3 Supermen a Tokio

film del 1967 diretto da Bitto Albertini
3 Supermen a Tokio
Tre supermen a Tokyo.jpg
Titoli di testa
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1968
Durata105 min
Genereavventura
RegiaBitto Albertini
SoggettoMario Amendola
SceneggiaturaEvroni Ebert, Mario Amendola, Bitto Albertini
Casa di produzioneCinesecolo
FotografiaUmberto Grassia
MontaggioVincenzo Vanni
MusicheRuggero Cini
ScenografiaDario Micheli
CostumiElio Micheli
Interpreti e personaggi

3 Supermen a Tokio è un film del 1968 diretto da Bitto Albertini.

È il secondo film della serie dei 3 Supermen, in cui più volte cambiano regista, interpreti e nomi dei personaggi, avviata col film I fantastici 3 Supermen del 1967.[1]

TramaModifica

Un agente britannico, incaricato di rintracciare un breve film riguardante alcuni episodi della vita di alti personaggi inglesi che, se venuti allo scoperto, avrebbero potuto far scoppiare uno scandalo, si allea con due ladri abilissimi e si mette alla ricerca della pellicola. I tre giungono a Tokio dove riescono a superare le più gravi difficoltà, evitando la morte grazie ad una maglia antiproiettile. Conosciuto uno scienziato giapponese che ha costruito una macchina capace di miniaturizzare le cose, uno dei tre si sottopone alla prova e con questo stratagemma riesce a sapere dove si trova la pellicola. Ma ciò si rivela essere una burla dei nemici che invece si trovano a Londra, pronti a presentare il film alla stampa. I tre allora si servono della macchina per miniaturizzare e con tale espediente riescono a sventare lo scandalo. Poi, per evitare un'accusa di furto, fuggono pronti per altre avventure.

NoteModifica

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), I fantastici 3 Supermen, in Fantafilm. URL consultato l'11 maggio 2018.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema