Apri il menu principale

Acquasanta (torrente)

Acquasanta
Il torrente Acquasanta a Mele (GE).jpg
Il torrente a Mele
StatoItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
Bacino idrografico18 km²[1]
Altitudine sorgente187[2] m s.l.m.
NasceConfluenza tra Rio Baiardetta e Rio Martin
44°27′49.9″N 8°46′12.43″E / 44.46386°N 8.77012°E44.46386; 8.77012
SfociaLeira
44°26′32.75″N 8°44′49.06″E / 44.44243°N 8.74696°E44.44243; 8.74696Coordinate: 44°26′32.75″N 8°44′49.06″E / 44.44243°N 8.74696°E44.44243; 8.74696
Mappa del fiume

L'Acquasanta è un torrente della Liguria, tributario del Leira, del quale è il maggiore ramo sorgentizio.

PercorsoModifica

Il torrente Acquasanta propriamente detto nasce a Baiarda dalla confluenza del rio Martino con il rio Baiardetta. Di qui dirigendosi verso sud passa nei pressi dell'omonimo centro abitato, dove riceve da sinistra le acque del rio Condotti. Deviando verso est va ad intercettare il contributo idrico del suo principale affluente, il torrente Ceresolo. Segue un tratto orientato di nuovo decisamente verso sud quindi, deviando ancora ad est, passa a valle del centro di Mele e confluendo con il Gorsexio a circa 37 metri di quota va a formare il torrente Leira.[2]

Il bacino del torrente ricade nei comuni di Mele e di Genova; il suo corso segna per un buon tratto il confine tra i due comuni.[2]

AffluentiModifica

 
Una briglia poco a monte della confluenza con il Gorsexio
  • Destra idrografica:
    • rio Martino:nasce dalle pendici occidentali del monte Penello e dopo un breve tratto verso ovest piega verso sud e, ruotando il proprio corso verso sud, in località Baiarda va a confluire con il rio Baiardetta dando origine all'Acquasanta;
    • torrente Ceresolo (bacino: 5 km²[1]): nasce poco ad est del passo del Turchino e con percorso nord-sud va a gettarsi nell'Acquasanta presso Biscaccia.
  • Sinistra idrografica:

RegimeModifica

Il torrente è esondato varie volte facendo danni anche molto gravi. Ad esempio la sua piena dell'ottobre del 1970, assieme a quella degli altri affluenti del Leira, causò la morte di 14 persone e tra la distruzione di molti edifici e infrastrutture tra le quali il viadotto ferroviario della linea Genova-Ventimiglia.[3]

StoriaModifica

Le acque del torrente furono per secoli sfruttate dalle cartiere dislocate sul fondovalle dell'Acquasanta; a tale attività è stato dedicato il Museo della Carta di Acquasanta[4]

NoteModifica

  1. ^ a b AA.VV., IL BACINO DEL TORRENTE LEIRO (PDF), Provincia di Genova, 2008. URL consultato il 21 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  2. ^ a b c Limiti Amministrativi (Comunali, Provinciali, Regionali) sc. 1:25000 - ed. 2011; Regione Liguria, on-line su geoportale.regione.liguria.it
  3. ^ Daniele Nelly Pellegrini, ALLUVIONE DI MELE - GENOVA - 07 ottobre 1970, su www.acquasantaonline.it. URL consultato il 21 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2016).
  4. ^ Michela Mazzucchelli, La via della carta (PDF), in quattropassifuoriporta, Rotary Club, giugno 2014. URL consultato il 21 maggio 2016.

Altri progettiModifica