzate dal regolamento) costruiti secondo le norme FIA e da un'inedita classe di prototipi detta LMP, creata dall'ACO. Nei piani degli organizzatori le LMP e le GT avrebbero col tempo surclassato le C1 e C2 permettendo ai concorrenti di gareggiare con costi inferiori, allargando ulteriormente il parco partenti.

Da segnalare la presenza in pista di alcuni giovani piloti divenuti poi famosi in Formula 1 come David Coulthard ed Eddie Irvine.

GaraModifica

Nelle fasi iniziali della corsa, proprio Irvine ha portato la sua Toyota in testa, fino a quando non ha dovuto cedere la guida ai suoi compagni, che tuttavia non sono riusciti a mantenere il suo ritmo. Le Toyota sono afflitte da problemi tecnici: una vettura è costretta al ritiro per inconvenienti al cambio, quella di Irvine accusa problemi di natura elettrica che le fa perdere del tempo; mentre l'esemplare guidato da Juan Manuel Fangio II, viene urtata al retrotreno da un'altra vettura perdendo poi diverso tempo necessario per la riparazione.

Le Peugeot hanno avuto anch'esse dei problemi, ma in confronto erano di minore entità. Sulla vettura pilotata da Philippe Alliot, nelle prime fasi anche al comando, si rompe un tubo dell'olio, per la riparazione ai box il prototipo perde nove giri, la leadership della corsa passa all'esemplare condotto da Thierry Boutsen, che a sua volta è rallentato da una serie di problemi. Al comando va quindi la Peugeot 905 #3 guidata da Éric Hélary, Christophe Bouchut e Geoff Brabham che resta in testa e vince la gara. Alla fine non solo Peugeot ha vinto, ma anche dominato la corsa con una tripletta finale che non si vedeva dai tempi delle vittorie della Porsche negli anni ottanta.

Tra le GT vittoria del team Monaco Media International/Larbre Compétition con la Porsche 911 Carrera RSR spinta da un motore boxer di 3,8 litri e pilotata da Joël Gouhier/Jürgen Barth/Dominique Dupuy che ha ottenuto la 15a posizione assoluta a 71 giri di ritardo dalla Peugeot vincitrice, mentre la neonata classe LMP (con solo tre vetture iscritte) viene conquistata dal team Welter Racing con la neonata WR LM93 spinta da un motore Peugeot 4 cilindri 2 litri turbo con un abissale distacco di 107 giri al 24o posto assoluto su 30 vetture giunte al traguardo.

In realtà la classe GT era stata vinta in pista dalla TWR-Jaguar XJ220C pilotata da John Nielsen, David Brabham e David Coulthard, ma la vittoria gli fu tolta quando la vettura fu squalificata a un mese di distanza dalla corsa in seguito a una segnalazione dei commissari sportivi relativa al mancato uso dei convertitori catalitici, presenti sulla versione stradale: sebbene fosse permesso dal regolamento - nessun altro concorrente li utilizzava - e la Jaguar avesse vinto l'appello (col supporto della FIA), la vettura fu lo stesso squalificata perché la squadra non aveva inoltrato l'appello nei tempi previsti, a detta dell'Automobile Club de l'Ouest (l'ente organizzatore)[1][2].

Classifiche intermedieModifica

Pos. Dopo la 1a ora Dopo 6 ore Dopo 12 ore Dopo 18 ore
Vettura / Piloti Voitura / Piloti Voitura / Piloti Voitura / Piloti
1 36   Toyota TS010 (C1)
Irvine / Suzuki / Sekiya
1   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Boutsen / Dalmas / Fabi
3   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Hélary / Bouchut / Brabham
3   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Hélary / Bouchut / Brabham
2 2   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Alliot / Baldi / Jabouille
38   Toyota TS010 (C1)
Lees / Lammers / Fangio II
1   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Boutsen / Dalmas / Fabi
1   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Boutsen / Dalmas / Fabi
3 1   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Boutsen / Dalmas / Fabi
3   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Hélary / Bouchut / Brabham
36   Toyota TS010 (C1)
Irvine / Suzuki / Sekiya
36   Toyota TS010 (C1)
Irvine / Suzuki / Sekiya
4 37   Toyota TS010 (C1)
Raphanel / Acheson / Wallace
36   Toyota TS010 (C1)
Irvine / Suzuki / Sekiya
22   Toyota 93C-V(C2)
Ratzenberger / Martini / Nagasaka
2   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Alliot / Baldi / Jabouille
5 38   Toyota TS010 (C1)
Lees / Lammers / Fangio II
22   Toyota 93C-V (C2)
Ratzenberger / Martini / Nagasaka
2   Peugeot 905 Evo 1B (C1)
Alliot / Baldi / Jabouille
22   Toyota 93C-V (C2)
Ratzenberger / Martini / Nagasaka

Classifica finaleModifica

I vincitori di classe sono scritti in grassetto e ombreggiati in giallo. Le vetture che non hanno coperto almeno il 70% della distanza coperta dal vincitore non vengono classificate.

Posizione Classe Squadra Piloti Vettura Pneumatici Giri
Motore
1 C1 3   Peugeot Talbot Sport   Éric Hélary
  Christophe Bouchut
  Geoff Brabham
Peugeot 905 Evo 1B M 375
Peugeot SA35 3.5L V10
2 C1 1   Peugeot Talbot Sport   Thierry Boutsen
  Yannick Dalmas
  Teo Fabi
Peugeot 905 Evo 1B M 374
Peugeot SA35 3.5L V10
3 C1 2   Peugeot Talbot Sport   Philippe Alliot
  Mauro Baldi
  Jean-Pierre Jabouille
Peugeot 905 Evo 1B M 367
Peugeot SA35 3.5L V10
4 C1 36   Toyota Team Tom's   Eddie Irvine
  Toshio Suzuki
  Masanori Sekiya
Toyota TS010 M 364
Toyota RV10 3.5L V10
5 C2 22   Y's Racing Team
  SARD Co. Ltd.
  Roland Ratzenberger
  Mauro Martini
  Naoki Nagasaka
Toyota 93C-V D 363
Toyota R36V 3.6L Turbo V8
6 C2 25   Nisso Trust Racing Team   George Fouché
  Eje Elgh
  Steven Andskär
Toyota 93C-V D 358
Toyota R36V 3.6L Turbo V8
7 C2 21   Obermaier Racing GmbH   Otto Altenbach
  Jürgen Oppermann
  Loris Kessel
Porsche 962C G 355
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
8 C1 38   Toyota Team Tom's   Geoff Lees
  Jan Lammers
  Juan Manuel Fangio II
Toyota TS010 M 353
Toyota RV10 3.5L V10
9 C2 18   Joest Porsche Racing   Bob Wollek
  Henri Pescarolo
  Randy Meixner
Porsche 962C G 351
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
10 C2 14   Courage Compétition   Derek Bell
  Lionel Robert
  Pascal Fabre
Courage C30LM G 347
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
11 C2 13   Courage Compétition   Pierre Yver
  Jean-Louis Ricci
  Jean-François Yvon
Courage C30LM G 343
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
12 C2 10   Porsche Kremer Racing   Jürgen Lässig
  Giovanni Lavaggi
  Wayne Taylor
Porsche 962CK6 D 328
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
13 C2 11   Porsche Kremer Racing   Andy Evans
  Tomas Saldaña
  François Migault
Porsche 962CK6 D 316
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
14 C2 23   Team Guy Chotard   Denis Morin
  Didier Caradec
  Alain Sturm
Porsche 962C G 308
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
15 GT 47   Monaco Media International
  Larbre Compétition
  Joël Gouhier
  Jürgen Barth
  Dominique Dupuy
Porsche 911 Carrera RSR P 304
Porsche 3.8L Flat-6
16 GT 78   Jack Leconte
  Larbre Compétition
  Jésus Pareja
  Jack Leconte
  Pierre de Thoisy
Porsche 911 Carrera RSR ? 301
Porsche 3.8L Flat-6
17 GT 65   Heico Dienstleistungen   Ulrich Richter
  Dirk Rainer Ebeling
  Karl-Heinz Wlazik
Porsche 911 Carrera RSR Y 299
Porsche 3.8L Flat-6
18 GT 77   Scuderia Chicco d'Oro   Claude Haldi
  Olivier Haberthur
  Charles Margueron
Porsche 911 Carrera RSR P 299
Porsche 3.8L Flat-6
19 GT 62   Konrad Motorsport   Franz Konrad
  Jun Harada
  Antônio Herrman de Azevedo
Porsche 911 Carrera RS Y 293
Porsche 3.8L Flat-6
20 C2 24   Graff Racing   Jean-Bernard Bouvet
  Richard Balandras
  Bruno Miot
Spice SE89C G 288
Ford Cosworth DFL 3.3L V8
21 GT 66   Mühlbauer Motorsport   Gustl Spreng
  Sandro Angelastri
  Fritz Müller
Porsche 911 Carrera RS P 276
Porsche 3.6L Flat-6
22 GT 40   Obermaier Racing GmbH   Philippe Olczyk
  Josef Prechtl
  Gerard Dillmann
Porsche 911 Carrera 2 Cup P 274
Porsche 3.8L Flat-6
23 GT 55   Agusta Racing   Onofrio Russo
  Riccardo Agusta
  Paolo Mondini
Venturi 500LM D 274
Renault PRV 3.0L Turbo V6
24 LMP 33   Welter Racing   Patrick Gonin
  Bernard Santal
  Alain Lamouille
WR LM93 M 268
Peugeot 2.0L Turbo I4
25 GT 57   Écurie Toison d'Or   Marc Duez
  Eric Bachelart
  Philip Verellen
Venturi 500LM D 267
Renault PRV 3.0L Turbo V6
26 GT 49   Team Paduwa   Bruno Ilien
  Alain Gadal
  Bernard Robin
Porsche 911 Carrera 2 Cup D 266
Porsche 3.6L Flat-6
27 GT 70   Eric Graham   Pascal Witmeur
  Michel Neugarten
  Jacques Tropenat
Venturi 500LM D 262
Renault PRV 3.0L Turbo V6
28 GT 91   Alain Lamouille   Patrice Roussel
  Edouard Sezionale
  Hervé Rohée
Venturi 500LM D 246
Renault PRV 3.0L Turbo V6
29 GT 92   BBA Compétition   Jean-Luc Maury-Laribière
  Michel Krine
  Patrick Camus
Venturi 500LM D 243
Renault PRV 3.0L Turbo V6
30 LMP 35   Sport & Immagine SRL   Fabio Magnani
  Luigi Taverna
  Roberto Ragazzi
Lucchini SP91 P 221
Alfa Romeo 3.0L V6
31
SQ
GT 50   TWR Jaguar Racing   John Nielsen
  David Brabham
  David Coulthard
Jaguar XJ220 D 306
Jaguar JV6 3.5L Turbo V6
32
ABD
C2 17   Joest Porsche Racing   Manuel Reuter
  Frank Jelinski
  Louis Krages
Porsche 962C G 282
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
33
ABD
LMP 34   Didier Bonnet   Yvan Muller
  Gérard Tremblay
  Georges Tessier
Debora SP93 P 259
Alfa Romeo 3.0L V6
34
ABD
C1 37   Toyota Team Tom's   Pierre Henri Raphanel
  Kenny Acheson
  Andy Wallace
Toyota TS010 M 212
Toyota RV10 3.5L V10
35
ABD
GT 71   Jacadi Racing   Jacques Laffite
  Michel Maisonneuve
  Christophe Dechavanne
Venturi 500LM D 210
Renault PRV 3.0L Turbo V6
36
ABD
C2 15   Porsche Kremer Racing   Almo Coppelli
  Robin Donovan
  Steve Fossett
Porsche 962CK6 D 204
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
37
ABD
GT 52   TWR Jaguar Racing   Paul Belmondo
  Jay Cochran
  Andreas Fuchs
Jaguar XJ220 D 176
Jaguar JV6 3.5L Turbo V6
38
ABD
C2 28   Roland Bassaler   Roland Bassaler
  Patrick Bourdais
  Jean-Louis Capette
Sauber SHS C6 G 166
BMW M88 3.5L I6
39
ABD
GT 44   Lotus Sport
  Chamberlain Engineering
  Richard Piper
  Olindo Iacobelli
  Ferdinand de Lesseps
Lotus Esprit S300 D 162
Lotus 2.2L Turbo I4
40
ABD
C2 27   Chamberlain Engineering   Andy Petery
  Nick Adams
  Hervé Regout
Spice SE89C G 137
Ford Cosworth DFZ 3.5L V8
41
ABD
C2 12   Courage Compétition   Tomiko Yoshikawa
  Claude Moran
  Alessandro Gini
Courage C30LM G 108
Porsche Type-935 3.0L Turbo Flat-6
42
ABD
GT 45   Lotus Sport
  Chamberlain Engineering
  Yojiro Terada
  Peter Hardman
  Thorkild Thyrring
Lotus Esprit S300 D 92
Lotus 2.2L Turbo I4
43
ABD
GT 56   Stéphane Ratel   Costas Los
  Johannes Bardutt
  Claude Brana
Venturi 500LM D 80
Renault PRV 3.0L Turbo V6
44
ABD
GT 46   Le Mans Porsche Team   Walter Röhrl
  Hans-Joachim Stuck
  Hurley Haywood
Porsche 911 Turbo S LM-GT G 79
Porsche 3.2L Turbo Flat-6
45
ABD
GT 76   Cartronic Motorsport   Enzo Calderari
  Luigino Pagotto
  Lilian Bryner
Porsche 911 Carrera 2 Cup P 64
Porsche 3.6L Flat-6
46
ABD
GT 48   Team Paduwa   Harald Grohs
  Jean-Paul Libert
  Didier Theys
Porsche 911 Carrera 2 Cup D 8
Porsche 3.6L Flat-6
47
ABD
GT 51   TWR Jaguar Racing   Armin Hahne
  Win Percy
  David Leslie
Jaguar XJ220 D 6
Jaguar JV6 3.5L Turbo V6
NP GT 72   Simpson Engineering   Robin Smith
  Stefano Sebastiani
  Tetsuya Ota
Ferrari 348 LM P -
Ferrari 3.4L V8

Leggenda:

  • NP=Non partita - ABD=Abbandono - SQ= Squalificata
  • La Jaguar #50 è stata squalificata nei controlli post-gara per l'impianto di scarico non conforme al regolamento.

StatisticheModifica

NoteModifica

  1. ^ David Coulthard, www.redbull.com. URL consultato il 5 maggio 2015.
  2. ^ David Coulthard, su espn.co.uk, 2011. URL consultato il 5 maggio 2015.
  3. ^ Les plus grandes vitesses de pointe

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport