24 Ore di Le Mans 2003

1leftarrow blue.svgVoce principale: 24 Ore di Le Mans.

24 Ore di Le Mans 2003
Edizione n. 71 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio14 giugno
Termine15 giugno
Titoli in palio
Vittoria assolutaItalia Rinaldo Capello
Danimarca Tom Kristensen
Regno Unito Guy Smith
su Bentley Speed 8
Classe LMP900Finlandia JJ Lehto
Italia Emanuele Pirro
Svezia Stefan Johansson
su Audi R8
Classe LMP675Francia Jean-Luc Maury-Laribière
Svizzera Christophe Pillon
Francia Didier André
su Reynard 2KQ-LM
Classe GTSRep. Ceca Tomáš Enge
Paesi Bassi Peter Kox
Regno Unito Jamie Davies
su Ferrari 550-GTS Maranello
Classe GTGermania Sascha Maassen
Francia Emmanuel Collard
Germania Lucas Luhr
su Porsche 911 GT3-RS
Altre edizioni
Precedente - Successiva
La Bentley Speed 8 #7 vincitrice della corsa

La 24 Ore di Le Mans 2003 è stata la 71ª maratona automobilistica svoltasi sul Circuit de la Sarthe di Le Mans, in Francia, il 14 e il 15 giugno 2003. Hanno gareggiato assieme 5 classi di automobili da competizione, ognuna delle quali ha avuto il suo vincitore. Le vetture più veloci, appartenenti alle classi LM-P900, LM-GTP e LM-P675, erano sportprototipi di categoria Le Mans Prototype appositamente progettati e costruiti per le gare, mentre le più lente classi GTS e GT comprendevano vetture derivate da automobili GT stradali.

ContestoEdit

La 24 Ore di Le Mans 2003 rappresenta per la Bentley il terzo e probabilmente anche l'ultimo tentativo di vincere la gara, dopo due edizioni di apprendistato la squadra schiera una rinnovata Speed 8, riprogettata nel telaio, aerodinamica rivista ed equipaggiata con nuovi pneumatici Michelin. L'Audi non è presente in veste ufficiale, dopo tre successi consecutivi nelle edizioni precedenti, lascia spazio alla Bentley (marchio di sua proprietà) concedendo alla squadra inglese tre dei suoi piloti migliori per guidare le due Speed 8; vi sono tuttavia 3 squadre private di alto livello che schierano ciascuna le sempre competitive Audi R8. Un altro prototipo di buon livello è la Dome motorizzata Judd del team Racing for Holland.

In questa edizione il regolamento tecnico ha imposto una riduzione delle flange sui condotti di aspirazione dei motori, comportando una diminuzione delle potenze nell'ordine del 10%. La Bentley appartenendo alla classe LM-GTP dispone per regolamento di maggior potenza, ma anche di pneumatici con un battistrada più stretto, per battere le sport LMP-900 deve riuscire a costruire un margine di vantaggio sufficientemente ampio considerando che dovrà necessariamente compiere più soste a box in virtù dei maggiori consumi di carburante e per il maggior deterioramento delle proprie gomme.

GaraEdit

Le Bentley molto competitive partono in pole position, impongono subito un ritmo elevato, le tre Audi R8 Sport private, non sono in grado di impensierirli come tempi sul giro, possono solo cercare di limitare i distacchi; grave errore di Frank Biela che, nel tentativo di tener testa alle Bentley puntando su una strategia di consumo minimo, si arresta poco dopo Mulsanne con il serbatoio della benzina vuoto dopo appena 15 giri di gara, a meno di 5 km dai box.

Alla fine le due Bentley, senza avversari in grado di impensierirli, conquistano agevolmente il primo e secondo posto assoluti, la vittoria va all'equipaggio Guy Smith, Rinaldo Capello e Tom Kristensen, le Audi arrivano terza e quarta. Questo risultato è il coronamento del progetto iniziale, dopo tale risultato la Bentley si ritira dalle competizioni. Con la vittoria del 2003 salgono a sei i trionfi Bentley alla 24 Ore di Le Mans, dopo le cinque vittorie ottenute tra il 1924 e il 1930.

Nella classe GTS, quella delle Granturismo più veloci, la Ferrari (altro marchio prestigioso da tempo assente) coglie una bella vittoria grazie alla 550 Maranello allestita dal team inglese Prodrive di David Richards e pilotata da Tomáš Enge, Peter Kox e Jamie Davies, che concludono al decimo posto assoluto. Tale vettura, quindi, non è espressione del reparto corse di Maranello, ma frutto di un'iniziativa privata, riesce tuttavia a battere la squadra ufficiale Corvette Racing, che piazza le sue due vetture all'undicesimo e dodicesimo posto assoluto, a dieci giri di distacco dalla Ferrari.

Nelle altre classi, vittoria alla Porsche 996 GT3-RS del team Alex Job Racing tra le GT, che riesce a mettersi alle spalle i vincitori della classe LMP675 (i prototipi più piccoli), cioè la Reynard spinta dal motore Volkswagen 2.0L Turbo del Noël del Bello Racing.

Classifica finaleEdit

I vincitori di Classe sono marcati in grassetto. Le vetture che hanno terminato la gara ma non hanno coperto il 75% della distanza del vincitore sono considerate non classificate (NC).[1]

Pos Classe Squadra Piloti Vettura Pneumatici Giri
Motore
1 LMGTP 7   Team Bentley   Rinaldo Capello
  Tom Kristensen
  Guy Smith
Bentley Speed 8 M 377
Bentley 4.0L Turbo V8
2 LMGTP 8   Team Bentley   Mark Blundell
  David Brabham
  Johnny Herbert
Bentley Speed 8 M 375
Bentley 4.0L Turbo V8
3 LMP900 6   Champion Racing   JJ Lehto
  Emanuele Pirro
  Stefan Johansson
Audi R8 M 372
Audi 3.6L Turbo V8
4 LMP900 5   Audi Sport Japan Team Goh   Seiji Ara
  Jan Magnussen
  Marco Werner
Audi R8 M 370
Audi 3.6L Turbo V8
5 LMP900 11   JML Team Panoz   Olivier Beretta
  Gunnar Jeanette
  Max Papis
Panoz LMP01 Evo M 360
Élan 6L8 6.0L V8
6 LMP900 15   Racing for Holland   Jan Lammers
  John Bosch
  Andy Wallace
Dome S101 M 360
Judd GV4 4.0L V10
7 LMP900 13   Courage Compétition   Jonathan Cochet
  Stéphane Grégoire
  Jean-Marc Gounon
Courage C60 M 360
Judd GV4 4.0L V10
8 LMP900 17   Pescarolo Sport   Jean-Christophe Boullion
  Franck Lagorce
  Stéphane Sarrazin
Courage C60 M 356
Peugeot 3.2L Turbo V6
9 LMP900 18   Pescarolo Sport   Éric Hélary
  Nicolas Minassian
  Soheil Ayari
Courage C60 M 352
Peugeot 3.2L Turbo V6
10 GTS 88   Veloqx Prodrive Racing   Tomáš Enge
  Peter Kox
  Jamie Davies
Ferrari 550-GTS Maranello M 336
Ferrari F133 5.9L V12
11 GTS 50   Corvette Racing   Oliver Gavin
  Kelly Collins
  Andy Pilgrim
Chevrolet Corvette C5-R G 326
Chevrolet 7.0L V8
12 GTS 53   Corvette Racing   Ron Fellows
  Johnny O'Connell
  Franck Freon
Chevrolet Corvette C5-R G 326
Chevrolet 7.0L V8
13 LMP900 9   Kondo Racing   Masahiko Kondo
  Ukyo Katayama
  Ryo Fukuda
Dome S101 Y 322
Mugen MF408S 4.0L V8
14 GT 93   Alex Job Racing
  Petersen Motorsports
  Sascha Maassen
  Emmanuel Collard
  Lucas Luhr
Porsche 996 GT3-RS M 320
Porsche 3.6L Flat-6
15 LMP675 29   Noël del Bello Racing   Jean-Luc Maury-Laribière
  Christophe Pillon
  Didier André
Reynard 2KQ-LM M 319
Volkswagen HPT16 2.0L Turbo I4
16 GTS 86   Larbre Compétition   Patrice Goueslard
  Christophe Bouchut
  Steve Zacchia
Chrysler Viper GTS-R M 317
Chrysler 8.0L V10
17 GT 87   Orbit Racing   Leo Hindery, Jr.
  Peter Baron
  Marc Lieb
Porsche 996 GT3-RS M 314
Porsche 3.6L Flat-6
18 GT 75   Thierry Perrier
  Perspective Racing
  Michel Neugarten
  Nigel Smith
  Ian Khan
Porsche 996 GT3-RS P 305
Porsche 3.6L Flat-6
19 GT 77   Team Taisan Advan   Atsushi Yogo
  Akira Iida
  Kazuyoshi Nishizawa
Porsche 996 GT3-RS Y 304
Porsche 3.6L Flat-6
20 GT 81   The Racer's Group   Kevin Buckler
  Timo Bernhard
  Jörg Bergmeister
Porsche 996 GT3-RS M 304
Porsche 3.6L Flat-6
21 GTS 72   Luc Alphand Aventures   Luc Alphand
  Jérôme Policand
  Frédéric Dor
Ferrari 550-GTS Maranello M 298
Ferrari F133 6.0L V12
22 GTS 64   Graham Nash Motorsport
  Ray Mallock Ltd.
  Pedro Chaves
  Thomas Erdos
  Mike Newton
Saleen S7-R D 292
Ford 7.0L V8
23 LMP675 26   RN Motorsport Ltd.   John Nielsen
  Hayanari Shimoda
  Casper Elgaard
DBA4 03S D 288
Zytek ZG348 3.4L V8
24 GT 78   PK Sport, Ltd.   Robin Liddell
  David Warnock
  Piers Masarati
Porsche 996 GT3-RS P 285
Porsche 3.6L Flat-6
25 LMP900 19   Automotive Durango SRL   Sylvain Boulay
  Michele Rugolo
  Jean-Bernard Bouvet
Durango LMP1 D 277
Judd GV4 4.0L V10
26 GT 70   JMB Racing   David Terrien
  Fabrizio de Simone
  Fabio Babini
Ferrari 360 Modena GT P 273
Ferrari F131 3.6L V8
27 GT 94   Risi Competizione   Anthony Lazzaro
  Ralf Kelleners
  Terry Borcheller
Ferrari 360 Modena GT M 269
Ferrari F131 3.6L V8
28 GT 84   T2M Motorsport   Vanina Ickx
  Roland Bervillé
  Patrick Bourdais
Porsche 996 GT3-RS M 264
Porsche 3.6L Flat-6
29 LMP675 24   Welter Racing   Yojiro Terada
  Olivier Porta
  Gavin Pickering
WR LMP01 M 235
Peugeot 2.0L Turbo I4
30 GT 85   ST Team Orange SA Spyker   Norman Simon
  Tom Coronel
  Hans Hugenholtz
Spyker C8 Double-12R D 229
Audi 4.0L V8
NC LMP900 16   Racing for Holland   Felipe Ortiz
  Beppe Gabbiani
  Tristan Gommendy
Dome S101 M 316
Judd GV4 4.0L V10
NC LMP900 12   JML Team Panoz   Benjamin Leuenberger
  David Saelens
  Scott Maxwell
Panoz LMP01 Evo M 233
Élan 6L8 6.0L V8
NC GTS 68   Scorp Motorsport Communication   Luis Marques
  Olivier Thévenin
  Denis Dupuis
Chrysler Viper GTS-R D 229
Chrysler 8.0L V10
NC GT 99   XL Racing   Ange Barde
  Michel Ferté
  Gaël Lasoudier
Ferrari 550 Maranello P 227
Ferrari F131 5.5L V12
NC LMP900 4   Riley & Scott Racing   Jim Matthews
  Marc Goossens
  Christophe Tinseau
Riley & Scott MkIIIC M 214
Ford (Yates) 6.0L V8
NC LMP675 25   Welter Racing   Bastien Brière
  Jean-René de Fournoux
  Stéphane Daoudi
WR LMP02 M 176
Peugeot 3.0L V6
NC GTS 80   Veloqx Prodrive Racing   Anthony Davidson
  Kelvin Burt
  Darren Turner
Ferrari 550-GTS Maranello M 176
Ferrari F131 5.9L V12
NC LMP900 14   Team Nasamax
  McNeil Engineering
  Romain Dumas
  Robbie Sterling
  Werner Lupberger
Reynard 01Q G 138
Cosworth XDE 2.7L Turbo V8
(Bioetanolo)
NC GT 95   Risi Competizione   Shane Lewis
  Butch Leitzinger
  Johnny Mowlem
Ferrari 360 Modena GT Y 138
Ferrari F133 3.6L V8
NC GT 83   Seikel Motorsport   Anthony Burgess
  David Shep
  Andrew Bagnall
Porsche 996 GT3-RS Y 134
Porsche 3.6L Flat-6
NC LMP675 27   Intersport Racing   Jon Field
  Duncan Dayton
  Rick Sutherland
MG-Lola EX257 G 107
MG (AER) XP20 2.0L Turbo I4
NC GT 92   Dewalt Racesports Salisbury   Mike Jordan
  Michael Caine
  Tim Sugden
TVR Tuscan T400R D 93
TVR Speed Six 4.0L I6
NC GTS 66   Konrad Motorsport   Franz Konrad
  Toni Seiler
  Walter Brun
Saleen S7-R D 91
Ford 7.0L V8
NC LMP900 21   Edouard Sezionale   Patrice Roussel
  Edouard Sezionale
  Lucas Lasserre
Norma M2000-2 D 82
Ford (Roush) 6.0L V8
NC LMP675 31   Courage Compétition   David Hallyday
  Philippe Alliot
  Carl Rosenblad
Courage C65 M 41
JPX 3.4L V6
NC LMP900 10   Audi Sport UK
  Arena Motorsport
  Frank Biela
  Perry McCarthy
  Mika Salo
Audi R8 M 28
Audi 3.6L Turbo V8
NC LMP675 23   Team Bucknum Racing   Jeff Bucknum
  Bryan Willman
  Chris McMurry
Pilbeam MP91 D 27
JPX 3.4L V6
NC GT 91   Dewalt Racesport Salisbury   Rob Barff
  Richard Hay
  Richard Stanton
TVR Tuscan T400R D 11
TVR Speed Six 4.0L I6
NC GTS 61   Carsport America   Mike Hezemans
  Anthony Kumpen
  David Hart
Pagani Zonda GR P 10
Mercedes-Benz AMG 6.0L V12
Non partita LMP900 20   Lister Racing   Jamie Campbell-Walter
  Nathan Kinch
  Vincent Vosse
Lister Storm LMP D -
Chevrolet LS1 6.0L V8

StatisticheEdit

  • Pole Position — numero 7 Team Bentley — 3:32.843
  • Giro più veloce — numero 8 Team Bentley — 3:35.529
  • Distanza — 5.146,05 km
  • Velocità media di gara — 214,33 km/h
  • Velocità massima - Dome Mugen & Dome Judd - 337 km/h (in qualifica)

NoteEdit

  1. ^ Race - After 24 hours - Classement définitif (PDF), Automobile Club de l'Ouest, 17 giugno 2007, pp. 74. URL consultato il 18 agosto 2007.

Altri progettiEdit

Collegamenti esterniEdit