Apri il menu principale

Ademaro di Salerno (... – ...) è stato un principe longobardo, figlio e successore del principe Pietro di Salerno, che all'inizio dell'853 aveva usurpato il trono al minorenne Sicone II, di cui era reggente.

BiografiaModifica

Ademaro fu un sovrano molto impopolare e i territori del suo principato, nonché la sua stessa autorità, furono notevolmente ridotti dalle pressioni indipendentiste del Principato di Capua. Nell'858 fu costretto a chiedere l'intervento di Guido di Spoleto[non chiaro], che ottenne in cambio la valle del Liri. Nell'861 una rivolta popolare guidata da Guaiferio, della stirpe dei Dauferidi(cioè figli di Dauferio Balbo), rovesciò Ademaro dal trono e lo imprigionò. Durante la sua reclusione fu sottoposto a torture e accecato. Guaiferio fu eletto principe al suo posto, instaurando la dinastia dei Dauferidi sul trono di Salerno.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica