Acquasanta (liturgia)

acqua che è stata benedetta da un sacerdote, vescovo o diacono per la celebrazione del sacramento del Battesimo o per benedire oggetti, tra le altre pie usanze
(Reindirizzamento da Acqua santa)

L'acquasanta[1][2], acqua santa o acqua benedetta[3] è acqua che è stata benedetta da un ministro della Chiesa, un vescovo o un presbitero o un diacono.

Acquasantiera metallica a Eupen (Belgio)

UsoModifica

 
Fontana di acqua benedetta a Tessalonica

In alcune tradizioni cristiane, l'acqua santa si usa per il battesimo oppure per la benedizione di luoghi, cose o persone. Quando l'oggetto da benedire è di una certa dimensione o la benedizione riguarda numerose persone l'acquasanta viene spesso sparsa (aspersa) tramite un aspersorio. Si usa nella liturgia cattolica, ortodossa, vetero-cattolica, anglicana e di altre Chiese.

Viene usata dagli esorcisti per "liberare" le persone dai presunti demòni ed è per questo chiamata anche acqua esorcizzata. Trova impiego nell'aspersione dei defunti durante la celebrazione del rito delle esequie.[4]

Dal 23 febbraio 2020, a seguito delle disposizioni per l'emergenza coronavirus viene disposto che sia rimossa l’acqua benedetta presente nelle acquasantiere delle chiese.[5] Invece, il 18 maggio 2020, l'accordo fra Governo e Conferenza Episcopale Italiana per la ripresa delle celebrazioni liturgiche ha stabilito la messa al bando dell'acquasanta sostituita con gel igienizzante.[6] Alcune parrocchie hanno introdotto l'uso di dispenser elettronici.[7][8][9]

OrigineModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mikveh.

Il suo uso al momento dell'ingresso di un devoto in una chiesa (luogo deputato alla celebrazione della Messa) deriva dalla tradizione ebraica che imponeva ai partecipanti a una cerimonia sacra l'acquisizione preventiva dello stato di purità rituale. Il Cristianesimo semplificherà in modo sensibile la pratica, limitando il formale lavacro del corpo all'immersione della punta delle dita della mano destra nell'acqua benedetta contenuta nell'acquasantiera nei pressi dell'ingresso della chiesa, con la quale il fedele traccerà poi su se stesso il segno della croce. Anche nelle altre occasioni, l'acqua benedetta assolve alla funzione di formale purificazione rituale del partecipante.[10]

NoteModifica

  1. ^ Acquasanta, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Come sul Sabatino Coletti Acquasanta[ac-qua-sàn-ta] o acqua santa s.f. (non com. pl. acquesante) [1]
  3. ^ Policarpo Petrocchi, Nòvo dizionàrio universale della Lingua Italiana, Treves, Milano, 1900
  4. ^ Qual è il senso di aspergere il defunto in cappella mortuaria e durante il funerale?, su voceisontina.eu, 7 luglio 2017.
  5. ^ https://www.diocesitn.it/site/coronavirus-le-disposizioni-dellarcidiocesi-di-trento/
  6. ^ Tornano le Messe nelle chiese: senza coro e senza acquasanta, su settenews.it, 18 maggio 2020 (archiviato il 26 maggio 2020).
  7. ^ Dispenser di acqua santa in chiesa/ Il parroco: "Forse lo terremo anche in futuro", su ilsussidiario.net, 7 settembre 2020.
  8. ^ L'acquasantiera elettronica anti-Covid che distribuisce acqua santa sanificata, su larena.it, 1º novembre 2020.
  9. ^ Coronavirus, in chiesa arriva il dispenser elettronico per l’acqua santa, su lastampa.it, 26 settembre 2020.
  10. ^ http://www.veniteadme.org/i-sacramentali-acqua-santa/ Archiviato il 27 dicembre 2014 in Internet Archive. Significato dell'uso dell'acquasanta.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 64218 · LCCN (ENsh85061638 · GND (DE4189443-1 · BNF (FRcb122964006 (data) · J9U (ENHE987007563077905171 (topic)
  Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo