Apri il menu principale

4,2 cm lePaK 41

cannone ad anima conica tedesco
4,2 cm leichte Panzerabwehrkanone 41
4,2 cm lePaK 41
Pak 41 4,2cm kalemegdan.jpg
Tipocannone controcarri
OrigineGermania
Impiego
UtilizzatoriGermania Germania
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
Date di produzione1941-1942
Numero prodotto313
Costo unitario8 000 Reichsmark
Descrizione
Peso642 kg
Lunghezza2,35 m
Lunghezza canna2,114 m
Calibro40,3/29 mm
Munizioni42 × 406 mm R
Tipo munizionicartoccio proietto
Peso proiettile0,336 kg
Cadenza di tiro12 rpm
Velocità alla volata1 265 m/s
Tiro utile1 000 m
Elevazione-8°/+25°
Angolo di tiro60°
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

Il 4,2 cm leichte Panzerabwehrkanone 41, abbreviato in 4,2 lePaK 41[2], era un cannone ad anima conica tedesco della seconda guerra mondiale.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Cannoni tedeschi ad anima conica della seconda guerra mondiale.

Il principio della canna conica era stato brevettato nel 1903 dal progettista tedesco Karl Puff. Negli anni venti e trenta un altro ingegnere tedesco, Gerlich, condusse esperimenti con un fucile anticarro ad anima conica in calibro 7 mm, con una velocità iniziale di 1 800 m/s. Sulla base di queste esperienza, nel 1939-1940 la Mauser-Werke AG sviluppò un'arma anticarro in calibro 28/20 mm, che nel 1941 entrò in produzione come 2,8 cm sPzB 41, seguita a novembre dello stesso anno dal lePaK 41. Questo fu quindi la seconda arma ad anima conica entrata in servizio con la Wehrmacht. La sua produzione fu però breve: già nel maggio 1942 essa fu interrotta a causa della carenza di tungsteno e manganese, metalli preziosi per l'industria bellica tedesca[3]. Solo 136 cannoni furono consegnati all'esercito, di cui solo 41 erano ancora operativi nel novembre 1944[3]. La produzione di munizioni terminò già nell'agosto 1943[1].

TecnicaModifica

Il cannone impiegava una canna ad anima conica, lunga 52 calibri, il cui calibro si riduceva dai 42 mm della culatta ai 28 mm della volata. L'affusto scudato era derivato da quello del 3,7 cm PaK 36 leggermente modificato, tanto che esternamente era difficile distinguere i due cannoni[4]. Il proiettile era circondato da due flange esterne; procedendo verso la volata, le flange del proiettile venivano schiacciate, riducendo il diametro del proietto perforante decalibrato in tungsteno. L'otturatore era a cuneo orizzontale. La somiglianza tra l'affusto del 3,7 ed il 4,2 era largamente illusoria, infatti l'affusto del 3,7 era di acciaio mentre quello del 4,2 era interamente in dural, cioè realizzato in una robustissima lega d'alluminio molto usata anche in aeronautica. Notevolmente migliorato era anche il treno di rotolamento con un sistema di ammortizzazione che permetteva una maggiore velocità di traino.(1)

MunizionamentoModifica

Il lePaK 41 disponeva di due munizioni: la granata perforante 4,2 cm Pzgr.41 e la granata a frammentazione 4,2 cm Sprg.41. La Pzgr.41 aveva un nucleo in carburo di tungsteno, un rivestimento in più tenero acciaio ed un cappuccio balistico in lega di manganese. Il penetratore in tungsteno aveva un diametro di 15 mm.

Munizionamento disponibile[1]
Tipo Modello Peso (kg) Caricamento Velocità alla volata (m/s) Gittata (m)
APCNR-T 4,2 cm Pzgr.41 1,55 - 1 500 800
HE-T 4,2 cm Sprg.41 1,39 25 g - 1 000
Capacità di penetrazione
Proiettile APCNR-T 4,2 cm Pzgr.41
Distanza (m) Ad angolo di impatto 60° (mm) Ad angolo di impatto 90° (mm)
250 83 105
1000 53 60

NoteModifica

  1. ^ a b c Dati di produzione - da panzerworld.
  2. ^ Nella nomenclatura tedesca dell'epoca: cannone anticarro leggero calibro 4,2 cm modello 1941.
  3. ^ a b Fleischer ed Eiermann, p. 108.
  4. ^ Gander e Chamberlain, p. 108.

BibliografiaModifica

  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945, Doubleday, New York, 1979. ISBN 0-385-15090-3.
  • Hogg, Ian V. German Artillery of World War Two, Stackpole Books, Mechanicsville, 1997. ISBN 1-85367-480-X.
  • Wolfgang Fleischer, Richard Eiermann. Die deutsche Panzerjägertruppe 1935–1945ìì, Podzun-Pallas Verlag, 1998. ISBN 3-7909-0613-1
  • Alberto Pirella " proiettili cannoni semoventi trattori anticarro dell' Esercito tedesco"

(1)Alberto Pirella "Proiettili cannoni semoventi trattori anticarro dell'Esercito tedesco"

Collegamenti esterniModifica