Apri il menu principale

Aba I

vescovo cristiano orientale, scrittore e santo siriaco
Aba il Grande
Mar Abba I the Great.jpg
 
Nascitafine V secolo
Morte552
Ricorrenza28 febbraio
Aba I
patriarca della Chiesa d'Oriente
Mar Abba I the Great.jpg
NatoHala (Mesopotamia),
fine V secolo
Elevato patriarca540
Deceduto552
 

Mar Aba I (Mār Āḇā) (Hala, fine V secolo – 552) è stato un vescovo cristiano orientale, scrittore e santo siro, patriarca della Chiesa d'Oriente dal 540 al 552.

Indice

BiografiaModifica

Nato alla fine del V secolo da una famiglia zoroastriana,[1] tra il 520 e il 525 si convertì al cristianesimo[1] di dottrina nestoriana,[2] studiò e insegno alla Scuola di Nisibi.[3] Imparò quindi il greco a Edessa[2] e viaggiò a Costantinopoli e in Palestina, Egitto, Grecia, Elam, Persia.[2][4]

Fu il fondatore della scuola teologica di Seleucia:[2][4] scrisse di filosofia, astronomia, medicina,[3] fu autore di omelie e di mēmrē,[4] e tradusse dal greco.[3]

Commentatore della Sacra Scrittura, è noto specialmente per un libro in siriaco sul diritto matrimoniale, intitolato Sopra i limiti dei rapporti sessuali e sopra la presa delle donne;[3][4][5] il libro, un commento ai divieti matrimoniali prescritti dal Levitico (XVIII e XX, 10-21), è diviso in cento capitoli o articoli e costituisce il tentativo più antico di letteratura giuridica nell'Oriente cristiano.[5] Aba giustifica le disposizioni dell'Antico Testamento, polemizzando contro le dottrine mazdaico-zoroastriane sul matrimonio, cosa che gli procurò una vera e propria persecuzione.[3][5]

Gli viene inoltre accreditata una traduzione delle Scritture, di cui non è rimasta traccia, e la traduzione in siriaco della liturgia di Nestorio.[2]

Fu vescovo di Seleucia-Ctesifonte e patriarca della Chiesa d'Oriente dal 539/540 al 552.[5] Riorganizzò la Chiesa, tra il dicembre 543 e il gennaio 544, reintroducendo il celibato per i religiosi e vietando i matrimoni tra parenti prossimi.[1]

Per lo scià Cosroe I l'esempio di Aba, convertito dallo zoroastrismo al cristianesimo, divenne pericoloso: bisognava evitare che le conversioni aumentassero. Quando però il clero zoroastriano lo condannò a morte per apostasia, lo scià intervenne in suo favore e fece commutare la pena capitale con l'esilio:[6] Mār Abā trascorse quindi un durissimo esilio di sette anni in Azerbaigian;[2] al suo ritorno a Seleucia fu messo in prigione, dove morì,[2] nel 552.[4]

Suoi discepoli furono Paolo di Nisibi e Tommaso di Edessa.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) MĀR ABĀ, in Encyclopædia Iranica, 7 aprile 2008. URL consultato il 16 novembre 2014.
  2. ^ a b c d e f g Chabot.
  3. ^ a b c d e Treccani
  4. ^ a b c d e f AA.VV.
  5. ^ a b c d Furlani
  6. ^ Paolo Delaini, La scuola di Gundēšābūr, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Tesi di dottorato, 2012.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN259501338 · GND (DE1024801071