Accordo di Parigi (2015)

accordo internazionale del 2015 relativo ai cambiamenti climatici

L'Accordo di Parigi è un accordo tra gli Stati membri della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), riguardo alla riduzione di emissione di gas serra, e alla finanza, a partire dall'anno 2020.

     Paesi in cui il trattato è stato ratificato, ma esso non è ancora in vigore

     Paesi che hanno ratificato il trattato

     Paesi coperti anche dalla ratifica dell'UE

     Paesi firmatari

Il contenuto dell'accordo è stato negoziato dai rappresentanti di 196 Stati alla XXI Conferenza delle Parti dell'UNFCCC a Le Bourget, vicino a Parigi, in Francia, e sottoscritto il 12 dicembre 2015.[1][2]

Nel novembre 2018, 195 membri dell'UNFCCC hanno firmato l'accordo e 183 hanno deciso di farne parte.[3] L'obiettivo di lungo periodo dell'Accordo di Parigi è quello di contenere l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto della soglia di 2 °C oltre i livelli pre-industriali, e di limitare tale incremento a 1,5 °C, poiché questo ridurrebbe sostanzialmente i rischi e gli effetti dei cambiamenti climatici.

NoteModifica

  1. ^ (EN) John D. Sutter, Joshua Berlinger e Ralph Ellis, Obama: Climate agreement 'best chance we have' to save the planet, CNN, 14 dicembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Sarah Phillips, Paris climate deal: Historic climate change agreement reached at COP21, su abc.net.au, 13 dicembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) Paris Agreement – Chapter XXVII: Environment, su treaties.un.org, ONU. URL consultato il 27 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Accordo di Parigi, in Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, vol. 59, n. 282, 19 ottobre 2016, pp. 4-18.
Controllo di autoritàGND (DE1113618760
  Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente