Apri il menu principale

Adriana de Mila (Roma ?, 1469 circa – 1502) è stata una nobile italiana.

BiografiaModifica

Era figlia di don Pietro de Mila e di Covella Del Doce.

Il padre, nobiluomo spagnolo, figlio di Caterina Borgia, sorella di papa Callisto III e di Juan de Mila i Centelles venne in Italia in cerca di fortuna assieme ai fratelli, il più famoso dei quali Luis Juan de Milá fu creato cardinale dallo zio papa Callisto III. Don Pietro era cugino del cardinale Rodrigo Borgia prima che diventasse papa Alessandro VI e frequentava la casa di Adriana, che divenne la sua confidente. Ad essa venne affidata la figlia Lucrezia Borgia affinché la educasse e la tenne con sè sino al 1493, quando andò in sposa a Giovanni Sforza, signore di Pesaro. Adriana favorì la tresca amorosa tra Giulia Farnese "la Bella" e papa Alessandro VI.[1] Nel 1494 venne fatta prigioniera assieme alla nuora dai soldati francesi di Carlo VIII a Viterbo, condotte a Montefiascone e reclamando un riscatto di 3.000 ducati. Papa Alessandro VI di adoperò presso il re di Francia e le prigioniere vennero lasciate libere senza pagamento di riscatto.

Le ultime notizie di Adriana risalgono al 1502, quando accompagnò Lucrezia Borgia in sposa al duca Alfonso I d'Este.

DiscendenzaModifica

Adriana sposò Ludovico Orsini Migliorati (1425-1489), signore di Bassanello ed ebbero un figlio:

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri di Italia. Migliorati di Sulmona, Torino, 1880.

Collegamenti esterniModifica