Apri il menu principale
3ª Squadriglia da ricognizione e combattimento
Descrizione generale
Attivadicembre 1914 - 1 dicembre 1915
NazioneItalia Italia
ServizioRA-emblem.png Servizio Aeronautico
Lesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svgRegio Esercito
Guarnigione/QGSan Vito al Tagliamento
Mortegliano
Chiasiellis
Brescia
EquipaggiamentoBlériot XI
SAML/Aviatik B.I
Battaglie/guerreprima guerra mondiale
Parte di
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 3ª Squadriglia da ricognizione e combattimento del Servizio Aeronautico del Regio Esercito fu costituita nel dicembre 1914 con aerei Blériot.

StoriaModifica

La 3ª Squadriglia Blériot, del I Gruppo nel dicembre 1914 si trovava all'Aeroporto di Aviano comandata dal capitano Egidio Carta, altri 4 piloti e 6 Blériot XI, il 21 maggio 1915 si sposta a San Vito al Tagliamento, il 29 maggio a Mortegliano ed il 5 giugno a Chiasiellis. Il 23 giugno effettua 4 bombardamenti sulle trincee e su una nave nel porto di Trieste, dal 28 giugno supporta la prima battaglia dell'Isonzo ed il 16 luglio viene sciolta dopo aver effettuato 38 voli di guerra. Il 26 settembre si inizia a Brescia la costituzione di una nuova 3ª Aviatik ma il 1º dicembre questa diventa 3ª Squadriglia caccia.[1]

NoteModifica

  1. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999 pagg. 55-56

BibliografiaModifica

  • Franks, Norman; Guest, Russell; Alegi, Gregory. Above the War Fronts: The British Two-seater Bomber Pilot and Observer Aces, the British Two-seater Fighter Observer Aces, and the Belgian, Italian, Austro-Hungarian and Russian Fighter Aces, 1914–1918: Volume 4 of Fighting Airmen of WWI Series: Volume 4 of Air Aces of WWI. Grub Street, 1997. ISBN 1-898697-56-6, ISBN 978-1-898697-56-5.
  • I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica