Abramo Hasdai

traduttore arabo

Abramo Hasdai anche noto come Abraham Hasdai ben Samuel Halevi (Barcellona, 12301280 circa) è stato un traduttore arabo, è un traduttore di testi ebraici vissuto a Barcellona (Spagna) nel XIII secolo, con molte traduzioni al seguito e sostenitore di Maimonide.

Abramo Hasdai

BiografiaModifica

Era il figlio del poeta Samuel ibn Hasdai Halevi[1], ed era un assiduo sostenitore di Maimonide. Prese parte alla lotta tra i seguaci e gli avversari del filosofo, con delle epistole. Ha inviato una lettera a Judha ibn al-Fakhar di Toledo[2], in cui ha espresso la speranza di convertirlo alla maimonidea. Allo stesso tempo, lo ha accusato suoi attacchi sul vecchio grammatico Ḳimḥi,[3], principale avversario di Maimonide, in termini di censura. Inoltre, ha indirizzato una lettera[4] per lo stesso Abulafia, in cui esprimeva stupore che un uomo con la posizione dovrebbe unirsi con coloro che si opponevano Maimonide e disprezzato un uomo come Ḳimḥi. Ha indirizzato un'altra lettera, in collaborazione con il fratello Giuda[5], agli ebrei di Castiglia, Aragona, Navarra e Leon, gravemente accusava gli anti-maimonidisti, fanatici, che avevano bruciato alcuni scritti di Maimonide a Parigi e Montpellier.

OpereModifica

Hasdai fu traduttore assiduo dall'arabo in ebraico; alcune opere arabe sono note solo attraverso le sue traduzioni. Tra le sue traduzioni :

  1. "Sefer ha-Tappuah," dalla pseudo-aristotelico "Kitab al-Tuffaḥah"[6]. Il testo arabo originale è perduto.
  2. "Mozene Zedek," dal lavoro etico di Ghazali intitolato "Mizan al-'Amal".[7]. L'originale in arabo è stato perso.
  3. Traduzione di Ibn Hasdai sostituisce citazioni di Ghazali dal Corano e dalla Sunna con i loro equivalenti di Bibbia e Talmud[8].
  4. "Sefer ha-Yesodot," dal di Isaac Israeli "Kitab al-Istiḳat" (trad. tedesco da S. Fried, "Das Buch der Elemente", Frankfort-on-the-Main, 1900;. Prima apparizione come dissertazione inaugurale , Lipsia, 1884). Ibn Hasdai tradotto il libro su richiesta di David Ḳimḥi, e alcuni passaggi, rispetto per Steinschneider, concordano esattamente con la traduzione latina dovrebbe essere stata fatta da Gerardo da Cremona. Un'altra traduzione in ebraico del libro dovrebbe essere da Mosè ibn Tibbon, anche se entrambe le traduzioni sono l'introduzione di Ibn Hasdai (vedi traduzione di S. Fried, p. 73). L'originale arabo è perso.
  5. Maimonide '"Sefer ha-Miẓwot." Frammenti di traduzione di Hasdai sono conservate in citazioni di Naḥmanides e Aaron ha-Levi, contenuta in "Le Livre des Préceptes," p. 26 di M. Bloch (Parigi, 1888).
  6. Maimonide '"Iggeret Teman." Due passaggi di traduzione di Ibn Hasdai sono date in Steinschneider[9]. Ci sono altre due traduzioni ebraiche esistenti di entrambi i libri precedenti di Maimonide.
  7. "Ben ha-Melek ci ha-Nazir" . La domanda fino a che punto Ibn Hasdai introdotto nuove storie nel vecchio quadro, e su quale traduzione in arabo del persiano originale o indiano ha usato, attualmente non possono essere determinati, ma la sua versione è uno dei fattori più importanti nella indagine critica di come questa storia del Buddha è stata trasmessa da Est a Ovest. Lo stile ebraico di traduzioni di Ibn Hasdai è elegante e chiara.[10][11].
 
il profeta Isaia tratto dalla Bibbia

NoteModifica

  1. ^ (vissuto nel 1165-1216; cit da Grätz, "Geschichte", VI 195.)
  2. ^ (vedi Buxtorf, "Institutio Epistolaris Hebraica", p. 433, Basilea, 1729)
  3. ^ alludeva al Meir ben Todros ha-Levi Abulafia
  4. ^ (Maimonide, "Teshubot, She'elot noi-Iggerot", pag. 346, Costantinopoli, 1520-1540)
  5. ^ (vedi "Ozar Neḥmad," ii. 171)
  6. ^ (Venezia, 1519, spesso ristampato; trad latino "Biga Dissertationum", Giessen, 1706; trad tedesca . J. Musen, Lemberg, 1873)
  7. ^ È stato pubblicato da J. Goldenthal, che ha rifiutato di Ibn Hasdai per il titolo originale arabo di Ghazali (Lipsia, 1839)
  8. ^ (vedi Jellinek in "Oriente, illuminato." V 573, e la risposta di Goldenthal a Jellinek in ib. VI. 393)
  9. ^ "Eb. Bibl." (XV. 62)
  10. ^ Secondo De Rossi ha anche scritto ḥiddushim su diversi trattati talmudici
  11. ^ (Parma MS n ° 1162, III, 84..); Steinschneider dubita di questo (vedi Benjacob, "Ozar ha-Sefarim", pag 174.)

BibliografiaModifica

  • Steinschneider, cat. Bodl. p. 673;
  • Letteratura ebraica, pp 89, 96, 173, 174;
  • Eb. Uebers. pp, 268, 342, 391, 863, 927, 930;
  • Grätz, Gesch. vi. 195; vii. 55, 56, 78, 373;
  • Cassel, Lehrbuch der Jüdischen Gesch. und Litteratur, p. 277;
  • Brüll, Jahrb. IV 20, 32.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN310501954 · ISNI (EN0000 0001 1677 9969 · CERL cnp01325483 · LCCN (ENn88074427 · GND (DE102422982 · BNE (ESXX1040885 (data) · BNF (FRcb121103448 (data) · J9U (ENHE987007262820005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n88074427