Apri il menu principale

Ace Books

casa editrice
Ace Books
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1952
Fondata daAron A Wyn
Sede principaleNew York
GruppoPenguin Random House
Persone chiaveAnne Sowards (Direttore Esecutivo)
SettoreEditoria

La Ace Books è la più vecchia casa editrice ancora in attività di racconti di fantascienza e fantasy. La compagnia fu fondata nel 1952 da Aaron A. Wyn.

StoriaModifica

Cominciò a pubblicare libri di misteri o di western. Presto si specializzò in altri generi, pubblicando la sua prima storia di fantascienza nel 1953; grazie a questa trovata di successo entro pochi anni i titoli di fantascienza soppiantarono nelle vendite gli altri generi. Ben presto si espanse in altri generi. Ciò ebbe successo, e i titoli di fantascienza superarono in pochi sia il genere del mistero che i western. Comparvero anche altri generi, tra cui saggistica, romanzi gotici, romanzi tie-in trasposizione letteraria e romanzi rosa.[1]

Ace, insieme a Ballantine Books, è stato uno dei principali editori di fantascienza per i suoi primi dieci anni di attività. Con la morte del proprietario A. A. Wyn nel 1967, tuttavia, le sorti della compagnia iniziarono a declinare. Due importanti editori, Donald A. Wollheim e Terry Carr, lasciarono nel 1971, e nel 1972 Ace fu venduto a Grosset & Dunlap. Nonostante i problemi finanziari, ci furono ulteriori successi, in particolare con la terza serie di Ace Science Fiction Specials, di cui Carr era l'editore. Ulteriori fusioni e acquisizioni hanno portato l'azienda a far parte di Berkley Books. Ace divenne quindi un'impronta di Penguin Group (USA).[2]

La Ace divenne famosa anche per il formato dos-à-dos usato per molti dei suoi primi libri, anche se non aveva creato lei stessa il formato per la prima volta. Alcuni dei primi libri vennero successivamente venduti anche a cifre superiori a 1.000$.

1964 il caso TolkeinModifica

Nel 1964, il successo e la popolarità della trilogia de Il Signore degli Anelli nel Regno Unito era evidente, e Wollheim contattò Tolkien per esaminare l'acquisto dei diritti per la Ace Books. La serie di Tolkein era stata introdotta negli Stati Uniti da Houghton Mifflin già nel 1954, mentre dal 1964 venne introdotta la prima versione brossurata[3] a cui era stata concessa una licenza limitata di cinque anni per importare la trilogia in numero limitato in America. Secondo Betsy Wollheim in una recente intervista,Tolkien non era interessato a vedere i suoi libri in forma tascabile: "Quando chiamò il professor Tolkien nel 1964 e chiese se poteva pubblicare Lord of the Rings come libri in formato Ace Books, Tolkien disse che non avrebbe mai permesso le sue grandi opere appaiono in modo "degenerato in una forma" come il libro tascabile ".[4]

Offeso dalla leggerezza di Tolkien, Wollheim si dedicò ad una piccola ricerca individuando una scappatoia nel copyright, (Mifflin infatti aveva trascurato di proteggere il lavoro negli Stati Uniti), rendendosi conto che avrebbe potuto pubblicare legalmente l'opera, Il copyright limitato sotto era scaduto e non era stato rinnovato, Wollheim suppose che Il Signore degli Anelli fosse stato abbandonato e divenuto di dominio pubblico. Con questo ragionamento, poteva pubblicare i romanzi senza raggiungere un accordo con l'autore e portare i libri alla "forma degenerata" che gli era più familiare.

Gli Stati Uniti dovevano ancora aderire alla Convenzione universale sul diritto d'autore o al Copyright Act, pertanto e la maggior parte delle leggi in tema letterario esisteva per proteggere le creazioni nazionali da quelle straniere.[5][6][7]

Mentre la trilogia diventava popolare, la Houghton Mifflin era tecnicamente in violazione della legge in quanto eccedevano sui limiti di importazione, pertanto la casa editrice non riuscì a rinnovare il loro diritto d'autore provvisorio.

Wollheim cominciò a stampare la propria edizione della trilogia, concependo una nuova composizione vista la lunghezza e complessità del romanzo, senza riconoscere il pagamento delle royalty a Tolkein, pubblicando in breve tempo i tre romanzi, La compagnia dell'anello in maggio, e Le due torri e Il ritorno del re nel luglio dello stesso anno.[8] In agosto, Tolkien consegnò le sue nuove revisioni a Ballantine Books, l'editore che avrebbe rilasciato la versione ufficiale per le edizioni americane.[9]

È interessante notare che Humphrey Carter, nella biografia ufficiale di Tolkien, ha notato che mentre Tolkien era indignato delle edizioni Ace, esse esibivano cover che rappresentavano le storie contenute, mentre fu angosciato dalla copertina per le edizioni Ballantine, a cui annotò: "Che cosa ha a che fare con la storia? Dov'è questo posto? Perché emù? E qual è la cosa in primo piano con le lampadine rosa? "[10]

Le edizioni Ace furono un successo commerciale, vendendo oltre 100.000 copie, cosa che fece arrabbiare Tolkien e i suoi editori.[11]

Già nel maggio del 1965 Tolkien iniziò a sollecitare i fans che gli scrivevano per informarli che le copie americane non erano autorizzat inserendo una nota di riconoscimento ai lettori negli Stati Uniti per informarli della cattiva condotta della casa editrice Ace Books.[12]

A ottobre, Tolkien annotò in una lettera a suo figlio che "la campagna negli Stati Uniti è andata bene, segno della grande pressione esercitata sulla casa editrice." [12]

Librerie e fans iniziarono a boicottare l'edizione non autorizzata, e nel febbraio del 1966 Tolkien riportò in una lettera che aveva raggiunto un accordo con Wollheim per ricevere alcune royalties sulla pubblicazione, e l'accordo che avrebbero lasciato che l'edizione si esaurisse, con nessuna ulteriore tiratura, nonostante la casa editrice non avesse alcun obbligo legale di accettare un simile accordo. A marzo, Ace ha annunciato di aver raggiunto un accordo con l'autore e che le copie definitivamente esaurite. [12][13][14][15]

Secondo Betsy Wollheim la popolarità di Il Signore degli Anelli ha scatenando un nuovo movimento fantasy. Betsy afferma che le azioni di suo padre hanno avuto un impatto duraturo sul genere e sebbene i suoi metodi fossero poco etici, hanno comunque contribuito a portare una delle opere di fantasia più importanti ai lettori americani e hanno innalzato il profilo della trilogia, mentre la casa editrice Ballantine Books ha avuto la capacità e il desiderio di trarne il massimo vantaggio. Mentre la fantasia epica crebbe in popolarità, Ballantine riuscì a sfruttare ulteriormente le tendenze editoriali, lanciando la Ballantine Adult Fantasy Series, edita da Lin Carter.[4]

Betsy afferma inoltre che la decisione editoriale di Wollheim influì sulla sua enorme reputazione all'interno degli ambienti di genere, nonostante Wollheim fosse una delle figure più influenti nel settore editoriale dell'epoca, fu nominato per il premio Hugo solo due volte, nel 1973 e nel 1974, ma non riuscì a ottenere il premio, solo in seguito ottenne nel 1981 e nel 1986 con Special Professional Awards dalla World Fantasy Convention.[4]

Nel 1993, un tribunale ha rilevato che il ragionamento utilizzato dalla casa editrice per produrre le proprie edizioni era viziato laddove riteneva che la scadenza di un rinnovo del copyright indicava che si trattava di una decadenza di fatto dei diritti, la corte non era d'accordo. L'opinione ha rilevato che le disposizioni contenute in una legge sul copyright del 1909 proteggevano i diritti del detentore del copyright originale: mentre "i fallimenti non devono mai essere dedotti da un linguaggio dubbio". Washingtonian Publishing Co. contro Pearson, 306 US 30, 42, 59 S.C. 397, 403, 83 L.Ed. 470 (1938), questa regola non deve essere invocata: la legge sul copyright del 1909 non prevede alcuna disposizione per confisca dei diritti d'autore degli stranieri a causa della distribuzione delle loro opere senza preavviso di copyright. "[16]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Culture : Ace Books : SFE : Science Fiction Encyclopedia, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  2. ^ SF Canada Article - "An Interview with Editor John Morgan" by Celu Amberstone, su sfcanada.ca, 8 ottobre 2006. URL consultato il 1º ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2006).
  3. ^ (EN) Houghton Mifflin and J.R.R. Tolkien - Publishing Timeline, su houghtonmifflinbooks.com. URL consultato il 29 marzo 2019.
  4. ^ a b c (EN) LocusMag Archive Page - Betsy Wollheim: The Family Trade, su locusmag.com. URL consultato il 29 marzo 2109.
    «“My father was genuinely self-motivated, not other-directed in any way, and he could never have achieved what he did if he cared what anybody else thought. So the fact that he was so difficult, so antisocial, helped make him as great as he was. The most obvious example is Tolkien. Today I meet people and frequently the only thing they know about my father is that he published the unauthorized Lord of the Rings. He was vilified for that, but what really happened from his point of view was interesting. When he called up Professor Tolkien in 1964 and asked if he could publish Lord of the Rings as Ace paperbacks, Tolkien said he would never allow his great works to appear in so ‘degenerate a form’ as the paperback book. Don was one of the fathers of the entire paperback industry, since before he spearheaded the Ace line he was the originating editor-in-chief of the Avon paperback list in 1945, so he took this personally. He was very offended. He did a little research and discovered a loophole in the copyright. Houghton Mifflin, Tolkien’s American hardcover publisher, had neglected to protect the work in the United States. So, incensed by Tolkien’s response, he realized that he could legally publish them and did».
  5. ^ (EN) Copyright Act del 1909 (PDF), su copyright.gov. URL consultato il 2 Novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2005).
  6. ^ (EN) Legge sul diritto d'autore dal 1909 al 1947. Sezione 9 e 12, su law.copyrightdata.com (archiviato il 22 Giugno 2008).
  7. ^ (EN) Robert Silverberg, Reflections & Refractions: Thoughts on Science Fiction, Science, and Other Matters, Underwood, 1997, pp. 253 - 256, ISBN 1-887424-22-9.
  8. ^ (EN) My comicshop - Lord of the Rings PB (1965 Novel Ace Unauthorized Edition) comic books, su mycomicshop.com. URL consultato il 29 marzo 2019.
  9. ^ (EN) My comicshop - Lord of the Rings PB (1965 Ballantine Novel Authorized Edition) comic books, su mycomicshop.com. URL consultato il 29 marzo 2019.
  10. ^ (EN) Deke Parsons, J.R.R. Tolkien, Robert E. Howard and the Birth of Modern Fantasy, McFarland, 30 ottobre 2014, p. 33, ISBN 9781476617497.
  11. ^ (EN) Richard J. Cox e Leslie Jones, J.R.R. Tolkien: A Biography, Greenwood Publishing Group, 2003, p. 127, ISBN 978-0313361753.
  12. ^ a b c (EN) Something to celebrate: 30 years The Letters of J. R. R. Tolkien, su tolkienlibrary.com. URL consultato il 29 marzo 2019.
  13. ^ (EN) Pat Reynolds, The Lord of the Rings: The Tale of a Text, The Tolkien Society. URL consultato il 30 marzo 2019 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2006).
    «There was a campaign against Ace, who, as a result, agreed to pay royalties, and not to print any more copies. But, as a result of being advised that he had lost his copyright, even before the Ace edition was issued, Tolkien began to revise The Lord of the Rings, so that there could be an authorised paperback which would be a new edition, and more importantly, a new edition for which he would still own the copyright. This was published by Ballentine Books in October 1965.».
  14. ^ (EN) Humphrey Carpenter, The Letters of J. R. R. Tolkien, Boston, 1981, pp. 270, 273, 277.
  15. ^ (EN) Joseph Ripp, Middle America Meets Middle-earth: American Publication and Discussion of J. R. R. Tolkien's Lord of the Rings (PDF) (PDF), Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, p. 38. URL consultato il 29 marzo 2019.
  16. ^ (EN) Eisen, Durwood & Co., Inc. v. Tolkien, 794 F. Supp. 85 (S.D.N.Y. 1992), su law.justia.com. URL consultato il 29 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN138487679 · ISNI (EN0000 0000 9413 5926 · LCCN (ENn88239157 · BNF (FRcb16663624n (data) · WorldCat Identities (ENn88-239157