A cena con un cretino

film del 2010 diretto da Jay Roach
A cena con un cretino
Dinner for Schmucks.jpg
Steve Carell e Paul Rudd in una scena del film
Titolo originaleDinner for Schmucks
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2010
Durata114 min
Generecommedia, comico
RegiaJay Roach
SoggettoFrancis Veber
SceneggiaturaDavid Guion, Michael Handelman
ProduttoreLaurie MacDonald, Walter F. Parkes, Jay Roach
Produttore esecutivoJon Poll, Amy Sayres, Gary Barber, Sacha Baron Cohen, Roger Birnbaum, Francis Veber
Casa di produzioneDreamWorks SKG, Paramount Pictures, Spyglass Entertainment
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaJim Denault
MontaggioAlan Baumgarten
ScenografiaMichael Corenblith
CostumiMary E. Vogt
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

A cena con un cretino (Dinner for Schmucks) è un film commedia del 2010, diretto da Jay Roach ed interpretato da Steve Carell e Paul Rudd; è il remake del classico del cinema comico francese La cena dei cretini.

TramaModifica

Tim è un dipendente ambizioso di una società di investimenti (rifiuta l'appellativo di "broker") che per assecondare il suo capo deve rinunciare ai suoi principi ed essere bugiardo con la sua ragazza, perché deve procurare un fenomeno da baraccone da esibire durante una singolare cena. La persona in cui si imbatte casualmente è Barry che, pur sembrando adatto a vincere la gara, finisce per creare a Tim notevoli problemi di ordine pratico.

Barry è un appassionato di tassidermia, la tecnica di conservazione di animali morti, in questo caso topolini: una volta imbalsamati, li veste come se fossero delle persone.

ProduzioneModifica

L'elaborato diorama con i topi e i "Mouseterpieces" (riproduzioni di capolavori dell'arte con topi come protagonisti) sono stati creati dai Fratelli Chiodo.[1]

DistribuzioneModifica

Il film è uscito nelle sale cinematografiche francesi il 21 luglio 2010, in quelle statunitensi il 23 luglio 2010. In Italia la pellicola è stata distribuita da Universal Pictures il 5 novembre 2010.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Cristy Lytal, Working Hollywood: Making mice for 'Dinner for Schmucks', in Los Angeles Times, 25 luglio 2010.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema