Apri il menu principale

L'Accademia dei Filergiti (dal greco: amici delle opere) è un'antica accademia che aveva sede in Forlì ed aveva il compito di favorire gli studi nell'ambito sia letterario sia scientifico, a scopo civile, morale e religioso. Grande interesse fu anche rivolto ai miglioramenti in campo agrario, animando, agli inizi del XIX secolo, un "intenso dibattito agronomico"[1]. Aveva come stemma un alveare circondato da operose api.

Indice

StoriaModifica

La fondazione è tradizionalmente fatta risalire al 1370 ed attribuita a quello Jacopo Allegretti, fondatore anche della prima accademia letteraria italiana. Dopo di che l'Accademia venne più volte rifondata o restaurata: anche all'umanista Urceo Codro si attribuisce un intervento di rifondazione (XV secolo). Ben documentata è la data del 1574: tra i rifondatori, in questo caso, si cita Cesare Gnocchi[2]. Fu di nuovo rifondata nel 1652.

MembriModifica

Fra i suoi membri:

L'Accademia fu chiusa nel 1848.

Nel 1982, però, è stata riaperta, a Forlì, una Accademia dei Nuovi Filergiti Romagnoli.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • C. Cordaro, Un'accademia forlivese (I "Filergiti"): cenno storico con appendice epistolare, Società Tipografica "La celere", Palermo 1918.
  • L'api in tributo, componimenti poetici de' signori accademici Filergiti per le nozze de gl'illustriss.mi sig.ri il signor marchese Giuseppe Albicini, nobile forliuese, e la signora marchesa Maria Teresa Millini nobile romana dedicati al sublime merito dell'ill.mo signor sposo, Eredi Zampa, Forlì 1693.
  • Giorgio Viviano Marchesi Buonaccorsi, Memorie storiche dell'antica, ed insigne Accademia de' Filergiti della città di Forli', colle più esatte notizie de' gradi, degli onori, e dell'opere stampate ed inedite, de' soggetti ad essa fin' al presente aggregati, Antonio Barbiani, Forlì 1741.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN147038156
  Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di romagna