Apri il menu principale
Crown of italian prince (corona normale).svg
Abbondio Rezzonico, I principe Rezzonico
18a-Batoni Ritratto del principe Abbondio Rezzonico.jpg
Il principe Abbondio Rezzonico, ritratto da Pompeo Batoni, 1766
Principe Rezzonico
In carica 1765 –
1810
Predecessore Titolo inesistente
Successore Titolo estinto
Trattamento Sua Grazia
Nascita Venezia, 19 febbraio 1742
Morte Roma, 1 marzo 1810
Dinastia Rezzonico
Padre Aurelio Rezzonico, III barone del Sacro Romano Impero
Madre Anna Giustiniani
Consorte Ippolita Boncompagni Ludovisi
Religione cattolicesimo

Abbondio Rezzonico I principe Rezzonico (Venezia, 19 febbraio 1742Roma, 1º marzo 1810) è stato un nobile e dignitario pontificio italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Venezia il 19 febbraio 1742, Abbondio era figlio di Aurelio Rezzonico, III barone del Sacro Romano Impero (fratello del futuro papa Clemente XIII), e di sua moglie, la nobildonna Anna Giustiniani. Venne battezzato col nome di Abbondio in ricordo del santo vescovo patrono di Como, città dalla quale la famiglia anticamente proveniva. Era fratello di Carlo e Giovanni Battista, futuri cardinali, pronipote del cardinale Gianfrancesco Barbarigo ed imparentato per parte di sua nonna con il beato Gregorio Barbarigo (proclamato santo nel 1761 da suo zio papa).

Fu proprio alla figura del potente zio Carlo eletto al soglio pontificio col nome di Clemente XIII nel 1758, che Abbondio dovette gran parte della propria fortuna. Nel 1760, all'estinzione della nobile e ricca casata dei Pamphili con la morte di Girolamo Pamphili, IV principe di San Martino al Cimino e Valmontone, rimase vacante la carica di Gonfaloniere del Senato e del Popolo Romano che era ereditaria presso questa famiglia. La carica venne concessa dal pontefice a Ludovico, fratello maggiore di Abbondio, il quale però morì senza figli nel 1765, lasciando il fratello erede delle sue fortune.[1]

Abbondio, che già aveva titoli nella nobiltà veneziana dove la sua famiglia aveva col tempo acquistato ed abbellito la splendida Ca' Rezzonico (dove Abbondio fu patrono del Tiepolo), mancava comunque di un corretto inserimento all'interno della nobiltà pontificia e per questo suo zio, intenzionato a dare lustro alla propria famiglia in pieno spirito nepotista come molti altri suoi predecessori avevano fatto, creò Abbondio al titolo di principe. Nell'anno successivo, la carriera di Abbondio, si avvalse anche della nomina a senatore di Roma, sempre ad opera dello zio pontefice. Per l'occasione, il celebre pittore lucchese Pompeo Batoni realizzò per lui un monumentale ritratto (3 m x 2 m), tra i meglio esemplificativi della pittura celebrativa del XVIII secolo, realizzato al fine di consacrare pubblicamente la potenza raggiunta dalla famiglia Rezzonico a Roma.

Morì a Roma il 1 marzo 1810. Non avendo avuto figli dal proprio matrimonio, con la morte di Abbondio si estinse il titolo di principe Rezzonico. Nominò erede delle sue sostanze la sorella Quintilia, sposata al nobile Lodovico Widmann, la cui famiglia ereditò il patrimonio dei Rezzonico veneziani.

MatrimonioModifica

Abbondio sposò a Roma il 7 febbraio 1768[2] la principessa Ippolita Boncompagni Ludovisi (1751-1813), figlia di Gaetano I Boncompagni Ludovisi, principe di Piombino e duca di Sora, e di sua moglie, Laura Chigi (figlia di Augusto Chigi, II principe di Farnese). La coppia non ebbe figli.

Albero genealogicoModifica

Abbondio Rezzonico, I principe Rezzonico Padre:
Aurelio Rezzonico, III barone del Sacro Romano Impero
Nonno paterno:
Giovanni Battista Rezzonico, II barone del Sacro Romano Impero
Bisnonno paterno:
Aurelio Rezzonico, I barone del Sacro Romano Impero
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
?
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Vittoria Barbarigo
Bisnonno paterno:
Antonio Barbarigo
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
Chiara Duodo
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Madre:
Anna Giustiniani
Nonno materno:
Ludovico Giustiniani
Bisnonno materno:
Francesco Giustiniani
Trisnonno materno:
Pietro Giustiniani
Trisnonna materna:
Alba Grimani
Bisnonna materna:
Anna Vidiman
Trisnonno materno:
Paolo Vidiman
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
Adriana Crotta
Bisnonno materno:
Alessandro Crotta
Trisnonno materno:
Giovanni Crotta
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?

NoteModifica

  1. ^ Tale nomina venne contesa a lungo con la famiglia dei duchi Sforza-Cesarini, contesa che ad ogni modo cessò definitivamente con la morte di Abbondio e l'estinzione della casata dei Rezzonico
  2. ^ vedi qui

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89764107 · ISNI (EN0000 0000 6297 5410 · ULAN (EN500354641 · WorldCat Identities (EN89764107
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie