37ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia

edizione del festival cinematografico italiano

La 37ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, (dal 1979 denominata solo Mostra Internazionale del Cinema) si è svolta a Venezia dal 28 agosto all'8 settembre del 1980, sotto la direzione di Carlo Lizzani. Da questa edizione venne ripresa l'assegnazione dei premi.[1][2][3]

StoriaModifica

La direzione di Carlo Lizzani, dal 1979 al 1982, fu caratterizzata dall'aver affiancato ai film in concorso sia retrospettive che sezioni dedicate alla sperimentazione ("Officina") e che diverrà una formula impiegata anche da altri festival nel mondo. Nel 1980 viene ripristinato l'assegnazione del Leone d'oro, che venne conferito ex aequo a Louis Malle per Atlantic City e a John Cassavetes per Gloria. La mostra contribuisce anche al rinnovamento del cinema italiano proponendo opere di Marco Tullio Giordana, Gianni Amelio, Franco Piavoli, Nanni Moretti o Paolo Benvenuti.[4] Lizzani, al fine di riformare la formula della mostra per adattarla alla società contemporanea, uscì dai limiti d una mostra d'arte per dare spazio anche allo spettacolo e alla sperimentazione proiettando film di diverso genere per pubblici diversi, anche attraverso proiezioni notturne ed eventi in parallelo alla mostra vera e propria.[3]

Venne fatta la proiezione integrale del film televisivo in 14 episodi Berlin Alexanderplatz, che il regista Rainer Werner Fassbinder aveva tratto dall'omonimo romanzo di Alfred Döblin. In una serata speciale venne riproposto Ludwig, di Luchino Visconti, restaurato nella versione integrale di 240 minuti, mai proiettata in pubblico. La retrospettiva del 1980 fu dedicata a Kenji Mizoguchi.

Non vennero assegnati né il Leone d'argento che tornerà nell'edizione successiva, né le varie Coppe Volpi agli attori.

GiuriaModifica

PremiModifica

 
Liv Ullmann, Premio Pasinetti come miglior attrice

I principali premi distribuiti furono:

Il regista brasiliano Glauber Rocha, intervistato dalla Rai all'indomani dell'assegnazione del Leone d'oro, essendo stato escluso dai premi, inscenò una clamorosa contestazione contro la direzione del Festival e contro la giuria, presieduta dalla sceneggiatrice Suso Cecchi D'Amico.[5]

Menzione speciale della giuria:

Film in concorsoModifica

BrasileModifica

  • A idade da terra (t.l. L'età della terra), regia di Glauber Rocha

CanadaModifica

FranciaModifica

Gran BretagnaModifica

GreciaModifica

IraqModifica

ItaliaModifica

Stati UnitiModifica

Unione SovieticaModifica

"Controcampo italiano"Modifica

NoteModifica

  1. ^ La Mostra del Cinema ha 70 anni, su SWI swissinfo.ch. URL consultato il 15 giugno 2021.
  2. ^ Angela Patalano, Festival del Cinema di Venezia: storia, curiosità e recensioni, su CulturaMente, 27 febbraio 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  3. ^ a b VENEZIA, MOSTRA DEL CINEMA DI in "Enciclopedia del Cinema", su www.treccani.it. URL consultato il 15 giugno 2021.
  4. ^ Storia della Mostra del Cinema, su La Biennale di Venezia, 7 dicembre 2017. URL consultato il 15 giugno 2021.
  5. ^ Glauber Rocha intervistato a proposito del Festival di Venezia del 1980, YouTube, 22 ottobre 2011. URL consultato il 2 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Edoardo Pittalis - Roberto Pugliese, Bella di Notte - agosto 1996
  • L'Europeo, Cinema in Laguna, settembre 2008

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica