Acquanegra sul Chiese

comune italiano
Acquanegra sul Chiese
comune
Acquanegra sul Chiese – Stemma
Acquanegra sul Chiese – Veduta
Chiesa parrocchiale di San Tommaso Apostolo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
Sindaco Monica De Pieri (lista civica La svolta) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate 45°10′N 10°26′E / 45.166667°N 10.433333°E45.166667; 10.433333 (Acquanegra sul Chiese)Coordinate: 45°10′N 10°26′E / 45.166667°N 10.433333°E45.166667; 10.433333 (Acquanegra sul Chiese)
Altitudine 31 m s.l.m.
Superficie 28,01 km²
Abitanti 2 941[1] (30-11-2016)
Densità 105 ab./km²
Frazioni Mosio
Comuni confinanti Asola, Bozzolo, Calvatone (CR), Canneto sull'Oglio, Marcaria, Mariana Mantovana, Redondesco
Altre informazioni
Cod. postale 46011
Prefisso 0376
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 020001
Cod. catastale A038
Targa MN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 388 GG[2]
Nome abitanti acquanegresi
Patrono san Fortunato
Giorno festivo terza domenica di ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Acquanegra sul Chiese
Acquanegra sul Chiese
Acquanegra sul Chiese – Mappa
Posizione del comune di Acquanegra sul Chiese nella provincia di Mantova
Sito istituzionale

Acquanegra sul Chiese ('Quanégra in dialetto mantovano[3]) è un comune italiano di 2 941 abitanti[1] della provincia di Mantova in Lombardia.

Indice

TerritorioModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Alto Mantovano.

Il paese è posto nell'angolo nord-ovest della provincia di Mantova formato dai due fiumi Oglio e Chiese, alla distanza di circa due chilometri dalla loro confluenza.

Il borgo da solo forma una popolazione di circa 2 000 abitanti. Anche la parrocchia di Mosio fa parte del comune, che in tutto perciò conta più di 2 900 abitanti. Il territorio comunale ha un'estensione di 28 km².

I torrenti Cavata e Tartarello dividono Acquanegra verso est dai comuni di Redondesco e Marcaria; a sud confina con Calvatone, cremonese, estendendosi per una parte anche oltre l'Oglio; ad ovest è diviso da Canneto sull'Oglio mediante il Chiese, ed a nord in parte da Mariana Mantovana mediante il corso d'acqua Tornapassolo, ed in parte da Asola mediante una piccola strada[4].

Geografia fisicaModifica

Un tempo sul territorio esistevano alcuni boschi; ora, eccettuate alcune aree lungo i fiumi e dentro gli argini dei fiumi, i terreni che erano boschivi non conservano che in parte la denominazione di boschi.

Tutto il territorio è pianeggiante, anche se vi sono delle zone più o meno elevate o basse delle altre. La più sensibile differenza di altitudine è verso i fiumi, lungo i quali, oltre le cosiddette restare, fondi giacenti dentro gli argini dei fiumi stessi, vi sono le regone[5]. La più importante di queste è la regona detta Valli di Mosio, che dal confine tra Mosio ed Acquanegra si stende fino al confine di Marcaria nel luogo detto le Motte, sempre aderente all'argine dell'Oglio[6].

Origini del nomeModifica

Acquanegra deriva dal latino Aqua nigra, allusiva al fiume Chiese, scuro per la tinta delle sue acque.[3]

StoriaModifica

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Tommaso Apostolo (Acquanegra sul Chiese).

La chiesa, che attualmente ha la funzione di parrocchiale, non esageratamente maestosa e adornata, è raccolta e devota, solida, a tre navate, con un'ampiezza per la popolazione più che sufficiente. La torre campanaria che s'innalza aderente a questa chiesa verso nord è invece un bel monumento tardo-medievale o rinascimentale. L'edificio sacro è quanto attualmente rimane dell'abbazia benedettina di San Tommaso Apostolo, di origine medievale, che probabilmente dipendeva direttamente dall'Abbazia di Leno[7].

  Lo stesso argomento in dettaglio: Abbazia di San Tommaso.

Di questo complesso monastico si sa pochissimo: gli elementi che lo componevano, la loro forma e la loro distribuzione, sono pressoché sconosciuti, eccetto l'edificio della chiesa.

Aree naturaliModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[8]

 


Lingua e dialettoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto alto mantovano.

Essendo il paese mantovano, ma un tempo bresciano, tuttora vicino al Bresciano ed al Cremonese, vi si parla un dialetto che sa di tutti tre i dialetti; il prevalente però è il misto mantovano-cremonese.

CulturaModifica

Il patrono è San Fortunato e si festeggia con la sagra del paese la terza domenica di ottobre.

Persone legate ad Acquanegra sul ChieseModifica

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Alceste Aliprandi Lista civica Sindaco
8 giugno 2009 16 maggio 2011 Adriano Cantarelli Lista civica Sindaco
17 maggio 2011 5 giugno 2016 Erminio Minuti Lista civica Per Acquanegra Sindaco
6 giugno 2016 in carica Monica De Pieri Lista civica La svolta Sindaco

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  4. ^ CASNIGHI 1860, p. 13; cfr. anche SARZI 1998.
  5. ^ Le regone sono quei tratti di terreno, che per ingorgo di acque pluviali e per sorgiva o infiltrazione, sia dai fiumi, sia dai fondi superiori, in tempo di escrescenza, chiudendosi le chiaviche di scolo, vanno soggetti ad alluvione.
  6. ^ CASNIGHI 1860, pagg. 16-17.
  7. ^ Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, p.31, Milano, 1988.
  8. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

BibliografiaModifica

  • U. Bazzotti, Il Medioevo. Da Matilde di Canossa ai Gonzaga, in AA. VV., Pittura a Mantova dal Romanico al Settecento, a cura di M. Gregori, Milano, Cariplo, 1989, pp. 3–9.
  • A. Bertolotti, I comuni e le parrocchie della provincia di Mantova, Mantova, 1893, Ristampa Sala Bolognese, Forni, 1984.
  • A. Bonaglia, Bozzolo ed il suo territorio nel medioevo (secoli V-XII), Montichiari, Zanetti editore.
  • Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, 2ª ed., Mantova, 2005. ISBN 88-7495-163-9.
  • G. B. Casnighi, Raccolta di memorie e documenti risguardanti Acquanegra, Brescia, 1860.
  • V. Colorni, Il territorio mantovano nel Sacro Romano Impero, vol. I, Periodo comitale e periodo comunale, Milano, Giuffrè, 1959.
  • A. Conti, Gli ascendenti dei Casaloldo. I conti di Sabbioneta e gli ultimi conti di Parma tra il Garda e il Po (secoli XI-XII), in Casaloldo e la battaglia del 10 maggio 1509, a cura di M. Vignoli, Mantova, Comune di Casaloldo-Publi Paolini, 2009.
  • F. L. Fè d'Ostiani, I conti rurali bresciani nel Medioevo, in Archivio storico lombardo, serie III, vol. XII, fasc. XXIII, Milano, 1899.
  • P. Guerrini, Atti della visita del vescovo Domenico Bollani alla diocesi di Brescia, vol. III, Brescia, Ancora Edizioni, 1940.
  • P. F. Kehr, Regesta pontificum romanorum. Italia Pontificia, VI, Berolini 1913.
  • Liber Potheris communis civitatis Brixie, a cura di F. Bettoni Cazzago, F. L. Fè d'Ostiani, in Historiae Patriae Monumenta, vol. XIX, Torino, Bocca, 1899.
  • L. A. Muratori, Antiquitates Italicae Medii Aevi.
  • Franco Negri, "Oculis, Mente, Corde". Leggere gli affreschi romanici di San Tommaso ad Acquanegra, Rezzato (Bs), Magalini Editrice, 2002.
  • F. Odorici, Storie bresciane dai primi tempi fino all'età nostra, Brescia, Gilberti 1853-65, Ristampa Brescia, Edizioni del Moretto, volumi IV-VII.
  • G. Paccagnini, Mantova. Le arti, vol. I, Istituto Carlo d'Arco per la Storia di Mantova, Mantova, 1960, pp. 199 segg., 261-262.
  • G. Panazza, Il Romanico, in Storia di Brescia, vol. I, Brescia, Fondazione Treccani degli Alfieri, 1963, p. 796 segg.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996. ISBN non esistente.
  • G. Picasso, Presenza benedettina in Lombardia, in Monasteri benedettini in Lombardia, a cura di G. Picasso, Milano, 1980, pp. 9–23.
  • R. Sarzi, Le acque nelle terre del Consorzio di Bonifica Alta e Media Pianura mantovana, Mantova, Editoriale Sometti, 1998.
  • I. Toesca, Notizie sugli affreschi medioevali della chiesa di san Tommaso ad Acquanegra sul Chiese, in Civiltà mantovana, Rivista trimestrale, Nuova serie, n. 27, 1990, Mantova, Publi Paolini, pp. 1–38.
  • G. Zanichelli, La produzione libraria e la sua illustrazione (961-1125), in Storia di San Benedetto Polirone. Le origini (961-1125), a cura di P. Golinelli, Bologna, 1998.
  • C. Violante, La chiesa bresciana nel Medioevo, in Storia di Brescia, vol. I, Brescia, 1963, p. 1037.
  • Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, Milano, 1988. ISBN 88-85462-10-3.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica