Apri il menu principale

Abaqa

sovrano mongolo
(Reindirizzamento da Abaqa Khan)
Abaqa
Nome completo Abaqa Khan
Nascita 1234
Morte 1282
Dinastia Ilkhanidi
Padre Hūlāgū
Madre Yesuncin Khatun
Consorte Maria Palaiologina
Religione buddista
Abaqa a cavallo incontra suo figlio Arghun, che ha in braccio il figlio Ghazan. Miniatura del XIV secolo

Abāqā (12341282) è stato un sovrano mongolo, fu il secondo Īlkhān di Persia.

Al potere dal 1265, Abaqa (in mongolo Абага, ossia Abaga[1]) era di religione buddista, come suo padre Hūlāgū. Favorì l'elemento cristiano (sua madre era infatti nestoriana) e fu quindi in buoni rapporti con i papi Clemente IV e Gregorio X dando vita ad una alleanza per una progettata azione comune contro i Mamelucchi d'Egitto. I suoi piani però fallirono, perché fu sconfitto più volte da Baybars nei suoi diversi tentativi di conquista della Siria dapprima e dell'Egitto poi.

Abaqa fu ostacolato in questo progetto dalle difficoltà che gli crearono le altre potenze mongole con lui confinanti: il Khanato dei Kipchak, ossia l'Orda d'Oro, e il Khanato chagataide, che gli disputarono un certo numero di territori, alleandosi persino coi Mamelucchi contro gli Ilkhanidi.

Sposò Maria Palaiologina, figlia dell'Imperatore bizantino Michele VIII Paleologo e di una sua amante.

NoteModifica

  1. ^ Dal mongolo avga: zio paterno.

BibliografiaModifica

  • Reuven Amitai-Preiss, Mongols and Mamluks: The Mamluk-Īlkhānid War, 1260-1281, Cambridge University Press, New York, 1995. ISBN 0-521-46226-6.
  • Jean-Paul Roux, Histoire de l'Empire Mongol, Fayard, Parigi. ISBN 2-213-03164-9
  • Jean Richard, Histoire des Croisades, Fayard, Parigi, 1996. ISBN 2-213-59787-1.
  • Steven Runciman, Storia delle Crociate,2 voll., Torino, Einaudi, 1966 (4ª ed.). Trad. it. dell'originale A History of the Crusades, Londra, Cambridge University Press, 1951.
  • Michele Bernardini, Storia del mondo islamico - II. Il mondo iranico e turco, Einaudi, Torino, 2003.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica