Apri il menu principale

Associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori

(Reindirizzamento da ADOC)
Logo dell'Associazione

L'Associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori, in acronimo ADOC, è una associazione dei consumatori fondata il 13

aprile 1988 da un gruppo di dirigenti e lavoratori della Unione Italiana del Lavoro (UIL). Tra i fondatori dell'Associazione Bruno Bugli, che è stato il primo presidente nazionale, e Lino Saccà.

Presidenti dell'ADOC sono stati:

- Bruno Bugli

- Gianni Salvarani

- Carlo Pileri eletto il 9 marzo 2000, riconfermato come presidente nazionale dell'Associazione nei congressi del 2003 (IV Congresso), del 2007 (V Congresso) e del 2011. Si è dimesso da presidente nazionale il 25 aprile 2012

- Lamberto Santini, eletto il 10 aprile 2013

Attualmente ricopre la carica di Presidente Roberto Tascini, già segretario nazionale dell'Associazione.

L'ADOC è tra i fondatori di Consumers' Forum, costituito nel 1999 da associazioni di impresa (Telecom Italia, TIM, Trenitalia, BancaIntesa, Poste Italiane, Centromarca, Vodafone, H3G, ecc.) e associazioni di consumatori. ADOC fa inoltre parte del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti fin dal 1998.

Il 7 giugno 2007 ADOC ha fondato, con altre 17 associazioni di volontariato e promozione sociale, il "Forum nazionale per il servizio civile", del quale è stato eletto vice presidente Carlo Pileri.

Con D.M. del 19 gennaio 2007 l'ADOC è stata riconosciuta associazione di promozione civile

MissionModifica

L'Adoc assiste gli iscritti con operatori volontari esperti sui diritti del consumatore, in grado di dare informazioni ai cittadini e abilitati alle procedure di conciliazione e arbitrato. Può contare su una rete di consulenti, avvocati convenzionati e volontari del servizio civile, che consente di fornire una consulenza legale specialistica.

L'Adoc interviene in numerosi settori, dalle telecomunicazioni all'energetico, dai trasporti all'economia, dal bancario e finanziario fino al sociale. Dedica particolare attenzione alla sicurezza alimentare e alla lotta agli sprechi, si impegna quotidianamente nel miglioramento dei servizi bancari, assicurativi, telefonici, dei trasporti e dei gestori di energia, gas e acqua. È inoltre stata protagonista di numerosi eventi che hanno contraddistinto la storia dei consumatori.

L'Adoc pubblica costantemente guide, vademecum e consigli utili per la tutela dei tuoi diritti, in ogni settore d'interesse per il consumatore.

L'Adoc è profondamente radicata nel tessuto sociale, dedicando particolare attenzione alle famiglie, agli anziani, agli immigrati, ai giovani.

Pone particolare rilievo alle tematiche legate alla tutela della salute, alla lotta al gioco d'azzardo e alla contraffazione, alla battaglia contro la violenza sulle donne, alla salvaguardia dell'ambiente, promuovendo campagne informative a livello nazionale e locale.

Conciliazione PariteticaModifica

La Conciliazione Paritetica è un metodo di risoluzione stragiudiziale delle controversie che permette di trovare soluzioni tra consumatori e aziende in maniera rapida, semplice ed economica

Essa si basa su protocolli sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e la singola azienda (o associazione di categoria) che stabiliscono le regole cui le parti devono attenersi per risolvere le singole controversie.

La Commissione di Conciliazione è composta, pariteticamente, da due conciliatori adeguatamente formati, uno in rappresentanza dell'azienda e l'altro indicato dall'associazione dei consumatori prescelta dall'utente oppure assegnato secondo un criterio turnario. La procedura di conciliazione è su base volontaria: l'accordo raggiunto dalle parti viene sottoposto al consumatore il quale è libero di accettare la soluzione proposta o di rivolgersi alla giustizia ordinaria.

Per avviare la procedura di conciliazione è necessario, innanzitutto, che il consumatore presenti un reclamo all'azienda; se questa non fornisce alcuna risposta entro i termini previsti dalla relativa Carta dei Servizi o se la stessa ha inviato una risposta ritenuta insoddisfacente dal cliente, si può attivare la procedura di conciliazione che si chiude entro un termine prestabilito, generalmente entro 30/45 giorni.

  • La procedura è gratuita per il consumatore, semplice e attivabile attraverso la compilazione della relativa domanda.
  • Tempi brevi per lo svolgimento della procedura.
  • Trasparenza e informazione riguardo allo svolgimento della procedura.
  • Il consumatore è libero in ogni momento di ritirarsi dalla procedura di conciliazione.
  • È libero di accettare o meno la proposta conciliativa formulata dalla Commissione senza alcuna conseguenza negativa. Ogni argomentazione, informazione o proposta relativa alla controversia fornita all'associazione che lo rappresenta è coperta dalla riservatezza.
  • Il verbale ha efficacia di accordo transattivo ai sensi dell'art. 1965 codice civile.

L'ADOC ha avviato numerosi protocolli di conciliazione, con le principali aziende dei settori telefonia, energia, trasporti, banche e assicurazioni.

Attività svolteModifica

L'associazione è stata impegnata negli anni nelle seguenti attività:

  • Informazione e assistenza ai consumatori, con particolare attenzione ai cittadini anziani e immigrati.
  • Campagne sulla corretta alimentazione e sulla tracciabilità dei prodotti, con particolare attenzione alla lotta agli sprechi alimentari.
  • Interventi contro la microcriminalità e le contraffazioni.
  • Nella lotta allo stalking, con sportelli sul territorio dove operano team di avvocati e psicologi. Adoc assiste sia le vittime di stalking sia i potenziali stolker che vogliono evitare di diventare rei in base alla nuova normativa che prevede fino a tre anni di carcere per gli stalker condannati.
  • Controllo dei prezzi e delle tariffe, promuovendo nel dicembre 2007 una campagna denominata "gli sceriffi dei prezzi" per il monitoraggio continuo dei prezzi dei prodotti alimentari.
  • Campagna per l'adeguamento del valore detassato dei buoni pasto e della abolizione delle aste al ribasso.
  • Campagna per la tutela della privacy e per la revisione della attuale legge obsoleta, e non garantista dei reali diritti di riservatezza e di privacy.
  • Denunce all'Antitrust di accordi di cartello e contro la pubblicità ingannevole.
  • Certificazione dei siti di e-commerce ed assistenza agli acquirenti di e-commerce.
  • Monitoraggio delle carte dei servizi (standard di qualità e responsabilità dei gestori).
  • Campagna per la tutela dei minori nella fruizione dei programmi televisivi.
  • Azione per il controllo e l'eliminazione delle clausole vessatorie nei contratti.
  • Monitoraggio delle campagne pubblicitarie e denuncia dei casi di pubblicità ingannevole.
  • Azione per l'abolizione della "tassa sulla tassa" nelle bollette di luce e gas e sui carburanti e per portare l'IVA sul gas al 10% per tutti gli utenti privati.
  • Conciliazione ed ampliamento dei settori di applicazione (banche, assicurazioni, poste, ferrovie, vettori aerei, energia, gas, telefonia, ecc.).
  • Azioni per l'applicazione della legge sulla class action.
  • Miglioramento della trasparenza nel settore bancario e assicurativo e partecipazione attiva al progetto "Patti chiari".
  • Campagne di solidarietà e per l'eliminazione delle discriminazioni sociali, razziali, religiose e sessuali.
  • Monitoraggio del sistema di assistenza domiciliare integrata ed informazioni alle famiglie.
  • Iniziative per il risparmio energetico e per un miglior uso delle acque e delle risorse naturali.

Iniziative socialiModifica

Dal 2003 l'ADOC è impegnata in progetti di solidarietà sociale per il servizio civile. Con tali progetti l'ADOC ha impegnato migliaia di giovani ragazze e ragazzi, attivi nell'assistenza dei consumatori, per informare sui diritti, per garantirne la tutela nel caso fossero violati.

Tra le prime associazioni dei consumatori, nel dicembre del 2005 ha realizzato i notiziari su web ADOC-TV, curati dai giovani volontari dell'associazione ed arricchiti dai servizi provenienti dalle sedi territoriali.

Ha promosso nel corso degli anni iniziative, anche assieme ad Anas e ad Aspi, per la sicurezza stradale e contro l'uso di alcol e droghe per chi guida.

Ha realizzato tra il 2003 e il 2008 significative campagne educative per i più giovani (ragazzi delle elementari e delle medie) sul consumo responsabile e sul riciclo dei rifiuti. Importante e innovativa è stata l'iniziativa "le lacrime dell'albero" assieme all'artista bulgaro Alexander Jaghnagiev nella quale i ragazzi delle scuole di 12 città italiane, dopo un periodo di traning, hanno realizzato installazioni artistiche con bottiglie da loro dipinte e appese ad alberi nelle piazze principali delle loro città. L'inaugurazione è avvenuta a Piazza della Chiesa nuova a Roma.

Ha organizzato campagne contro le discriminazioni razziali e per l'inserimento degli immigrati, tra le quali "Un Paese nel piatto" in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, e "Un fiore è del giardino in cui nasce", per il riconoscimento dello jus soli ai figli di immigrati nati in Italia.

il 20 dicembre 2012 è stato pubblicato dalla Fondazione Bruno Buozzi (e nella versione on line dalla casa editrice Pensieri & Parole) il libro di Carlo Pileri Quando volano i fenicotteri sulla storia dell'ADOC e del movimento dei consuamtori italiani.

L'Adoc ha realizzato campagne e progetti sulla tutela degli anziani, come Attivanziano, contro la violenza sulle donne (Io non alzo le mani) e a favore dell'alfabetizzazione informatica, in collaborazione con Google.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia