Adam Willaerts

pittore e disegnatore olandese

Adam Willaerts (Londra [1] o Anversa[2][3], 21 luglio 1577Utrecht, 4 aprile 1664) è stato un pittore e disegnatore olandese del secolo d'oro[1].

Autoritratto di Adam Willaerts in Het Gulden Cabinet di Cornelis de Bie

BiografiaModifica

 
L'imbarco dell'Elettore Palatino

Padre dei pittori Abraham, Cornelis e Isaac Willaerts, operò principalmente a Utrecht[1]. Secondo alcuni, visse la fase iniziale della sua vita ad Anversa, venendo in contatto con la famiglia Brueghel[2]. Nel 1585 la sua famiglia si trasferì a Leida e poi a Utrecht. Nel 1589 si sposò ad Amsterdam e nel 1597 fu di nuovo a Utrecht, dove rimase fino al 1664[1]. Il suo periodo di attività in campo artistico si fa iniziare dal 1602, anche se probabilmente già precedentemente aveva eseguito alcune opere[1]. Collaborò con Salomon Vredeman de Vries alla pittura delle ante dell'organo della cattedrale di Utrecht[1]. Nel 1611 fu tra i fondatori della locale Corporazione di San Luca[1], creata a partire dalla vecchia gilda separando pittori e scultori dai sellai[3]. Fu decano della stessa nel 1621, 1622, 1624, 1625, 1627 e 1637[4]. Nel 1637 e nel 1660 fece parte dell'amministrazione dell'ospedale[3]. La figlia Hester sposò il pittore Jacob Gillig[3].

Dipinse soprattutto paesaggi, architetture, marine, viste di spiagge e zone costiere, ritratti[1] e soggetti di genere[2], dimostrandosi abile in prospettiva[3]. La sua produzione artistica lo fa ritenere un seguace di Hendrik Cornelisz Vroom[1], anche se nei suoi paesaggi si può notare l'influenza di Roelant Savery, che conobbe nei Paesi Bassi, e, nei soggetti di genere, quella della famiglia Brueghel[2]. Inoltre, rispetto ai seguaci di Vroom, realizzò anche soggetti della tradizione biblica legati al mare, come Giona e la balena, La pesca miracolosa, Cristo che prega sul Mar di Galilea[5]. La produzione più tarda di marine rivela reminiscenze di Jan Brueghel e Joos de Momper[2].

Collaborò col pittore Willem Ormea, che inseriva gruppi di pesci in primo piano nelle sue marine[3]. Realizzarono incisioni da suoi disegni Jan Meyssens, C.de Pas, M.de Pas, Chedel[3].

Furono suoi allievi i figli Abraham, Cornelis e Isaac[1].

 
La sconfitta degli Spagnoli a Gibilterra ad opera degli Olandesi guidati dall'ammiraglio Jacob van Heemskerck il 25 aprile 1607 (1617)
 
Ritratto di Roelant Savery in Het Gulden Cabinet di Cornelis de Bie (1662)

OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33188020 · ISNI (EN0000 0000 6634 5141 · Europeana agent/base/15227 · GND (DE133443833 · ULAN (EN500017930 · BAV (EN495/53992 · CERL cnp01127440 · WorldCat Identities (ENviaf-33188020