37ª Divisione fanteria "Modena"

37ª Divisione fanteria "Modena"
37a Divisione Fanteria Modena.png
Stemma della 37ª Divisione fanteria "Modena"
Descrizione generale
Attiva25 marzo 1939 - 21 settembre 1943
NazioneItalia Italia
ServizioRegio Esercito
Tipodivisione di fanteria da montagna
Dimensione394 ufficiali e 10015 sottufficiali, graduati e truppa (all'11 ottobre 1943)[1]
Guarnigione/QGSavona
Battaglie/guerreOccupazione italiana della Francia meridionale
Campagna italiana di Grecia
Parte di
1940: XV Corpo d'armata
1941: XXV Corpo d'armata
1943: XXVI Corpo d'armata
Reparti dipendenti
41º Reggimento fanteria "Modena"
42º Reggimento fanteria "Modena"
36ª Legione CC.NN. d'assalto "Cristoforo Colombo"
29º Reggimento artiglieria "Cosseria"
Simboli
MostrinaMostrina divisione modena.jpg
G. F. Nafziger, op. cit.
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 37ª Divisione fanteria "Modena" fu una grande unità del Regio Esercito, operativa durante la seconda guerra mondiale. Era in particolare una divisione di fanteria da montagna, che si distingueva dalle analoghe unità di fanteria ordinarie per la trazione del Reggimento di artiglieria divisionale, che risultava composto da due gruppi someggiati e di uno carrellato, invece che di due ippotrainati ed uno someggiato e per l'utilizzo di salmerie invece che del classico carreggio. Con il progredire della guerra e la progressiva motorizzazione di una parte considerevole delle artiglierie divisionali, le divisioni da montagna divennero sostanzialmente indistinguibili dalle normali divisioni di fanteria, e la denominazione specifica andò progressivamente in disuso.

StoriaModifica

Invasione italiana della FranciaModifica

Il 10 giugno 1940 la divisione Modena venne inviata a Sanremo come parte del XV Corpo d'Armata (Gruppo Armate Occidentali), a presidiare un tratto del confine dal Monte Grammondo verso nord. La divisione oltrepassò il confine il 21 giugno seguente fra la Cima di Anan e il monte Aine a est di Breil-sur-Roya, puntando al passo fortificato del Col de Brouis e al passo Col du Perus. il 26 giugno la divisione Modena fu richiamata a Belluno

Campagna di GreciaModifica

Dopo l'invasione della Francia, la divisione venne dispiegata in Albania all'interno del XXV Corpo d'Armata. Venne riunita nella base operativa di Derviçian, a sud di Argirocastro, assieme alla 47ª Divisione fanteria "Bari", sul fianco destro della 23ª Divisione fanteria "Ferrara". Il 3 dicembre 1940 rilevò la divisione Ferrara, in quell momento in difficoltà. La Modena riuscì a respingere l'assalto iniziale delle truppe greche sul monte Maja e Buzë Derrit fino al 6 December. Tuttavia i greci il 12 dicembre spostarono l'attacco verso il settore Progonat-Golëm, riuscendo velocemente a rompere le linee italiane. Vennero immediatamente dispiegate le riserve e la Modena riuscì a riconquistare le posizioni iniziali nel corso della notte. Fu tuttavia inutile, poiché i greci conquistarono nuovamente le posizioni italiane sul passo Golëm il giorno seguente, avanzando di 10 chilometri verso il monte Mali i Pleshevices, che a malapena contenne l'attacco. Allo stesso tempo, la perdita del Maja e Buzë Derrit da parte della Modena indebolì ciò che rimaneva della 23ª Ferrara, costringendola ad effettuare numerosi contro attacchi. Il 19 dicembre la Modena fissò una testa di ponte fra i villaggi di Gusmar e Lekdush nella municipalità di Kurvelesh, riuscendo a fermare l'avanzata greca. La posizione della Modena fu rinforzata il 10 gennaio 1941 a nord dal 232º reggimento della 11ª Divisione fanteria "Brennero" e più tardi, durante la difesa di Tepelenë, dal 18º reggimento della 33ª Divisione fanteria "Acqui".

Nei due mesi successivi, la Modena si rese conto di mantenere la posizione su un terreno quasi impenetrabile, che se da un lato semplificava la difesa, dall'altro causava difficoltà nei rifornimenti, con numerosi materiali che dovevano essere paracadutati per via aerea. Il 9 e 10 marzo 1941 la Modena effettuò un attacco diversivo vicino a Progonat per isolare un'unità greca e impedire che alcuni rinforzi raggiungessero Kolonjë (nella Prefettura di Argirocastro), dove le unità italiane aveva sferrato l'attacco principale. Il 13 e 14 aprile, a seguito del collasso della resistenza greca, la divisione Modena venne avanzata verso Golëm e Mali i Thate, nel distretto di Tepelenë.

Occupazione della GreciaModifica

Dopo la resa della Grecia, la 37ª Modena venne utilizzata come forza d'occupazione nell'Epiro, da Giannina fino a Prevesa. Tra i suoi compiti vi era la difesa della pista d'atterraggio di Prevesa. In seguito all'Armistizio di Cassibile dell'8 settembre 1943, la Divisione Modena venne disintegrata in circostanze non chiare, e venne ufficialmente disciolta il 21 settembre 1943

Ordine di battaglia: 1940Modifica

 
Stemma araldico del 42° Rgt.fanteria "Modena", 1939

Ordine di battaglia: 1943Modifica

  • Comando della fanteria divisionale (Gen. B. Ettore Carossini dal 1º giugno 1943)

Comandanti (1939-1943)Modifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Italian Order of Battle: An organizational history of the Italian Army in World War II, George F. Nafziger.
  • A Military History of Italy., Ciro Paoletti, Greenwood Publishing Group, 2008.

Collegamenti esterniModifica