Apri il menu principale

Linfoadenopatia

Ingrossamento fisiologico o patolico dei linfonodi
(Reindirizzamento da Adenopatia)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Linfoadenopatia
Lymphadanopathy.JPG
Linfoadenopatia in paziente affetto da mononucleosi infettiva.
Specialitàangiologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM289.1, 289.3, 683 e 785.6
ICD-10I88, L04 e R59.1
MeSHD000072281
MedlinePlus001301

La linfoadenopatia, in medicina, è l'ingrossamento dei linfonodi di qualsiasi natura. Tale anomalia può essere dovuta o a una crescita improvvisa delle cellule costituenti, oppure a un'invasione da parte di cellule normalmente non presenti. Tra le regioni corporee visitabili dall'esterno, si manifesta soprattutto ai lati del collo, a livello toracico sopra le clavicole e all'inguine.[1]

Quando l'infezione colpisce il canale linfatico l'infezione assume il nome di linfangite; un tempo tale manifestazione veniva chiamata «linfatismo».[2]

La linfoadenopatia può essere benigna, come accade spesso nei bambini, e in tal caso non preoccupa la persona infetta; è denominata benigna secondo lo studio di alcune variabili. Fra esse vi ritroviamo:

  • Variabilità del follicolo: determinazione della dimensione del centro germinativo;
  • Assenza di invasione della parte grassa o della capsula;
  • Attività mitotica circoscritta al centro germinativo;
  • Localizzazione corticale e che vi sia una distribuzione non omogenea dei follicoli.

EziologiaModifica

Le cause scatenanti possono essere primarie o secondarie: tra le primitive vi sono quelle dovute a una patologia che ha origine nel linfonodo, come nel caso di neoplasie del tessuto linfatico, mentre nelle secondarie la patologia ha origine in contesti diversi dal linfonodo, come nel caso di un ascesso dentario.[3] Un'altra causa è l'infezione da HIV. Fra i vari tipi di sintomatologia che manifestano delle malattie correlate alla linfoadenopatia ritroviamo quelle:

LinfoadenomegaliaModifica

Quando i linfonodi raggiungono un diametro di almeno 2 cm, l'ingrandimento è considerato francamente patologico e si parla di "linfoadenomegalia". Tale evento è meno frequente rispetto alla comune linfoadenopatia. Analogamente, può essere dovuta a cause benigne (soprattutto infezioni) o maligne (metastasi, linfomi).

NoteModifica

  1. ^ Sintomo: Linfatismo, su farmasalute.it. URL consultato il 24 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2006).
  2. ^ Linfatismo: antico nome della linfoadenopatia, su ok.corriere.it. URL consultato il 26 settembre 2008.
  3. ^ "Dizionario dei sintomi", di Giancarlo De Mattia, Editori Riuniti, Roma, 1997, pag.94

BibliografiaModifica

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Chris Jennings (1993). Capire e prevenire l'AIDS: un libro per ognuno

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina