A lyga 2020

A lyga 2020
SMSCredit.lt A lyga 2020
Competizione A lyga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 31ª
Organizzatore LFF
Date dal 7 marzo 2020
al novembre 2020
Luogo Lituania Lituania
Partecipanti 6
Formula doppia fase
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2019 2021 Right arrow.svg

La A lyga 2020 è la 31ª edizione della massima divisione del campionato lituano di calcio. La stagione, iniziata il 7 marzo 2020, è stata subito sospesa il 12 marzo a causa della pandemia di COVID-19[1][2]; è ripresa il 30 maggio[3] e si concluderà a novembre 2020. Il Sūduva è la squadra campione in carica.

Mappa di localizzazione: Lituania
Banga Gargždai
Banga Gargždai
Kauno Žalgiris
Kauno Žalgiris
Panevėžys
Panevėžys
Sūduva
Sūduva
Riteriai
Riteriai
Žalgiris
Žalgiris
Ubicazione delle squadre della A lyga 2020.

StagioneModifica

NovitàModifica

Durante la A lyga 2019 lo Stumbras era stato dichiarato fallito, mentre a fine stagione Atlantas e Palanga, nonostante avessero manifestato la volontà di partecipare alla A lyga, sono state squalificate dopo un'inchiesta sul calcioscommesse. Dalla 1 Lyga 2019 è stato promosso il Džiugas Telšiai, che però non ha ottenuto la licenza per partecipare alla massima serie, e il Banga Gargždai, che ha vinto lo spareggio.

FormulaModifica

Il campionato è composto di 6 squadre e ogni squadra affronta le altre squadre sei volte, tre volte in casa e tre volte in trasferta, per un totale di 30 giornate. Tutte le squadre accedono alla seconda fase per la definizione delle posizioni finali. Nessuna squadra retrocede in 1 Lyga.

Nella seconda fase ciascuna squadra affronta le altre una volta sola per un totale di cinque giornate, con le squadre che mantengono i punti conquistati nella stagione regolare. La squadra prima classificata è campione di Lituania ed è ammessa al secondo turno di qualificazione della UEFA Champions League 2021-2022. Le squadre classificate al secondo e terzo posto sono ammesse al primo turno di qualificazione della UEFA Europa Conference League 2021-2022, assieme alla vincitrice della Coppa di Lituania.

AvvenimentiModifica

A causa del protrarsi della sosta provocata dalla diffusione della pandemia di COVID-19, è stato stabilito che le sei squadre si affrontano quattro volte soltanto, invece di sei, per un totale di 20 giornate, eliminando anche la seconda fase; inoltre non è prevista alcuna retrocessione.[4]

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
Banga Gargždai Gargždai Gargždų miesto stadionas 2º posto in 1 lyga
Kauno Žalgiris Kaunas FA Kauno Žalgiris stadionas 4º posto in A lyga
Panevėžys Panevėžys Aukštaitijos stadionas 5º posto in A Lyga
Riteriai Vilnius Stadio LFF 3º posto in A lyga
Sūduva Marijampolė Hikvision Arena Campione di Lituania
Žalgiris Vilnius Vilnius Stadio LFF 2º posto in A lyga

ClassificaModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Sūduva 43 19 13 4 2 32 15 +17
2. Žalgiris Vilnius 42 19 13 3 3 39 14 +25
3. Kauno Žalgiris 35 19 11 2 6 29 18 +11
4. Banga Gargždai 15 19 3 6 10 15 29 -14
5. Riteriai 11 18 2 5 11 16 36 -20
6. Panevėžys 10 18 2 4 12 17 36 -19

Legenda:

      Campione di Lituania e ammessa alla UEFA Champions League 2021-2022.
      Ammesse alla UEFA Europa Conference League 2021-2022.

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Partite vinte
  • Posizionamento delle squadre riserve nel campionato riserve

RisultatiModifica

Ban Kau Pan Rit Sūd Žal
Banga Gargždai –––– 1-1
1-2
2-0
3-3
1-1
1-1
0-2
1-2
0-1
0-4
Kauno Žalgiris 2-0
2-3
–––– 2-0
3-2
2-1
-
0-1
3-0
0-1
0-1
Panevėžys 2-1
-
0-2
0-1
–––– 2-1
1-1
1-3
1-1
1-2
1-2
Riteriai 0-1
4-0
0-3
0-1
1-1
-
–––– 1-3
1-2
0-7
2-2
Sūduva 1-0
0-0
1-0
1-1
3-0
1-0
1-0
7-1
–––– 1-1
2-0
Žalgiris Vilnius 0-0
1-0
2-3
3-1
4-0
3-2
0-1
1-0
4-0
-
––––

StatisticheModifica

Classifica marcatoriModifica

Gol Giocatore Squadra

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica