Adolescenza inquieta

telenovela brasiliana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film statunitense del 2004, vedi Adolescenza inquieta (film 2004).
Adolescenza inquieta
Titolo originaleOs adolescentes
PaeseBrasile
Anno1981
Formatoserial TV
Generetelenovela
Puntate115
Lingua originaleportoghese
Crediti
RegiaAntônio Abujamra, Sílvio Francisco
SoggettoIvani Ribeiro, Jorge Andrade
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
  • Franco Vaccaro: Doca
  • Susanna Maronetto: Rachel
  • Vittoria Lottero: Iracema
  • Angela Parodi: Marilu
Casa di produzioneRede Bandeirantes
Prima visione
Prima TV originale
Dal28 settembre 1981
Al2 aprile 1982
Rete televisivaRede Bandeirantes
Prima TV in italiano
Data13 aprile 1983
Rete televisivaItalia 1

Adolescenza inquieta (Os adolescentes) è una telenovela brasiliana, scritta da Ivani Ribeiro e Jorge Andrade, trasmessa dalla Rede Bandeirantes dal 1981 al 1982.

In Italia fu mandata in onda da Italia 1 a partire dal 13 aprile 1983[1], al posto di un'altra telenovela, Gli emigranti, conclusasi il giorno precedente. Fu replicata in seguito sul circuito Euro TV[2].

TramaModifica

Vicende umane che si intrecciano attorno a quattro presenze costanti: Doca, un giovane tossicodipendente, sua sorella Bia, ragazza madre, Caito, un omosessuale, e Majo, una ragazza con una difficile situazione familiare. Accanto a loro si inserisce il personaggio di Tullio, patrigno di Majo, un insegnante ex tossicodipendente, che farà i conti con il proprio passato incontrando Fernanda, la sorella della sua donna, morta per overdose.

Colonna sonoraModifica

In tutti e due i passaggi italiani, per la sigla furono usate due differenti canzoni di Luis Miguel: Il cielo[2][3] per la trasmissione su Italia 1 e Noi, ragazzi di oggi per quella di Euro Tv[2].

BibliografiaModifica

  • Ismael Fernandes, Memória da telenovela brasileira, Proposta Editorial, 1982
  • Massimiliano Parcaroli, La telenovela brasiliana, Bulzoni, 2003

NoteModifica

  1. ^ "Stampa Sera" del 13 aprile 1983 - Rubrica "In poltrona davanti alla TV", pag. 28. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  2. ^ a b c Fonte: Telenovelas italiane, su telenovelasitaliane.it. URL consultato il 26 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2014).
  3. ^ Fonte: Il mondo dei doppiatori

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione