Achille Majnoni d'Intignano

architetto italiano

Marchese Achille Majnoni d'Intignano (Milano, 30 luglio 1855Erba, 15 febbraio 1935) è stato un architetto italiano, tra i maggiori del XIX secolo.[1]

BiografiaModifica

Il marchese Achille Majnoni d'Intignano nasce a Milano da Girolamo Bernardo e Giovanna Soresi, suo fratello è il senatore Luigi Majnoni d'Intignano. Compie gli studi di Ingegneria civile presso il Regio Istituto Tecnico Superiore di Milano, che diventerà il futuro Politecnico ottenendo il diploma nel 1878. Annobilito marchese da due generazioni, frequenta i salotti dell'alta società milanese da cui riceve le principali commesse professionali. Nel 1890 si sposò con Maria Baldovinetti Tolomei (1867-1957), di origini fiorentine, da cui ebbe due figli, Francesco (1890-1890) morto prematuramente e Massimiliano (1894-1957), detto Max.[2]

Divenuto amico di Umberto I, con decreto del 30 marzo 1894 fu nominato ingegnere architetto a disposizione del re. Dal 1897 risiedette con la famiglia presso il Palazzo Reale di Milano[3], occupandosi prevalentemente della sistemazione delle dimore reali. A lui si deve in particolare la ristrutturazione degli interni della Villa Reale di Monza.

Membro della Commissione Araldica Lombarda e socio onorario dell'Accademia di Belle Arti di Milano, è membro del comitato organizzatore delle Esposizioni Riunite di Milano nel 1894, per cui riceve la nomina di cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia. Con il nuovo secolo, negli anni di regno di Vittorio Emanuele III, mantiene l'incarico pubblico che affianca all'attività professionale, persistendo nello stile eclettico che aveva contrassegnato la sua attività del periodo umbertino.

Nel 1900 ristrutturò Villa Cagnola a Gazzada. Quale membro della commissione per l'arredo delle ambasciate italiane all'estero, si occupò della sistemazione di quelle di Parigi, di Bruxelles e di Bucarest. Nel 1925 lasciò Palazzo Reale per ritirarsi nella propria villa di Incino d'Erba, Villincino, dove morì nel 1935.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

NoteModifica

  1. ^ Achille Majnoni d'Intignano, su servizi.ct2.it. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  2. ^ Archivio di famiglie e persone. Majnoni Massimiliano (PDF), su archivitoscana.it. URL consultato il 9 febbraio 2019.
  3. ^ Romanelli Rita, Inventario delle carte di Achille e Maria Majnoni d'Intignano, 2009, ISBN 9788863720723.

BibliografiaModifica

  • Stefano Majnoni, Un ritratto di Achille Majnoni d'Intignano, in Inventario delle carte di Achille e Maria Majnoni d'Intignano, a cura di Rita Romanelli, Roma, Edizioni di Storia e letteratura 2009, ISBN 978-88-6372-072-3
  • Ornella Selvafolta, Achille Majnoni d'Intignano architetto (1855-1935): un percorso tra le opere, i disegni e i documenti di archivio, in Inventario delle carte di Achille e Maria Majnoni d'Intignano, a cura di Rita Romanelli, Roma, Edizioni di Storia e letteratura 2009, ISBN 978-88-6372-072-3

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN91126283 · ISNI (EN0000 0001 1684 6041 · LCCN (ENno2009103622 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009103622
  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura