ASAP Rocky

rapper, modello e produttore discografico statunitense
ASAP Rocky
A$AP Rocky UIT 2013 (cropped).jpg
ASAP Rocky nel 2013
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereCloud rap[1]
Alternative R&B
Hip hop
Periodo di attività musicale2007 – in attività
EtichettaA$AP Worldwide, Polo Grounds Music, RCA Records, Sony Music Entertainment, AWGE Label
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

Rakim Athelaston Mayers,[2] noto come ASAP Rocky (stilizzato A$AP Rocky), (New York, 3 ottobre 1988) è un rapper, modello e produttore discografico statunitense. Nato e cresciuto a New York nel quartiere di Harlem, è un membro del gruppo hip hop A$AP Mob. Ha debuttato nel mercato musicale nel 2011 con il mixtape LIVE.LOVE.A$AP e il suo primo album, intitolato LONG.LIVE.A$AP, è stato pubblicato il 15 gennaio 2013[3]. Oltre a svolgere l'attività di rapper, Rocky è un regista di video musicali.[4]

Nel luglio del 2019, è stato arrestato a Stoccolma e giudicato colpevole di un'aggressione. Meyers ha dovuto scontare un mese in custodia cautelare[5] in attesa del processo, che prevedeva due mesi di detenzione. In vista del tempo passato in custodia, il tribunale ha deciso di rimuovergli la pena sospendendo la condanna per due anni, obbligandolo però a risarcire la vittima con 12.500 corone svedesi (1.164 euro).[6][7]

BiografiaModifica

Nato nel 1988, Mayers ha iniziato a rappare all'età di 8 anni influenzato da artisti come i Three 6 Mafia, i Mobb Deep, il Wu-Tang Clan, gli UGK, i Run DMC, i Bone Thugs-n-Harmony e il gruppo rap The Diplomats[8]. Quando aveva 12 anni, suo padre è stato arrestato per spaccio di droga e, un anno dopo, suo fratello è stato assassinato[9]. Dopo aver vissuto in un rifugio con sua madre a Manhattan, si è trasferito a Elmwood Park, in New Jersey[10].

CarrieraModifica

L'inizio con gli A$AP Mob (2007-2011)Modifica

 
A$AP Mob in concerto. In primo piano A$AP Rocky (a sinistra), ed A$AP Ferg (a destra)

Nel 2007 Meyers entra negli A$AP Mob, una crew hip hop fondata nel 2006 da A$AP Yams e composta da rapper newyorkesi, produttori e registi di video musicali, accomunati dall'acronimo A$AP nei propri nomi d'arte: tra i membri più famosi spiccano A$AP Rocky, A$AP Ferg, A$AP Yams e A$AP Ant.

La parola A$AP presenta diversi significati:

  • Always Strive and Prosper (Lottare e avere successo)
  • Acronym Symbolizing Any Purpose (Acronimo che simboleggia qualsiasi cosa)
  • As Soon as Possible (Il più presto possibile).

L'8 luglio 2011 esce una compilation non ufficiale di A$AP Rocky intitolata Deep Purple contenente tutti i brani caricati sul suo canale YouTube e raccolti da un fan di Parigi.

La carriera solista (2011-oggi)Modifica

Nel 2011 inizia la carriera da solista di A$AP Rocky, parallelamente a quella di membro del collettivo A$AP Mob.

Nell'agosto del 2011 il singolo di debutto Peso viene fatto trapelare online prima dell'uscita. Dopo aver pubblicato il video della canzone Purple Swag, ASAP Rocky raccoglie su di sé le attenzioni di diverse etichette discografiche. Ad ottobre pubblica il mixtape LIVE.LOVE.A$AP con un buon riscontro della critica[11]. Firma quindi un contratto di due anni per 3 milioni di dollari con RCA Records e Polo Ground Music. Oltre al contratto discografico Rocky fonda una sua label, chiamata ASAP Worldwide, assieme al collega e amico di lunga data ASAP Yams.

 
Rocky in concerto al Corona Theatre di Montréal, nel 2012

All'inizio del febbraio 2012 assieme a Kendrick Lamar apre il Club Paradise Tour di Drake. A giugno il fondatore del collettivo Raider Klan, che in passato aveva collaborato con Rocky, accusa i membri dell'A$AP Mob di aver copiato il loro stile e accusano Rocky di aver plagiato un loro testo con la canzone Goldie, dall'album LONG.LIVE.A$AP. A luglio Mayers, in un'intervista per MTV, risponde che i membri del Raider Klan stavano solo cercando di creare hype e consiglia loro di contenersi nel fare battute. Nello stesso anno ha partecipato, nel ruolo di presidente degli USA, al video ufficiale di National Anthem della cantante statunitense Lana Del Rey.

Il 6 settembre 2012 ha duettato con Rihanna agli MTV Video Music Awards 2012 nella canzone Cockiness (Love It)[12].

Il 15 gennaio 2013 viene pubblicato il primo album in studio LONG.LIVE.A$AP,[13] con reazioni positive da parte della critica. L'album è stato anticipato dal singolo Goldie, pubblicato il 27 aprile 2012. Dal settembre al novembre 2012, ASAP Rocky ha intrapreso un tour nazionale di 40 date per pubblicizzarlo[14]. LONG.LIVE.A$AP debutta al primo posto nella Billboard 200 chart, vendendo nella prima settimana 139.000 copie negli Stati Uniti. Il 12 aprile, durante un'intervista alla stazione radio Wild 94.9, Rocky ha rivelato di essere al lavoro su un album completamente formato da strumentali e che pubblicherà senza nessun annuncio. Il 21 giugno ha annunciato di aver finito l'album di strumentali e che si intitolerà Beauty & The Beast: Slowed Down Sessions (Chapter 1).

Il 19 maggio 2015 esce il video di L$D, che ha anticipato la pubblicazione dell'album At. Long. Last. ASAP, uscito il 25 dello stesso mese. Il 22 giugno 2015 esce il nuovo singolo della cantante Selena Gomez, Good for You, in collaborazione con il rapper. Collabora inoltre con Alicia Keys per il brano Blended Family (What You Do for Love) (2016) e con Lana Del Rey per alcune tracce dell'album Lust for Life. Con i Thirty Seconds to Mars registra il brano One Track Mind, presente nel loro album America.

Nel maggio 2018 pubblica il suo terzo album in studio Testing, che vede le partecipazioni, tra gli altri, di Frank Ocean, Skepta, Kid Cudi, French Montana, FKA twigs, Dev Hynes, Kodak Black.

Il 28 agosto 2019 pubblica il singolo Babushka Boi.

Vita privataModifica

 
A$AP Rocky nel 2019

Nell'ottobre 2011, Rocky ha firmato un contratto discografico con Sony Music Entertainment da 3 milioni di dollari: 1,7 milioni destinati al suo lavoro da solista e 1,3 milioni per la sua label ASAP Worldwide.

Nel 2011 Rocky inizia a frequentare la rapper australiana Iggy Azalea, la quale confermò la loro relazione in un'intervista.[15] L'anno successivo, Rocky ha annunciato la fine della relazione.[16] Intorno ad aprile 2013, Meyers inizia a frequentare la modella statunitenseChanel Iman, che il mese successivo conferma la loro relazione.[17] Nell'aprile 2014, la coppia si è fidanzata ufficialmente;[17] tuttavia, nel mese di giugno si sono separati.[18]

Nel 2013 Meyers ha lanciato una linea di scarpe chiamate "Wings 2.0 black flag" in collaborazione con lo stilista Jeremy Scott e Adidas; successivamente, collabora con uno dei più grandi stilisti dell'alta moda, nonché suo amico, Raf Simons. Tra il 2015 e il 2016 fonda VLONE, brand streetwear, assieme ad A$AP Bari.

Nel 2017 Mayers si dichiara essere un pescetariano.[19] Nel singolo Babushka Boi, pubblicato due anni dopo, si rivela esser diventato vegano.[20]

ControversieModifica

ArrestiModifica

Meyers è stato arrestato nel luglio 2012 con l'accusa di aver agreddito un uomo dopo averlo visto usare sostanze stupefacenti illegali all'esterno di un negozio di abbigliamento da New York. È stato successivamente arrestato per aver aggredito anche due fotografi che stavano filmando la rissa.[21]

Il 31 agosto 2013, Mayers avrebbe picchiato una donna durante il Festival di Budweiser Made in America. È stato accusato di aggressione, "un reato di classe due".[19] Il caso è stato archiviato dopo che un testimone non è comparso in tribunale.[22] La donna in seguito ha intentato una causa nel luglio 2014, affermando che lei ha sofferto certe condizioni in seguito all'aggressione.[22] Mayers dichiarò che non aveva mai toccato la donna, e che lei «avrebbe dovuto sapere che potevano esserci problemi con così tante persone».[23] La causa è stata risolta tra i due nell'aprile 2015.[24]

Viene arrestato di nuovo il 2 luglio 2019 a Stoccolma in Svezia durante il suo tour europeo con l’accusa di aver aggredito un uomo.[25]Il 26 luglio è stato incriminato per aggressione, ed è rimasto per un mese in custodia cautelare in attesa dell'inizio del processo. Il 2 agosto esce di prigione: il procedimento di primo grado avanti la Corte di Stoccolma si è concluso con una condanna a sei mesi di reclusione, con pena sospesa[26] e obbligo di risarcimento della vittima con 12.500 corone svedesi (1.164 euro).[6][7] Pochi giorni dopo, pubblica il video di Babushka Boi in cui le forze dell'ordine vengono raffigurate sotto forma di maiali.[27]

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di ASAP Rocky.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ A$AP Rocky leads the ‘cloud rap’ storm - The Boston Globe
  2. ^ (DE) Es wird eng für den US-Rapper ASAP Rocky in Stockholm, su augsburger-allgemeine.de, 25 luglio 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  3. ^ A$AP Rocky Reveals Album Release Date, Cover Art | Rap-Up
  4. ^ (EN) Chris Coplan, Video: Danny Brown – “Blunt After Blunt” (directed by ASAP Rocky), su consequenceofsound.net, 28 novembre 2011. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  5. ^ Il rapper ASAP Rocky è stato incriminato per aggressione in Svezia, su ilpost.it, 25 luglio 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  6. ^ a b Antonio Michele Storto, Il rapper A$AP Rocky condannato in Svezia per aggressione, su it.euronews.com, 14 agosto 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  7. ^ a b (EN) ASAP Rocky case: Rapper found guilty of assault, su BBC, 14 agosto 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  8. ^ A$AP Rocky Talks Debut Album, Musical Influences, and Accepting Gay Fans | Vibe
  9. ^ Gen F: ASAP Rocky | The FADER
  10. ^ https://www.nytimes.com/2011/10/13/arts/music/asap-rocky-new-york-rapper-with-a-hint-of-elsewhere.html?pagewanted=all&_r=0
  11. ^ Piero Scaruffi, A$AP Rocky, su History of Rock Music - scaruffi.com. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  12. ^ Rihanna And A$AP Rocky Perform ‘Cockiness (Remix)' At MTV VMAs
  13. ^ A$AP Rocky Delays "LongLiveA$AP" To 2013 | Get The Latest Hip Hop News, Rap News & Hip Hop Album Sales | HipHop DX, su hiphopdx.com. URL consultato il 14 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2012).
  14. ^ A$AP Rocky Announces 'LONGLIVEA$AP Tour' | Billboard
  15. ^ (EN) V Exclusive! Iggy Azalea Confirms Romantic Relationship with A$AP Rocky, su vibe.com, 13 gennaio 2012. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  16. ^ (EN) A$AP Talks Iggy Azalea, Says They’re Not Dating, su xxlmag.com, 9 luglio 2012. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  17. ^ a b (EN) Michele Corriston, Chanel Iman and Rapper ASAP Rocky to Marry, su people.com, 7 aprile 2014. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  18. ^ (EN) Olivia Jade Khoury, Here's Where A$AP Rocky And Chanel Iman Stand Now, su vibe.com, 27 marzo 2015. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  19. ^ a b A$AP Rocky: What I've Learned, su web.archive.org, 26 aprile 2017. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2017).
  20. ^ (EN) Sydney Gore, A$AP Rocky Would Like to Inform You That He’s a Fully Committed Vegan, su highsnobiety.com, 28 agosto 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  21. ^ (EN) A$AP Rocky Sued Rapper Got High & Beat the Crap Outta Me!, su tmz.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  22. ^ a b (EN) Kory Grow, Kory Grow, ASAP Rocky Sued for Allegedly Slapping Fan, su Rolling Stone, 22 luglio 2014. URL consultato il 1º maggio 2019.
  23. ^ (EN) Marvin Jules, A$AP Rocky Denies Slapping Fan At Made In America Festival - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 1º maggio 2019.
  24. ^ ASAP Rocky Settles 2013 Assault Case, su HotNewHipHop. URL consultato il 1º maggio 2019.
  25. ^ Il rapper A&AP Rocky arrestato per rissa in Svezia: "Nella sua cella feci non ripulite e condizioni disumane"..., .tgcom24.mediaset.it, 11 luglio 2019.
  26. ^ Il rapper A$AP Rocky, da settimane al centro di un delicato caso diplomatico fra Stati Uniti e Svezia, è stato condannato a sei mesi di carcere per aggressione, su Il Post, 14 agosto 2019. URL consultato il 14 agosto 2019.
  27. ^ Matteo Quaresmini, ASAP Rocky è contro le forze dell'ordine nel video di Babushka Boi, su Rapologia.it, 29 agosto 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN296593683 · ISNI (EN0000 0003 7290 4423 · Europeana agent/base/131226 · LCCN (ENno2013015444 · BNF (FRcb16694378m (data) · WorldCat Identities (ENno2013-015444