Abacavir

composto chimico
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Abacavir
Abacavir.svg
Abacavir ball-and-stick model.png
Nome IUPAC
{(1S,4R)-4-[2-ammino-6-(ciclopropilammino)-9H-purin-9-il]ciclopent-2-en-1-il}metanolo
Nomi alternativi
Ziagen
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC14H18N6O
Massa molecolare (u)286.332 g/mol
Numero CAS136470-78-5
Numero EINECS620-487-9
Codice ATCJ05AF06
PubChem441300
DrugBankDB01048
SMILES
n3c1c(ncn1[C@H]2/C=C\[C@@H](CO)C2)c(nc3N)NC4CC4
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaantivirale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità83%
Metabolismoepatico
Emivita1.54 ± 0.63 h
EscrezioneRene (1.2% abacavir, 30% 5'-carboxylic acid metabolite, 36% 5'-glucuronide metabolite, 15% unidentified minor metabolites). Fecale (16%)
Indicazioni di sicurezza

Abacavir, venduto con il marchio Ziagen, è un farmaco usato per prevenire e curare l' HIV/AIDS.[1][2] Esso è chimicamente simile ad altri inibitori nucleosidici della trascrittasi analogica inversa (NRTI), abacavir va usato insieme con altri farmaci anti-HIV e non è raccomandato da solo.[3] Va assunto per via orale come compressa o soluzione e può essere usato nei bambini di età superiore ai tre mesi.[1][4]

Abacavir è generalmente ben tollerato.[4] Effetti indesiderati comuni includono vomito, disturbi del sonno, febbre e sensazione di stanchezza.[1] Gli effetti collaterali più gravi includono ipersensibilità, danni al fegato e acidosi lattica./[1] I test genetici possono indicare se una persona è maggiormente a rischio di sviluppare ipersensibilità.[1] I sintomi dell'ipersensibilità comprendono eruzione cutanea, vomito e respiro corto.[4] Abacavir appartiene alla classe di farmaci NRTI, che agisce bloccando la trascrittasi inversa, un enzima necessario per la replicazione del virus dell'HIV.[5] All'interno della classe NRTI, l'abacavir è un nucleoside carbociclico.[1]

Abacavir è stato brevettato nel 1988 e approvato per l'uso negli Stati Uniti nel 1998.[6] [7] Esso è incluso nell'elenco dei medicinali essenziali dell'Organizzazione mondiale della sanità,tra i farmaci più sicuri ed efficaci necessari in un sistema sanitario.[8] È anche disponibile come farmaco generico.[1] Il costo all'ingrosso nei paesi in via di sviluppo a partire dal 2014 è compreso tra 0,36 USD e 0,83 USD al giorno.[9] A partire dal 2016 il costo all'ingrosso per un tipico mese di terapia negli Stati Uniti è di 70,50 USD.[10] Comunemente, abacavir è venduto insieme ad altri farmaci per l'HIV, come abacavir / lamivudina / zidovudine, abacavir / dolutegravir / lamivudine e abacavir / lamivudine.[4][5] Anche la combinazione abacavir / lamivudina è ritenuta un farmacoe essenziale.[8]

FarmacodinamicaModifica

L'Abacavir è un inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa che inibisce la replicazione virale del virus HIV-1 e HIV-2. È un analogo della guanosina che viene fosforilato in carbovir trifosfato (CBV-TP), che è la forma attiva. CBV-TP compete farmacologicamente con le molecole virali essendo incorporato nel DNA virale, cosa questa che provoca l'inibizione dell’enzima trascrittasi inversa dell’HIV, che conduce alla terminazione dell’allungamento della catena ed alla interruzione del ciclo di replicazione virale. In vitro la sua attività non è inibita da altri inibitori specifici della trascrittasi inversa (NRTI), didanosina, emtricitabina, lamivudina, stavudina, tenofovir o zidovudina, inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI), nevirapina o l’inibitore della proteasi (PI) amprenavir.[11]

FarmacocineticaModifica

L'Abacavir è somministrato per via orale e viene rapidamente assorbito con un'alta biodisponibilità pari all'83%. La soluzione e la compressa hanno concentrazioni e biodisponibilità comparabili. Abacavir può essere assunto con o senza cibo.[11] Abacavir può attraversare la barriera emato-encefalica.[11] Abacavir viene metabolizzato principalmente attraverso gli enzimi alcol deidrogenasi e glucuronil transferasi in un metabolita carbossilato e glucuronide inattivo. Ha un'emivita di circa 1,5-2,0 ore; quando una persona ha insufficienza epatica, l'emivita è aumentata del 58%.[11]

Abacavir viene eliminato per escrezione nelle urine (83%) e nelle feci (16%). Non è chiaro se abacavir possa essere rimosso mediante emodialisi o dialisi peritoneale.[11]

Effetti collateraliModifica

Abacavir può dare luogo a tossicità mitocondriale, in quanto ha affinità non solo per la trascrittasi inversa di HIV, ma anche per la DNA Polimerasi gamma del mitocondrio. Tale tossicità si espleta in anemia, acidosi lattica, aumento dei livelli sierici di amilasi con potenziale pancreatite, neutropenia, disturbi neurologici con convulsioni e/o ipertonia. Da' spesso lipodistrofia come molti altri farmaci antiretrovirali. Quando si vuole iniziare terapia con Abacavir, è necessario tipizzare l'HLA del paziente, in quanto può dare reazioni di ipersensibilità nel genotipo HLA-B5701.

InterazioniModifica

Abacavir viene metabolizzato dagli enzimi ADH e UGT, perciò non va somministrato insieme a Valproato, Ketoconazolo, Etoposide, Atovaquone, Fenobarbital e Lamotrigina.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Abacavir Sulfate Monograph for Professionals - Drugs.com, su drugs.com. URL consultato il 28 marzo 2020.
  2. ^ Drug Name Abbreviations | Appendix A: Key to Acronyms | Adult and Adolescent ARV | AIDSinfo, su aidsinfo.nih.gov, Drug Name Abbreviations. URL consultato il 28 marzo 2020.
  3. ^ (EN) What Not to Use | Adult and Adolescent ARV | AIDSinfo, su aidsinfo.nih.gov, AIDSinfo. URL consultato il 28 marzo 2020.
  4. ^ a b c d Yuen GJ, Weller S, Pakes GE, A review of the pharmacokinetics of abacavir, in Clin Pharmacokinet, vol. 47, n. 6, 2008, pp. 351–71, DOI:10.2165/00003088-200847060-00001, PMID 18479171. URL consultato il 28 marzo 2020.
  5. ^ a b www.hiv.va.gov, su hiv.va.gov. URL consultato il 28 marzo 2020.
  6. ^ IUPAC, János Fischer e C. Robin Ganellin, Analogue-based Drug Discovery, John Wiley & Sons, 13 dicembre 2006, pp. 505–, ISBN 978-3-527-60749-5.
  7. ^ Brigid M. Kane, HIV/AIDS Treatment Drugs, Infobase Publishing, 2008, pp. 56–, ISBN 978-1-4381-0207-8.
  8. ^ a b World Health Organization model list of essential medicines: 21st list 2019, su apps.who.int, /iris/handle/10665/325771. URL consultato il 28 marzo 2020.
  9. ^ International Medical Products Price Guide | Management Sciences for Health, su msh.org, Management Sciences for Health. URL consultato il 28 marzo 2020.
  10. ^ NADAC as of 2016-12-07 | Data.Medicaid.gov, su data.medicaid.gov. URL consultato il 28 marzo 2020.
  11. ^ a b c d e (EN) www.ema.europa.eu (PDF), su ema.europa.eu. URL consultato il 28 marzo 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica