Il 4-3-1-2 è un modulo di gioco del calcio, derivato dal più famoso 4-4-2.[1]

Lo schieramento del 4-3-1-2, detto "a diamante".

Il moduloModifica

Il modulo consiste in una linea difensiva a 4 giocatori, coperta da elementi atleticamente dotati in mediana.

Le due mezzali si muovono in linea a metà strada fra il vertice basso, il play con significative capacità di smistamento e visione di gioco da cui si innesca la costruzione della manovra, e il vertice alto, un trequartista tecnicamente dotato che conferisce alla manovra estro e imprevedibilità, assistendo le due punte e concludendo talvolta personalmente l'azione offensiva.[2][3][4].

Squadre che hanno utilizzato il 4-3-1-2Modifica

L'Milan di Carlo Ancelotti ha usato questo modulo dal 2001 al 2009 vincendo: 1 Campionato italiano, 2 Champions League, 2 Supercoppa Uefa, 1 Coppa Italia, 1 Fifa Club World Cup.

NoteModifica

  1. ^ Fabrizio Bocca, Il 4-3-1-2 e il trequartista se lo schema detta legge, su repubblica.it, 26 agosto 2009.
  2. ^ Antonino Morici, Inter, centrocampo fisso A Stankovic non si rinuncia, su gazzetta.it, 30 gennaio 2009.
  3. ^ Fabrizio Bocca, Lo stregone Mourinho, su repubblica.it, 5 novembre 2009.
  4. ^ https://www.uscatanzaro.net/a-lezione-di-tattica-il-rombo-a-centrocampo-nel-4-3-1-2/
  5. ^ 4 cose sulla prima Inter di Mancini, su ilpost.it, 15 novembre 2014.

Voci correlateModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio