97P/Metcalf-Brewington

cometa

La Cometa Metcalf-Brewington, formalmente indicata 97P/Metcalf-Brewington, è una cometa periodica del Sistema solare, scoperta da Joel H. Metcalf il 15 novembre 1906 come un oggetto della dodicesima magnitudine. Perduta per quasi un secolo, la cometa è stata riscoperta da Howard J. Brewington e da William A. Bradfield il 7 gennaio 1991. Quest'ultimo ha tardato a comunicare le proprie osservazioni e la cometa oggi non porta il suo nome.[3]

Cometa
97P/Metcalf-Brewington
La cometa fotografata nel novembre 2021 da Monte Palomar nell'ambito della Zwicky Transient Facility.
Stella madreSole
Scoperta15 novembre 1906
ScopritoreJ. H. Metcalf,
H. J. Brewington
Designazioni
alternative
1906 V2, 1906 VI;
1991 A1, 1991 I
Parametri orbitali
(all'epoca 11 gennaio 2001[1])
Semiasse maggiore4,801 UA
Perielio2,610 UA
Afelio6,991 UA
Periodo orbitale10,52 anni
Inclinazione orbitale17,988°
Eccentricità0,4562
Longitudine del
nodo ascendente
185,1745222244°
Par. Tisserand (TJ)2,710 (calcolato)
Ultimo perielio20 agosto 2011
Prossimo perielio15 febbraio 2022[2]
Dati fisici
Dimensioni3,4 km[1] (diametro)
Dati osservativi
Magnitudine app.4[1] (max)
Magnitudine ass.15,2

Durante il ritorno del 1991 la cometa ha subito un incremento di luminosità di circa 10 magnitudini. Essa è un esempio di un piccolo numero di comete della famiglia di Giove che hanno esibito un comportamento analogo: entrate nella fase di outburst prima o dopo il passaggio al perielio, queste comete hanno manifestate un incremento della luminosità di 9 magnitudini. Le altre sono state: la 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák nel 1973, la 98P/Takamizawa nel 1984 e la 17P/Holmes nel 2007[4].

Note modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare