Apri il menu principale

A Saucerful of Secrets

album dei Pink Floyd del 1968
A Saucerful of Secrets
ArtistaPink Floyd
Tipo albumStudio
Pubblicazione29 giugno 1968 Regno Unito
27 luglio 1968 Stati Uniti
Durata38:48
Dischi1
Tracce7
GenereRock psichedelico[1]
Space rock[2]
EtichettaColumbia Graphophone Company/EMI Regno Unito
Tower Records/Capitol Stati Uniti
ProduttoreNorman Smith
Registrazioneagosto–ottobre 1967
gennaio–aprile 1968
Abbey Road Studios e Sound Techniques Studios, Londra (Regno Unito)
FormatiLP, MC, Stereo 8, CD, download digitale
Pink Floyd - cronologia
Singoli
  1. Let There Be More Light/Remember a Day
    Pubblicato: 19 agosto 1968
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[3] 3.5/5 stelle
Paste[4] 8,3/10
Piero Scaruffi[5] 8/10
Rolling Stone[6] 3/5 stelle

A Saucerful of Secrets è il secondo album in studio del gruppo musicale britannico Pink Floyd, pubblicato nel 1968 dalla Columbia Graphophone Company.

DescrizioneModifica

La nascita dell'album coincise con il declino dello stato mentale di Syd Barrett, frontman e chitarra solista del gruppo fino all'ingresso di David Gilmour nei Pink Floyd.[7] Questo è l'ultimo lavoro dei Pink Floyd a cui Barrett prese parte prima di essere allontanato definitivamente dal gruppo. È proprio in questo periodo che Barrett cominciò ad accusare problemi di carattere psichiatrico e psicologico (recenti studi ipotizzano una sindrome di Asperger).[8] In sua presenza, infatti, le registrazioni risultarono lunghe e difficoltose e divenne impossibile per il gruppo sostenere un tale peso. Le uniche apparizioni di Barrett in quest'album furono la chitarra su Remember a Day (originariamente intitolato Sunshine e pensato per The Piper at the Gates of Dawn), Set the Controls for the Heart of the Sun, Corporal Clegg e Jugband Blues, unico brano da lui scritto e cantato.

RealizzazioneModifica

L'album venne registrato tra l'agosto 1967 ed il maggio 1968 presso gli EMI Studios di Abbey Road e ai Sound Techniques Studios di Chelsea, ma missato interamente agli Abbey Road.

La produzione dell'album fu affidata a Norman Smith. La copertina e le foto sono dell'Hipgnosis di Storm Thorgerson, che realizzò molte delle copertine dei Pink Floyd; è formata da un collage di 13 immagini tra cui figurano alcuni frammenti del fumetto basato sul Dottor Strange, l'immagine di un alchimista, immagini di ampolle e bottiglie, una ruota con i segni zodiacali, il sole, alcuni pianeti e una piccola foto del gruppo sulle rive di un fiume sito fuori Londra. Sulla copertina si può leggere anche la scritta "y d pinkfloyd p" e resta il dubbio sul reale significato delle lettere iniziali e di quella finale. Durante la pubblicazione, venne rimosso l'articolo "The" dal nome Pink Floyd.

TourModifica

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese il World Tour 1968, durato per tutto il 1968.

TracceModifica

Lato A
  1. Let There Be More Light – 5:39 (Roger Waters)
  2. Remember a Day – 4:33 (Rick Wright)
  3. Set the Controls for the Heart of the Sun – 5:28 (Roger Waters)
  4. Corporal Clegg – 4:13 (Roger Waters)
Lato B
  1. A Saucerful of Secrets – 11:57 (Roger Waters, Rick Wright, Nick Mason, David Gilmour)
  2. See-Saw – 4:36 (Richard Wright)
  3. Jugband Blues – 2:56 (Syd Barrett)

FormazioneModifica

GruppoModifica

Altri musicisti

ProduzioneModifica

CuriositàModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Jacqueline Edmondson Ph.D., Music in American Life: An Encyclopedia of the Songs, Styles, Stars, and..., p. 147, ISBN 978-1-4299-6589-7. URL consultato il 9 febbraio 2019.
    «Although Pink Floyd found its own origins in the psychedelic rock of the late 1960s—most notably in The Piper at the Gates of Dawn (1967) and A Saucerful of Secrets (1968)».
  2. ^ (EN) Bill Martin, Listening to the Future: The Time of Progressive Rock, 1968-1978, p. 165, ISBN 978-1-4299-6589-7. URL consultato il 9 febbraio 2019.
    «Pink Floyd, with their first two albums, estabilished the possibilities of "space rock"».
  3. ^ (EN) A Saucerful of Secrets, su AllMusic, All Media Network.
  4. ^ (EN) Stephen M. Deusner, Assessing a Legacy: Why Pink Floyd? Reissue Series, Paste. URL consultato il 17 maggio 2017.
  5. ^ (EN) The History of Rock Music. Pink Floyd: biography, discography, reviews, links, Piero Scaruffi. URL consultato il 17 maggio 2017.
  6. ^ (EN) Pink Floyd: Album Guide, Rolling Stone. URL consultato il 17 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2011).
  7. ^ (EN) Bob Carruthers, Pink Floyd – Uncensored on Record, Henley-in-Arden, Coda Books Ltd, 2011, ISBN 978-1-908538-27-7. URL consultato il 19 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2015).
  8. ^ L'ipotesi, Syd Barrett dei Pink Floyd forse aveva la sindrome Asperger, Adnkronos, 19 marzo 2015. URL consultato il 3 giugno 2015.
  9. ^ Palacios, pp. 157-158.

BibliografiaModifica

  • Julian Palacios, Syd Barrett and Pink Floyd, Plexus, 2010, ISBN 0-85965-431-1.
  • Barry Miles, Pink Floyd - The Early Years, Omnibus Press, 2006, ISBN 978-1-84609-444-6.
  • Nicholas Schaffner, Saucerful of Secrets: The Pink Floyd Odyssey, Dell Publishing, 1991, ISBN 0-517-57608-2.
  • Alessandro Bratus, Pink Floyd. 40 anni di suoni e visioni, Editori Riuniti, 2005, ISBN 88-359-5667-6.
  • Julian Palacios, Lost in the Woods: Syd Barrett and the Pink Floyd, Plexus Publishing, Limited, 2001, ISBN 0-7522-2328-3.
  • Mark Blake, Pigs Might Fly - The Inside Story of Pink Floyd, Aurum Press Ltd, 2007, ISBN 1-84513-261-0.
  • Vernon Fitch, The Pink Floyd Encyclopedia, Collector's Guide Publishing, Inc., 2005, ISBN 1-894959-24-8.
  • Cliff Jones, Another Brick in the Wall: The Stories Behind Every Pink Floyd Song, Broadway Books, 1996, ISBN 0-553-06733-8.
  • Andy Mabbett, The complete guide to the music of Pink Floyd, Omnibus Press, 1995, ISBN 0-7119-4301-X.
  • Nick Mason, Inside Out - La prima autobiografia dei Pink Floyd, Rizzoli, 2005, ISBN 88-17-00558-4.
  • Luca Ferrari, Tatuato sul muro. L'enigma di Syd Barrett, Edizioni Blues Brothers, 1995, ISBN 978-88-8074-006-3.
  • Christian Diemoz, Le Canzoni dei Pink Floyd, 2002, Editori Riuniti, 1991, ISBN 978-88-359-5313-5.
  • Franco Brizi, Pink Floyd, Coniglio Editore, 2007, ISBN 88-88833-62-5.
  • Alfredo Marziano, Mark Worden, Floydspotting. Guida alla geografia dei Pink Floyd, Giunti Editore, 2008, ISBN 88-09-05961-1.
  • The Lunatics, Il Fiume Infinito - Tutte le Canzoni dei Pink Floyd, 2014, Giunti, ISBN 978-88-09-79667-6.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo