Apri il menu principale
3. Fallschirmjäger-Division
3rd Fallschirmjäger Division (Wehrmacht WW2).svg
Insegna della divisione
Descrizione generale
Attivaottobre 1943 - aprile 1945
NazioneGermania Germania
ServizioLuftwaffe
Tipoparacadutisti
Battaglie/guerreSbarco in Normandia
Sacca di Falaise
offensiva delle Ardenne
Sacca della Ruhr
Fonti citate nel testo
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 3. Fallschirmjäger-Division (3ª divisione paracadutisti) fu un'unità di paracadutisti della Luftwaffe (l'aeronautica militare tedesca) attiva durante la seconda guerra mondiale. A dispetto del nome, l'unità non prese mai parte ad attacchi dall'aria combattendo invece gli Alleati in Normandia e nelle Ardenne rimanendo infine accerchiata nella sacca della Ruhr nel 1945.

Indice

StoriaModifica

TEATRI OPERATIVI DELLA 3. FALLSCHIRMJÄGER-DIVISION
Luogo Periodo
Francia ott 1943 - set 1944
Paesi Bassi set 1944 - dic 1944
Ardenne dic 1944 - gen 1945
Germania e Ruhr gen 1945 - apr 1945

La formazione della 3. Fallschirmjäger-Division venne ufficialmente ordinata l'11 gennaio 1943, e l'unità nacque nell'ottobre dello stesso anno a Reims, anche se non risultò pronta al combattimento fino al maggio 1944, quando si trovava già da febbraio nell'area di Brest sotto al II Fallschirmkorps.

Il 6 giugno 1944, data dello sbarco in Normandia, la divisione risultava schierata tra Brest e Quimper, e sostenne duri scontri contro le truppe Alleate tra Saint-Lô, Chambois e Rouen, venendo annientata quasi del tutto nella sacca di Falaise. In agosto e settembre i resti della 3ª Fallschirmjäger si ritirarono combattendo passando per Tienen e Maastricht fino al confine tedesco, fermandosi ad Aquisgrana a settembre, dove passò al LXXIV corpo d'armata. Dal 24 dello stesso mese al 5 ottobre la divisione venne riorganizzata a Oldenzaal, direttamente alle dipendenze del gruppo d'armate B. A novembre combatté nella zona tra Kranenburg, Arnhem e Düren.

La divisione figurò anche tra le partecipanti all'offensiva delle Ardenne dell'inverno 1944-1945 in seno alla 6. Panzeramee, venendo logorata a tal punto che l'alto comando tedesco del fronte occidentale, dopo ulteriori scontri nell'Eifel, ad Euskirchen e a Remagen, ne riordinò la ricostituzione il 15 marzo 1945. L'unità cessò di combattere quando si arrese agli Alleati una volta rimasta intrappolata nella sacca della Ruhr nell'aprile 1945.[1][2]

Ordine di battagliaModifica

  • Stab (quartier generale)
  • Fallschirmjäger-Regiment 5 (5º reggimento paracadutisti)
  • Fallschirmjäger-Regiment 8
  • Fallschirmjäger-Regiment 9
  • Fallschirm-Panzerjäger-Abteilung 3 (3º battaglione paracadutisti anticarro)
  • Fallschirm-Artillerie-Regiment 3 (3º reggimento artiglieria dei paracadutisti)
  • Fallschirm-Flak-Abteilung 3 (3º battaglione antiaereo dei paracadutisti)
  • Fallschirm-Pionier-Bataillon 3 (3º battaglione genio paracadutisti)
  • Fallschirm-Luftnachrichten-Abteilung 3 (3º battaglione comunicazioni aeree dei paracadutisti)
  • Fallschirm-Sanitäts-Abteilung 3 (3º battaglione sanitario dei paracadutisti)

In seguito si aggiunsero:

  • Fallschirm-Granatwerfer-Bataillon 3 (3º battaglione lanciagranate dei paracadutisti)
  • Fallschirm-Feldersatz Bataillon 3 (3º battaglione rimpiazzi paracadutisti)

DATI TRATTI DA feldgrau.com.[1]

ComandantiModifica

Nome Grado Inizio Fine
Walter Barenthin Generalmajor 1º ottobre 1942 30 novembre 1942
Richard Schimpf Generalleutnant 30 novembre 1942 31 dicembre 1942
Eugen Meindl General der Fallschirmtruppen 1º gennaio 1943 25 gennaio 1943
Walter Wadehn Generalmajor 26 gennaio 1943 15 febbraio 1943
Richard Schimpf Generalleutnant 26 gennaio 1943 15 febbraio 1943
Helmut Hoffmann Oberst 26 gennaio 1943 15 febbraio 1943
Karl-Heinz Becker Oberst 26 gennaio 1943 15 febbraio 1943

VideogiochiModifica

Una rappresentazione videoludica della 3. Fallschirmjäger-Division è presente in Steel Division: Normandy 44.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) 3. Fallschirmjäger-Division, in feldgrau.com. URL consultato il 22 giugno 2011.
  2. ^ Unità della Wehrmacht, in okh.it, 22 giugno 2011.

Collegamenti esterniModifica