A Momentary Lapse of Reason Tour

tournée dei Pink Floyd
A Momentary Lapse of Reason Tour
Tour dei Pink Floyd
Album A Momentary Lapse of Reason
Inizio Lansdowne Park, Ottawa
9 settembre 1987
Fine Knebworth, Stevenage
30 giugno 1990
Tappe 7
Spettacoli 197
Cronologia dei tour dei Pink Floyd
The Wall Tour
(1980-1981)
The Division Bell Tour
(1994)

A Momentary Lapse of Reason Tour fu una tournée dei Pink Floyd intrapresa tra il 1987 e il 1989 in seguito all'uscita dell'album A Momentary Lapse of Reason.

Primo tour senza Roger Waters, terminò formalmente il 18 luglio 1989 con una coda nel 1990 al festival di Knebworth (Another Lapse Tour). Da questo tour furono tratti 2 album live: Delicate Sound of Thunder del 1988 e Live at Knebworth '90 del 1990.

Scaletta principaleModifica

Prima parteModifica

  1. Shine on You Crazy Diamond
    1. Echoes † dopo il 25 settembre 1987
  2. Signs of Life
  3. Learning to Fly
  4. Yet Another Movie
  5. Round and Around
  6. A New Machine (Part 1)
  7. Terminal Frost
  8. A New Machine (Part 2)
  9. Sorrow
  10. The Dogs of War
  11. On the Turning Away

Seconda parteModifica

  1. One of These Days
  2. Time
  3. On the Run
  4. The Great Gig in the Sky
  5. Wish You Were Here
  6. Welcome to the Machine
  7. Us and Them
  8. Money
  9. Another Brick in the Wall (Part 2)
  10. Comfortably Numb
  11. One Slip
  12. Run Like Hell

Scaletta del concerto a Venezia (15 luglio 1989[1])Modifica

 
Il megapalco del concerto dei Pink Floyd allestito il 15 luglio 1989 nel bacino di San Marco a Venezia
 Lo stesso argomento in dettaglio: Concerto dei Pink Floyd a Venezia.

Il concerto di Venezia fu un evento speciale organizzato durante la tradizionale festa del Redentore del 1989, seguito gratuitamente da circa 200.000 spettatori assiepati sulle rive del bacino di San Marco e trasmesso in mondovisione dalla Rai in 20 paesi, con oltre 100 milioni di telespettatori. A causa delle restrizioni di tempo della trasmissione TV dal vivo e dei satelliti, alcune canzoni furono tralasciate ed altre accorciate in alcuni punti. Dopo il concerto seguirono aspre polemiche sulla cattiva gestione dell'evento.

«Lo spettacolo di Venezia è stato molto divertente, ma molto teso e snervante. Avevamo una durata specifica dello spettacolo da fare; la trasmissione via satellite ci ha obbligato ad avere un programma assolutamente preciso. Avevamo l'elenco delle canzoni, e le avevamo accorciate, cosa che non avevamo mai fatto prima. Avevo un grande orologio digitale rosso sul pavimento di fronte a me, e l'ora di inizio di ogni canzone scritta su un pezzo di carta. Se ci stavamo avvicinando all'ora di inizio della canzone successiva, dovevo solo chiudere quella che stavamo suonando. Ci siamo divertiti molto, ma le autorità cittadine che avevano accettato di fornire i servizi di sicurezza, servizi igienici, cibo, hanno completamente rinnegato tutto quello che dovevano fare, e poi hanno cercato di incolpare noi di tutti i problemi successivi.»

(David Gilmour[2])
  1. Shine On You Crazy Diamond (Part I) - solo intro
  2. Learning to Fly
  3. Yet Another Movie
  4. Round and Around
  5. Sorrow - accorciato
  6. The Dogs of War
  7. On the Turning Away
  8. Time
  9. The Great Gig in the Sky
  10. Wish You Were Here
  11. Money - accorciato
  12. Another Brick in the Wall (Part 2)
  13. Comfortably Numb
  14. Run Like Hell

Scaletta del festival di Knebworth (30 giugno 1990[3])Modifica

  1. Shine On You Crazy Diamond
  2. The Great Gig in the Sky
  3. Wish You Were Here
  4. Sorrow
  5. Money
  6. Comfortably Numb
  7. Run Like Hell

NoteModifica

  1. ^ (EN) dal sito Ultimate Classic Rock, articolo 26 Years Ago: Pink Floyd Concert Brings Down Venice's Government [1]. URL consultato il 27 settembre 2015.
  2. ^ The Rightful Heir?, in Q Magazine #48, September 1990. URL consultato il 23 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  3. ^ (EN) dal sito Ultimate Classic Rock, articolo Live at Knebworth' Brings Historic 1990 Concert to Blu-ray [2] URL consultato il 27 settembre 2015.
  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo