Apri il menu principale

La forma a cipolla si ritrova in architettura, in ebanisteria, nelle decorazione di porcellane e di ceramiche, nell'aspetto di orologi da tasca, nella struttura delle stelle e in molti altri oggetti.

Orologio da tavolo con piedi a cipolla Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci, Milano

Indice

DescrizioneModifica

L'aspetto esterno della cipolla - una sfera schiacciata in alto e in basso e che termina con un ciuffo - e la sua conformazione a strati sovrapposti hanno suggerito la denominazione a cipolla, applicata ad oggetti molti diversi tra loro, per grandezza per colore e per materiale con il quale sono composti.

AbbigliamentoModifica

Un tipo di abbigliamento, utilizzato per alcuni sport all'aria aperta come l'escursionismo, è detto a cipolla perché composto da capi indossati uno sull'altro. Questo sistema permette di modificare la quantità di indumenti indossati, a seconda della temperatura esterna al corpo e delle condizioni climatiche.

ArchitetturaModifica

La cupola a bulbo o a cipolla è caratterizzata dal corpo rialzato e strombato e da una coronazione slanciata a punta. Questa forma di cupola è tipica dell'architettura di Paesi dell'Europa centrale - in particolare di Austria, Baviera, Germania, Ucraina e Polonia - e anche della Finlandia e della Russia (barocco moscovita). In Italia si trovano esempi in Abruzzo, in Friuli, in Molise, in Trentino-Alto Adige e in altre regioni. Il settecentesco cupolino a cipolla della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Oristano è rivestito in maiolica. A Venezia la chiesa della Madonna dell'Orto ha la cupola a cipolla.

 
Orologio a cipolla Gousset

AstronomiaModifica

La stella gigante e la stella supergigante sono dette a cipolla, perché hanno una struttura interna a più strati sovrapposti: i più interni si trovano ad una temperatura più elevata e bruciano elementi più pesanti.

Sulla luna, il cratere Gibbs ha il bordo esterno non esattamente circolare e possiede una protuberanza a nord che gli conferisce un aspetto a cipolla.

EbanisteriaModifica

Il piede a cipolla, che venne in uso in Europa occidentale nel Seicento, è una base di mobile a forma di sfera schiacciata. Fu utilizzato per credenze, tavoli, armadi, cantoniere. Il motivo rimase in uso in Inghilterra e fu ampiamente ripreso nell'Ottocento, in particolare per mobili austriaci in stile Biedermeier.

Un pulpito dalla forma di cipolla, opera dell'ebanista orsognese Modesto Salvini è nella chiesa barocca di San Rocco a Guardiagrele.

GiardinaggioModifica

Il diffusore a pioggia che si installa sul beccuccio di un innaffiatoio, per moderarne il getto d'acqua troppo potente, è detto a cipolla.

Geometria pianaModifica

In geometria piana il cerchio può essere rappresentato e quindi calcolato come la somma dei suoi strati, disposti a cipolla.

OrologeriaModifica

L'orologio da taschino, detto in gergo cipolla oppure orologio a cipolla, è di piccole dimensioni. In genere è dotato di una catenella per appenderlo al gilet e di un coperchio, a volte decorato con incisioni. Se ne trovano in argento, in oro e anche in metallo. Venne in uso nell'Ottocento e rimase in produzione fino a metà del secolo passato.

 
Meissen, decoro a cipolla

Porcellana e ceramicaModifica

Il motivo decorativo a cipolla, conosciuto anche col nome tedesco zwiebelmuster, fu introdotto nel Settecento dalla fabbrica di porcellana di Meissen. Era realizzato sottovernice, nella tinta blu oppure rosso. Si tratta di un particolare decoro, con foglie e fiori uniti a pesche che, per la forma schiacciata e stilizzata, furono scambiate per cipolle. Il decoro fu ripreso da altre manifatture e riprodotto anche su pezzi in ceramica.

BibliografiaModifica

Per l'antiquariato:

  • Dizionario dell'antiquariato maggiore e minore, Roma, Gremese, 2002, SBN IT\ICCU\TO0\1149444. Sotto la direzione di Jean Bedel; edizione italiana a cura di Alcide Giallonardi.

Per la linguistica:

  • Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana. 3. Cert-Dag, Torino, Unione tipografico-editrice torinese, 1961-2007, SBN IT\ICCU\CFI\0026056.
  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica