Adriano Leite Ribeiro

ex calciatore brasiliano
Adriano
Adriano "Imperador" (3511839448).jpg
Adriano nel 2009
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 189 cm
Peso 95 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 28 maggio 2016 - giocatore
Carriera
Giovanili
1998-2000Flamengo
Squadre di club1
2000-2001Flamengo19 (7)[1]
2001-2002Inter8 (1)
2002Fiorentina15 (6)
2002-2004Parma37 (23)
2004-2008Inter103 (44)
2008San Paolo18 (11)[2]
2008-2009Inter12 (3)
2009-2010Flamengo31 (19)[3]
2010-2011Roma5 (0)
2011-2012Corinthians4 (1)[4]
2012Flamengo0 (0)
2014Atlético Paranaense0 (0)[5]
2016Miami Utd1 (0)
Nazionale
1999Brasile Brasile U-175 (0)
2001-2002Brasile Brasile U-209 (6)
2000-2010Brasile Brasile48 (27)[6]
Palmarès
Transparent.png Confederations Cup
Oro Germania 2005
Transparent.png Copa América
Oro Perù 2004
Transparent.png Campionato sudamericano di calcio Under-20
Oro Ecuador 2001
Transparent.png Mondiali di calcio Under-17
Oro Nuova Zelanda 1999
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 maggio 2016

Adriano Leite Ribeiro, noto semplicemente come Adriano (Rio de Janeiro, 17 febbraio 1982), è un ex calciatore brasiliano, di ruolo attaccante.

Soprannominato L'Imperatore[7], ha vinto una Copa América e una Confederations Cup con la nazionale verdeoro laureandosi capocannoniere di entrambe le manifestazioni.[8] Nel 2021 è stato inserito nella Walk of Fame del Maracanà, stadio simbolo del Brasile.[9]

È inoltre il miglior marcatore dell'Inter in Champions League con 18 reti.[10]

BiografiaModifica

Il 3 agosto 2004 perse il padre Almir, deceduto a 44 anni per le conseguenze di una sparatoria in cui rimase coinvolto anni prima.[11] Nel marzo 2007 fu protagonista di una lite in discoteca con il cestista Rolando Howell[12][13][14]: quest'ultimo negò accenni di rissa[15], riconducendo il diverbio a fraintendimenti linguistici.[16]

Indagato nell'autunno 2014 per il presunto coinvolgimento in un traffico di sostanze stupefacenti e il favoreggiamento d'illecito[17], fu in breve tempo scagionato dalle accuse.[18]

Nel corso della carriera rimase più volte vittima di una dipendenza dall'alcool che finì per comprometterne il rendimento agonistico[7][19][20][21][22][23]: lo stesso calciatore ascrisse tale problematica a disturbi depressivi insorti con la morte del genitore.[24][25][26] In un'intervista rilasciata nel 2018 dichiarò di essersi spesso presentato ubriaco agli allenamenti, con l'Inter che avrebbe coperto tali assenze adducendo quale motivazione gli infortuni fisici.[27]

Suo figlio Adriano Carvalho Ribeiro, di 14 anni, nell’aprile 2021 firma il suo primo contratto con il Grêmio.[28]

Caratteristiche tecnicheModifica

Inizialmente terzino[29], ricoprì poi il ruolo di centravanti.[29] In possesso di grande prestanza fisica e abile nella finalizzazione[8][30], eccelleva nel gioco aereo e nella conclusione a rete (in particolare col piede sinistro).[31][32]Era inoltre dotato di un tiro molto potente che gli permetteva di trovare il gol da lunghe distanze.

In grado di reggere da solo il peso del reparto avanzato[33], disponeva di un buon dribbling e della capacità di servire assist ai compagni. Limiti caratteriali ne hanno condizionato il rendimento impedendogli di esprimere il suo grande potenziale.

CarrieraModifica

ClubModifica

Esordi tra Brasile e Italia (2000-2004)Modifica

Esordì in patria con il Flamengo, distinguendosi per le abilità realizzative.[29][30] Nell'estate 2001 fu acquistato dall'Inter, nell'ambito di una trattativa che coinvolse il connazionale Vampeta (ceduto alla società brasiliana).[34] Compì il debutto in Serie A il 9 settembre contro il Parma[35], segnando poi al Venezia la prima rete nel campionato italiano[36]: andando in gol nei minuti di recupero[30], contribuì alla vittoria nerazzurra per 2-1.[37] Complice la giovane età[38], riportò un esiguo minutaggio anche per il rientro del brasiliano e suo connazionale Ronaldo [39]; nel gennaio 2002 venne quindi ceduto in prestito alla Fiorentina.[40] Con 6 gol in 15 gare di campionato[41][42][43], non riuscì a scongiurare la retrocessione dei viola.[44]

Per la stagione seguente fu ingaggiato, in compartecipazione, dal Parma.[45] In maglia gialloblù si ritagliò maggior spazio[46], formando con Adrian Mutu una prolifica coppia offensiva.[47] Il contributo del brasiliano e del romeno fruttò ai ducali la qualificazione in Coppa UEFA al termine del campionato 2002-03[48], chiuso al quinto posto.[49]

Dopo un infortunio subìto nel novembre 2003[50][51], tornò in campo nel gennaio 2004 segnando un gol all'Udinese[52]: tale rete, l'ultima con i parmensi, lo classificò al nono posto nella graduatoria dei realizzatori ducali in Serie A con 23 centri.[53]

Inter, San Paolo e Flamengo (2004-2010)Modifica

Durante la finestra invernale di mercato fece rientro all'Inter, che lo riscattò per circa 23 milioni di euro.[54][55] Nel girone di ritorno del campionato 2003-04 segnò 9 reti[56], contribuendo all'accesso ai preliminari di Champions League con il quarto posto in classifica.[57] Nella stagione 2004-05 risultò il miglior marcatore nerazzurro, con 28 reti complessive[8]: degna di nota la tripletta al Porto in campo europeo[58], nonché una doppietta alla Roma nella finale d'andata di Coppa Italia grazie a cui i meneghini ipotecarono il trofeo.[59] Nel derby d'Italia con la Juventus del 20 agosto 2005, valido per l'assegnazione della Supercoppa nazionale, fornì a Verón l'assist per il gol decisivo.[60]

Autore di 19 reti nella stagione 2005-06[61][62][63] — tra cui una decisiva doppietta nella stracittadina milanese[64] contribuì alla vittoria di un'altra Coppa Italia[65][66] e dello scudetto, che le sentenze di Calciopoli assegnarono ai nerazzurri (terzi in campionato) sub iudice.[67]

 
Adriano con la maglia del San Paolo nel campionato Paulista 2008.

Un minor utilizzo da parte di Roberto Mancini, circostanza riconducibile all'ingaggio di Ibrahimović e Crespo[68], non compromise la permanenza del brasiliano in squadra.[69] L'attaccante fornì comunque il proprio apporto alla vittoria del titolo nazionale[70][71][72] con 5 reti in 23 presenze, conquistando il secondo tricolore di fila.[73]

Escluso dalla lista per la Champions League nel settembre 2007[74][75], raccolse uno scarso minutaggio nella prima parte di stagione.[76][77] Ceduto in prestito semestrale al San Paolo nel dicembre 2007[78], si attestò su buoni livelli di rendimento riguadagnando un positivo stato di forma.[79]

 
Adriano in gol nel derby milanese del 15 febbraio 2009.

Rientrato in nerazzurro nell'estate 2008[80], fu impiegato con alterna frequenza dal nuovo allenatore José Mourinho[81]: realizzò comunque due gol nella fase a gironi di Champions League[10], divenendo il miglior marcatore del club nella competizione davanti a Sandro Mazzola.[82] L'ultima stagione a Milano risultò ancora segnata da fatti controversi, tra cui un periodo di esclusione dai convocati per le mancanze disciplinari[83]; nel gennaio 2009 ricevette inoltre una squalifica tramite prova televisiva per il pugno al sampdoriano Gastaldello.[84]

In aprile, dopo aver risposto alla convocazione della Nazionale, non fece ritorno in squadra rendendosi peraltro irreperibile per alcuni giorni[85]: a distanza di poche settimane, rescisse quindi il contratto con i nerazzurri.[86][87]

 
Adriano in azione con la maglia del Flamengo nel maggio 2009.

In seguito alla conclusione del rapporto con l'Inter, fu tesserato dal Flamengo facendo dunque ritorno nella formazione in cui era cresciuto.[88][89] Il 31 maggio 2009 segna, di testa, un gol contro l'Atlético Paranaense, contribuendo al successo per 2-1.[90] Tre settimane dopo è protagonista, con una tripletta, nel successo per 4-0 contro l'Internacional.[91][92] Complessivamente realizza 19 gol con il Flamengo, che aiutano la squadra a risalire in classifica e vincere il campionato all'ultima giornata.[93] Il centravanti è inoltre capocannoniere del torneo, alla pari con Diego Tardelli dell'Atlético Mineiro.[94]

Nella stagione successiva va a segno per 11 volte nel campionato carioca e per 4 volte in Coppa Libertadores, prima della decisione di lasciare il club.

Roma e Corinthias (2010-2012)Modifica

Nell'estate 2010 fa ritorno in Italia, per giocare con la maglia della Roma, posando il giorno della presentazione allo stadio Flaminio con una sciarpa con la scritta "Mo' te gonfio".[95][96] Debutta con i giallorossi in Supercoppa italiana, partita persa proprio contro la sua ex squadra dell'Inter.[97] Nell'arco della stagione non trova continuità, complici i molteplici infortuni.[98] Il 10 febbraio 2011 in Brasile gli viene ritirata la patente per il suo rifiuto di sottoporsi al test dell'etilometro.[99] L'8 marzo 2011 il contratto del giocatore viene risolto consensualmente.[100]

Il 28 marzo 2011, dopo un vano interessamento da parte del Flamengo dell'amico Ronaldinho[101], si trasferisce al Corinthians, di cui sceglie la maglia numero 10. Il 20 aprile, durante un allenamento, riporta la rottura del tendine d'Achille del piede sinistro ed è costretto ad uno stop di alcuni mesi, che gli impedisce di esordire in campionato il 22 maggio.[102] Nonostante l'infortunio, è al centro dell'ennesimo episodio controverso: durante il periodo di convalescenza, decide di andare a ballare in un locale togliendosi lo stivaletto ortopedico e suscitando la rabbia dei dirigenti per la bravata compiuta.[103] Torna ad allenarsi nell'ottobre 2011, con un peso di 101 chili e una forma atletica pari al 20%.[104]

Esordisce ufficialmente in campionato il 9 ottobre contro l'Atlético Goianiense (3-0), subentrando al compagno Alex al 79º minuto. Adriano, acclamato da 36 000 persone al Pacaembu, ha giocato con la maglia numero X (10 in numero romano) e con la scritta Imperador al posto del suo nome. Il 20 novembre, alla quarta partita, segna il 2-1 finale contro l'Atletico Mineiro con un sinistro da posizione angolata: il gol è valso alla squadra paulista il primato in classifica.[105] Il 4 dicembre, seppur non giocando nello 0-0 decisivo contro il Palmeiras, si laurea campione del Brasile con la squadra di San Paolo. Il 13 marzo 2012 il Corinthians annuncia la rescissione del contratto dell'attaccante brasiliano.[106]

Periodo di inattività, brevi esperienze e ritiro (2012-2016)Modifica

Dopo aver lasciato il Corinthians, il giocatore osserva un lungo periodo di inattività. Il 21 agosto 2012 il Flamengo annuncia di aver tesserato l'attaccante. Nell'ottobre dello stesso anno, però, Adriano dichiara di voler smettere con il calcio.[107] Il 7 novembre viene annunciata la rescissione del contratto dopo che Adriano, in evidente sovrappeso e alle prese con un infortunio, non ha mai giocato da quando è stato tesserato ed è stato protagonista di diverse mancanze disciplinari.[108]

Nel giugno del 2013, dopo aver sottoposto il giocatore a visite mediche, l'Internacional di Porto Alegre rinuncia a tesserarlo, comunicando che è necessario troppo tempo per rimetterlo in forma.[109]

In attesa di recuperare la forma migliore, da dicembre si allena con l'Atlético Paranaense, con la prospettiva di ricevere un contratto a gettone. Il 24 gennaio non si presenta al raduno del club: l'attaccante manca l'imbarco per Curitiba e rimane a Rio de Janeiro, dove la sera prima aveva organizzato una festa protrattasi fino all'alba.[110] L'11 febbraio il club ufficializza il tesseramento di Adriano,[111][112] che viene subito inserito nella lista dei partecipanti alla Copa Libertadores.[113] Esordisce ad aprile nel torneo statale contro il Londrina, 760 giorni dopo la sua ultima partita. Torna al gol la settimana seguente, dopo 26 mesi, nella sconfitta contro i boliviani del The Strongest in Copa Libertadores.[114] Subito dopo non si rende reperibile per due giorni saltando due allenamenti; viene però visto in un locale di Curitiba la notte successiva all'eliminazione della squadra dalla Coppa.[115] L'11 aprile la società decide di rescindergli il contratto.[116]

Nel dicembre successivo trova un accordo con il Le Havre, club di Ligue 2,[117] ma alla fine il tesseramento non si concretizza.[118]

Il 29 gennaio 2016 viene ufficializzato il suo passaggio al Miami United, club statunitense militante nella NPSL, il quarto livello calcistico degli Stati Uniti.[119] In un'intervista ammette che non voleva rimanere in Brasile perché non avrebbe potuto lavorare in modo tranquillo.[120] Il 1º maggio 2016 esordisce con la nuova squadra nel derby coi Miami Fusion, in cui la sua squadra viene sconfitta per 5-0.[121] Pochi giorni dopo il suo esordio, decide di tornare in Brasile.[122] Nel mese di giugno annuncia poi il definitivo ritiro dall'agonismo, a 34 anni.[123]

NazionaleModifica

 
Adriano con la nazionale brasiliana nel 2007.

Dopo aver vinto il titolo di campione del mondo Under-17 nel 1999, Adriano esordisce in nazionale maggiore nel 2000 contro la Colombia, gara valida per le qualificazioni al campionato del mondo del 2002, entrando in campo al 34º della ripresa al posto di França.[29] Viene convocato per il Campionato sudamericano di calcio Under-20 2001 in Ecuador, competizione che il Brasile si aggiudica grazie ai suoi 6 gol.[29]

Nel 2003, ormai parte integrante della nazionale maggiore, realizza il suo primo gol in maglia verdeoro in occasione dell'amichevole di Parigi contro la Nigeria. Partecipa alla Confederations Cup 2003, in cui mette a segno 2 gol nella fase a gironi, quello della vittoria contro gli Stati Uniti (1-0) e quello che apre le marcature nella sfida pareggiata contro la Turchia (2-2), che non basta ai verdeoro per superare il turno.

È poi grande protagonista della Coppa America 2004, laureandosi capocannoniere con 7 realizzazioni, che guidano il Brasile alla vittoria del titolo continentale.[124][125] Replica la prestazione anche nella Confederations Cup 2005, vinta dal Brasile, stavolta con 5 gol.[126]

Al campionato del mondo 2006 il suo nome appare nel tabellino dei marcatori per 2 volte.[127] Successivamente, anche per la difficile situazione personale, viene convocato con minor frequenza: rientra in nazionale soltanto nell'autunno 2008, contribuendo alla qualificazione del Brasile al campionato del mondo 2010, dalla cui lista dei convocati viene però escluso.[128]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 28 maggio 2016.[129]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2000   Flamengo A/RJ+CJH 0+19 0+7 CB - - CM 8 1 RJ-SP 3 1 30 9
2001 A/RJ+A 7+0 1+0 CB 4 1 CM 2 0 RJ-SP 1 0 14 2
2001-gen. 2002   Inter A 8 1 CI 1 0 CU 5 0 - - - 14 1
gen.-giu. 2002   Fiorentina A 15 6 CI - - - - - - - - 15 6
2002-2003   Parma A 28 15 CI 1 0 CU 2 2 - - - 31 17
2003-gen. 2004 A 9 8 CI 2 0 CU 2 1 - - - 13 9
Totale Parma 37 23 3 0 4 3 44 26
gen.-giu. 2004   Inter A 16 9 CI 2 3 CU[130] - - - - - 18 12
2004-2005 A 30 16 CI 3 2 UCL 9[131] 10[132] - - - 42 28
2005-2006 A 30 13 CI 5 0 UCL 11[131] 6[133] SI 1 0 47 19
2006-2007 A 23 5 CI 3 1 UCL 3 0 SI 1 0 30 6
2007-gen. 2008 A 4 1 CI 0 0 UCL - - SI - - 4 1
gen.-giu. 2008   San Paolo A1/SP+A 18+0 11+0 CB - - CL 10 6 - - - 28 17
2008-2009   Inter A 12 3 CI 3 2 UCL 7 2 SI 0 0 22 7
Totale Inter 123 48 17 8 35 18 2 0 177 74
giu.-dic. 2009   Flamengo A/RJ+A 0+30 0+19 CB - - - - - - - - 30 19
2010 A/RJ+A 10+1 11+0 CB - - CL 7 4 - - - 18 15
2010-mar. 2011   Roma A 5 0 CI 1 0 UCL 1 0 SI 1 0 8 0
mar.2011 -2012   Corinthians A1/SP+A 0+4 0+1 CB 0 0 CL 0 0 - - - 4 1
gen.2012 -mar.2012 A1/SP+A 3+0 1+0 CB 0 0 CL 0 0 - - - 3 1
Totale Corinthians 3+4 1+1 - - - - 7 2
ago.-nov. 2012   Flamengo A/RJ+A 0+0 0 CB - - CM 0 0 - - - 0 0
Totale Flamengo 17+50 12+26 4 1 17 5 4 1 92 45
gen.-apr. 2014   Atlético Paranaense A1/PR+A 1+0 0 CB - - CL 3 1 - - - 4 1
gen. 2016   Miami United NPSL 1 0 - - - - - - - - - 1 0
Totale carriera 274 128 25 9 70 33 7 1 376 171

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2000 San Paolo Brasile   1 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2002 -
29-3-2003 Oporto Portogallo   2 – 1   Brasile Amichevole -
11-6-2003 Abuja Nigeria   0 – 3   Brasile Amichevole 1
19-6-2003 Parigi Brasile   0 – 1   Camerun Conf. Cup 2003 - 1º turno -
21-6-2003 Lione Brasile   1 – 0   Stati Uniti Conf. Cup 2003 - 1º turno 1
23-6-2003 Saint-Étienne Brasile   2 – 2   Turchia Conf. Cup 2003 - 1º turno 1
12-10-2003 Leicester Giamaica   0 – 1   Brasile Amichevole -
8-7-2004 Arequipa Brasile   1 – 0   Cile Coppa America 2004 - 1º turno -
11-7-2004 Arequipa Brasile   4 – 1   Costa Rica Coppa America 2004 - 1º turno 3
14-7-2004 Arequipa Brasile   1 – 2   Paraguay Coppa America 2004 - 1º turno -
18-7-2004 Piura Messico   0 – 4   Brasile Coppa America 2004 - Quarti di finale 2
21-7-2004 Lima Brasile   1 – 1 dts
(5 – 3 dtr)
  Uruguay Coppa America 2004 - Semifinale 1
25-7-2004 Lima Argentina   2 – 2 dts
(2 – 4 dtr)
  Brasile Coppa America 2004 - Finale 1 [134]
5-9-2004 San Paolo Brasile   3 – 1   Bolivia Qual. Mondiali 2006 1
8-9-2004 Berlino Germania   1 – 1   Brasile Amichevole -
9-10-2004 Maracaibo Venezuela   2 – 5   Brasile Qual. Mondiali 2006 1
13-10-2004 Maceió Brasile   0 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2006 -
17-11-2004 Quito Ecuador   1 – 0   Brasile Qual. Mondiali 2006 -
5-6-2005 Porto Alegre Brasile   4 – 1   Paraguay Qual. Mondiali 2006 -
8-6-2005 Buenos Aires Argentina   3 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2006 -
16-6-2005 Lipsia Brasile   3 – 0   Grecia Conf. Cup 2005 - 1º turno 1
19-6-2005 Hannover Messico   1 – 0   Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
22-6-2005 Colonia Giappone   2 – 2   Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
25-6-2005 Norimberga Germania   2 – 3   Brasile Conf. Cup 2005 - Semifinale 2
29-6-2005 Francoforte Brasile   4 – 1   Argentina Conf. Cup 2005 - Finale 2 [135]
17-8-2005 Spalato Croazia   1 – 1   Brasile Amichevole -
4-9-2005 Brasilia Brasile   5 – 0   Cile Qual. Mondiali 2006 3
9-10-2005 La Paz Bolivia   1 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2006 -
12-10-2005 Belém Brasile   3 – 0   Venezuela Qual. Mondiali 2006 1
12-11-2005 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti   0 – 8   Brasile Amichevole 1
1-3-2006 Mosca Russia   0 – 1   Brasile Amichevole -
4-6-2006 Ginevra Brasile   4 – 0   Nuova Zelanda Amichevole 1
13-6-2006 Berlino Brasile   1 – 0   Croazia Mondiali 2006 - 1º turno -
18-6-2006 Monaco Brasile   2 – 0   Australia Mondiali 2006 - 1º turno 1
27-6-2006 Dortmund Brasile   3 – 0   Ghana Mondiali 2006 - Ottavi di finale 1
1-7-2006 Francoforte Brasile   0 – 1   Francia Mondiali 2006 - Quarti di finale -
6-2-2007 Londra Brasile   0 – 2   Portogallo Amichevole -
31-5-2008 Seattle Canada   2 – 3   Brasile Amichevole -
6-6-2008 Boston Brasile   0 – 2   Venezuela Amichevole -
15-6-2008 Asunción Paraguay   2 – 0   Brasile Qual. Mondiali 2010 -
18-6-2008 Belo Horizonte Brasile   0 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
12-10-2008 San Cristobal Venezuela   0 – 4   Brasile Qual. Mondiali 2010 1
19-11-2008 Gama Brasile   6 – 2   Portogallo Amichevole 1
10-2-2009 Londra Brasile   2 – 0   Italia Amichevole -
5-9-2009 Rosario Argentina   1 – 3   Brasile Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Salvador Brasile   4 – 2   Cile Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2009 La Paz Bolivia   2 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2010 -
2-3-2010 Londra Irlanda   0 – 2   Brasile Amichevole -
Totale Presenze 48 Reti (17º posto) 27
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale (partite non ufficiali) ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
25-5-2004 Barcellona Catalogna   2-5   Brasile 1
6-9-2005 Siviglia Siviglia   1-1   Brasile -
30-5-2006 Basilea Lucerna XI   0-8   Brasile 2
Totale Presenze 3 Reti 3

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni stataliModifica

Flamengo: 2000, 2001

Competizioni nazionaliModifica

Flamengo: 2001
Inter: 2004-2005, 2005-2006
Inter: 2005, 2006, 2008[136]
Inter: 2005-2006[137], 2006-2007, 2008-2009
Flamengo: 2009
Corinthians: 2011

NazionaleModifica

1999
2001
2004
2005

IndividualeModifica

2001
2001
2004 (7 gol)
2004
2005 (5 gol)
2005
2005
2009 (19 gol)
2009
2009

NoteModifica

  1. ^ 26 (8) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Carioca.
  2. ^ 18 (11) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Paulista.
  3. ^ 41 (30) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Carioca.
  4. ^ 7 (2) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Paulista.
  5. ^ 1 (0) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Paranaense.
  6. ^ 51 (30) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la nazionale maggiore brasiliana.
  7. ^ a b Giacomo Detomaso, Memorie di Adriano, su ultimouomo.com, 17 febbraio 2015.
  8. ^ a b c Adriano: quaranta gol in 12 mesi, su inter.it, 27 giugno 2005.
  9. ^ Adriano inserito nella Walk of fame del Maracanà. L'ex di Inter e Parma si scioglie in lacrime - TUTTOmercatoWEB.com, su www.tuttomercatoweb.com. URL consultato il 5 maggio 2021.
  10. ^ a b Gianni Piva, Ibra un gigante, Cambiasso quasi, in la Repubblica, 17 settembre 2008, p. 54.
  11. ^ Alessio Da Ronch, Dramma Adriano: è morto il padre, in La Gazzetta dello Sport, 5 agosto 2004.
  12. ^ Adriano-Howell: rissa all'Hollywood, su gazzetta.it, 19 marzo 2007.
  13. ^ Adriano se la prende col cestista, e Moratti litiga col tifoso al bar, su repubblica.it, 19 marzo 2007.
  14. ^ Enrico Currò, Adriano, solita rissa in discoteca, in la Repubblica, 20 marzo 2007, p. 66.
  15. ^ Basket, Howell: io e Adriano mai a contatto, su sport.repubblica.it, 20 marzo 2007.
  16. ^ Gianni Piva, Howell scagiona Adriano per la rissa, in la Repubblica, 21 marzo 2007, p. 59.
  17. ^ Adriano Seu, Brasile, Adriano rischia 25 anni per traffico di droga, su gazzetta.it, 5 novembre 2014.
  18. ^ Lorenzo Roca, Adriano scagionato dall'accusa di traffico di droga: «Pago le tasse e...», su fcinter1908.it, 7 novembre 2014.
  19. ^ Adriano, dolce vita e bollicine, su gazzetta.it, 2 marzo 2007.
  20. ^ Le amare confessioni di Adriano: "Bevevo ma Moratti mi ha salvato", su repubblica.it, 21 luglio 2007.
  21. ^ Mirko Graziano, Adriano confessa: "Ecco perché bevevo", su gazzetta.it, 21 luglio 2007.
  22. ^ Corrado Sannucci, Da Skoglund a Tony Adams, in la Repubblica, 21 novembre 2007, p. 62.
  23. ^ Adriano Seu, Festa e alcol, Adriano ci ricasca. E subito la sbronza finisce sul web, su gazzetta.it, 14 luglio 2020.
  24. ^ Gianni Piva, Il male di Adriano: l'alcol ? No, la testa, in la Repubblica, 21 novembre 2007, p. 62.
  25. ^ Andrea Sorrentino, "Adriano non è depresso, ha un problema particolare", su repubblica.it, 7 aprile 2009.
  26. ^ Adriano: "Che choc Enke, poteva succedere a me", su repubblica.it, 13 novembre 2009.
  27. ^ Adriano shock: "Andavo ubriaco agli allenamenti. Ero felice solo bevendo", su gazzetta.it, 30 agosto 2018.
  28. ^ Adriano, c'è un nuovo Imperatore: il figlio firma con un top club, su corrieredellosport.it. URL consultato il 21 aprile 2021.
  29. ^ a b c d e Andrea Elefante, Mauricio Cannone e Carlo Laudisa, La favola di Adriano, in La Gazzetta dello Sport, 17 agosto 2001.
  30. ^ a b c Andrea Elefante e Luca Curino, Batte forte il cuore di Adriano, in La Gazzetta dello Sport, 17 settembre 2001.
  31. ^ Mirko Graziano, Mai perdere la fede nel sinistro del «10», in La Gazzetta dello Sport, 16 marzo 2005.
  32. ^ Paolo Cavalcanti, Adriano, campione che non ama la destra, in la Repubblica, 23 marzo 2005, p. 9.
  33. ^ Ibrahimovic potrebbe giocare da mezzapunta, in La Gazzetta dello Sport, 21 agosto 2006.
  34. ^ Adriano-Vampeta: l'operazione ad una svolta, su inter.it, 7 agosto 2001.
  35. ^ Il Tardini si conferma campo stregato per l'Inter, su repubblica.it, 9 settembre 2001.
  36. ^ Prodezza di Adriano, l'Inter resta in scia, su repubblica.it, 16 settembre 2001.
  37. ^ Paolo Condò, È tutta un'altra Inter, in La Gazzetta dello Sport, 17 settembre 2001.
  38. ^ Gianni Piva, Dalle favelas il Fenomeno 2, in la Repubblica, 18 settembre 2001, p. 52.
  39. ^ Ronaldo: felice di tornare nella partita più facile, su repubblica.it, 20 settembre 2001.
  40. ^ Luca Calamai, Alberto Paoli e Alessio Da Ronch, Questa Fiorentina è al capolinea, in La Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 2002.
  41. ^ Adriano esordio e gol, il Chievo impatta, su repubblica.it, 13 gennaio 2002.
  42. ^ Giuseppe Calabrese, Adriano e il magico numero 90, in la Repubblica, 23 gennaio 2002, p. 57.
  43. ^ Antonello Capone, Quanto rendono a Moratti i gol di Adriano con la Fiorentina ?, in SportWeek, La Gazzetta dello Sport, 26 gennaio 2002.
  44. ^ Giuseppe Calabrese, Parma dall'incubo alla gioia, in la Repubblica, 29 aprile 2002, p. 47.
  45. ^ Alessio Da Ronch, Adriano al Parma con un traguardo in più, in La Gazzetta dello Sport, 6 giugno 2002.
  46. ^ G.B., Adriano al Parma: «Che coppia con Di Vaio», in La Gazzetta dello Sport, 7 giugno 2002.
  47. ^ Sebastiano Vernazza, Mutu-Adriano: che coppia!, in La Gazzetta dello Sport, 16 settembre 2002.
  48. ^ Andrea Masala, Parma: Adriano fa la differenza, in La Gazzetta dello Sport, 9 dicembre 2002.
  49. ^ Vito Schembari, Piacenza, addio miracolo, in La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2003.
  50. ^ Franco Bassini, Il Parma vola sempre più in alto ma perde Adriano: rischio strappo, in la Repubblica, 3 novembre 2003, p. 44.
  51. ^ Lungo stop per Adriano, su it.uefa.com, 3 novembre 2003.
  52. ^ Adriano torna dopo l'infortunio e salva il Parma ad Udine, su repubblica.it, 17 gennaio 2004.
  53. ^ Panini, p. 405.
  54. ^ E alla fine è ufficiale Adriano torna all'Inter, su repubblica.it, 21 gennaio 2004.
  55. ^ Adriano torna all'Inter, su it.uefa.com, 21 gennaio 2004.
  56. ^ Nicola Cecere, Con un po' di ritardo, ma che Inter!, in La Gazzetta dello Sport, 2 febbraio 2004.
  57. ^ Alberto Cerruti, L'Inter respira, in La Gazzetta dello Sport, 17 maggio 2004.
  58. ^ Gianni Piva, Adriano in trionfo, in la Repubblica, 16 marzo 2005, p. 48.
  59. ^ Gianni Piva, Finale Coppa Italia, in la Repubblica, 13 giugno 2005, p. 46.
  60. ^ Riccardo Pratesi, Supercoppa, trionfo Inter, su gazzetta.it, 20 agosto 2005.
  61. ^ Gianni Piva, Inter-Treviso, in la Repubblica, 29 agosto 2005, p. 39.
  62. ^ Gianni Piva, Gol, emozioni e nervi tesi, in la Repubblica, 27 ottobre 2005, p. 60.
  63. ^ Gianni Piva, Champions, in la Repubblica, 24 novembre 2005, p. 58.
  64. ^ Gianni Piva, Il derby di Milano, in la Repubblica, 12 dicembre 2005, p. 50.
  65. ^ Gianni Piva, L'Inter non perde il vizio di soffrire, in la Repubblica, 16 gennaio 2006, p. 44.
  66. ^ Riccardo Pratesi, Inter, la Coppa è ancora tua, su gazzetta.it, 11 maggio 2006.
  67. ^ Lo scudetto 2006 è dell'Inter, su gazzetta.it, 26 luglio 2006.
  68. ^ Gianni Piva, L'Inter di Ibra, Adriano e Crespo, in la Repubblica, 20 agosto 2006, p. 58.
  69. ^ Ad Adriano il Bidone d'oro 2006, su gazzetta.it, 4 dicembre 2006.
  70. ^ Inter-Atalanta 2-1: in gol Adriano, su inter.it, 23 dicembre 2006.
  71. ^ Dodicesima vittoria dell'Inter a Torino, Ibrahimovic e Adriano fanno meraviglie, su repubblica.it, 13 gennaio 2007.
  72. ^ Riccardo Pratesi, Ciclone Adriano, l'Inter fa il vuoto, su gazzetta.it, 21 gennaio 2007.
  73. ^ Mancini: "Adriano può essere decisivo", su inter.it, 31 marzo 2007.
  74. ^ Adriano non decolla: fuori dalla Champions, su gazzetta.it, 1º settembre 2007.
  75. ^ Mancini gela Adriano: "Ci vorranno mesi", su gazzetta.it, 22 settembre 2007.
  76. ^ Luca Calamai, Ibra gol, Adri cresce ma l'Inter è smarrita, in La Gazzetta dello Sport, 24 settembre 2007.
  77. ^ Torna Adriano, l'Inter allunga, su it.uefa.com, 20 ottobre 2007.
  78. ^ "Adriano giocherà 6 mesi col San Paolo", l'annuncio dall'agente dell'attaccante, su repubblica.it, 19 dicembre 2007.
  79. ^ Andrea Elefante, Adriano ancora decisivo, il "suo" San Paolo vola, su gazzetta.it, 21 gennaio 2008.
  80. ^ Moratti promuove Adriano: "Vince la sua scommessa", su gazzetta.it, 11 agosto 2008.
  81. ^ Mourinho: "Adriano ? Sarà titolare quando lo dirò io", su gazzetta.it, 20 settembre 2008.
  82. ^ Adriano lancia la fuga dell'Inter, su it.uefa.com, 22 ottobre 2008.
  83. ^ Luca Taidelli, Adriano non è sobrio, e Mourinho lo manda a casa, su gazzetta.it, 12 dicembre 2008.
  84. ^ Pugno da prova tv, tre giornate ad Adriano, su gazzetta.it, 26 gennaio 2009.
  85. ^ Andrea Elefante e Mirko Graziano, Adriano si è fatto vivo, torna domani a Milano ?, su gazzetta.it, 5 aprile 2009.
  86. ^ Inter-Adriano: comunicato ufficiale, su inter.it, 24 aprile 2009.
  87. ^ Adriano non è più dell'Inter, su repubblica.it, 24 aprile 2009.
  88. ^ Adriano Seu, Idea Adriano: il Flamengo, su gazzetta.it, 29 aprile 2009.
  89. ^ Adriano firma col Flamengo, su gazzetta.it, 6 maggio 2009.
  90. ^ Adriano subito in gol Il Flamengo vince, su repubblica.it, 31 maggio 2009.
  91. ^ (PT) Adriano impera no Maracanã e Flamengo goleia o Internacional: 4 a 0, su esporte.uol.com.br, 21 giugno 2009.
  92. ^ Adriano, tripletta e show Il Maracanà impazzisce, su repubblica.it, 22 giugno 2009.
  93. ^ Adriano torna e segna Doppietta al Recife, su repubblica.it, 13 settembre 2009.
  94. ^ Carlo Pizzigoni, Brasile, Flamengo campione È trionfo anche per Adriano, su gazzetta.it, 6 dicembre 2009.
  95. ^ Matteo Pinci, Adriano, festa al Flaminio "Che emozione, sembra Rio", su repubblica.it, 8 giugno 2010.
  96. ^ Francesca Ferrazza, Adriano: "Alla Roma per tornare grande", su repubblica.it, 22 luglio 2010.
  97. ^ Fabrizio Bocca, È sempre Inter, in la Repubblica, 22 agosto 2010, p. 48.
  98. ^ Calcio: Roma, frattura testa omerale destra per Adriano, su agi.it, 23 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2011).
  99. ^ Matteo Politanò, Adriano, alcol e patente ritirata: vicina la rescissione con la Roma [collegamento interrotto], su blog.panorama.it, 10 febbraio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  100. ^ Risoluzione consensuale anticipata del contratto tra A.S. Roma e Adriano Ribeiro Leite, su asroma.it, 8 marzo 2011. URL consultato l'8 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2011).
  101. ^ Riecco Adriano, pubblico in delirio, su www3.lastampa.it, 10 ottobre 2011. URL consultato il 10 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2011).
  102. ^ Crack Adriano: fuori 5 mesi, su tuttomercatoweb.com.
  103. ^ corriere.it, L'ultima di Adriano: si toglie la protezione alla caviglia per andare a ballare, su corriere.it, 9 giugno 2011.
  104. ^ Adriano in campo coi suoi 101 chili, su sportmediaset.mediaset.it, 8 ottobre 2011.
  105. ^ Adriano e Recoba sempre di moda - Gol pesantissimi per gli ex interisti, su sportmediaset.mediaset.it, 21 novembre 2011.
  106. ^ Corinthians, clamorosa rescissione per Adriano, su tuttomercatoweb.com, 13 marzo 2012.
  107. ^ (ES) Adriano acerta contrato e volta a ser jogador do Flamengo, su flamengo.com.br, 21 agosto 2012.
  108. ^ Flamengo rescinde contratto con Adriano, su ansa.it, 7 novembre 2012.
  109. ^ Adriano, niente Internacional: "Troppo tempo per rimetterlo in forma e farlo giocare", su gazzetta.it, 25 giugno 2013.
  110. ^ Adriano riparte col piede sbagliato. L'Atletico Paranaense: "Ci è ricaduto", su gazzetta.it, 24 gennaio 2014.
  111. ^ (PT) Adriano Imperador é o novo reforço do Furacão!, su atleticoparanaense.com, 11 febbraio 2014. URL consultato l'11 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  112. ^ m.can., Adriano ci riprova all'Atletico Paranaense, in La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2014, p. 16.
  113. ^ UFFICIALE: Adriano riparte dall'Atletico Paranaense, su tuttomercatoweb.com, 12 febbraio 2014.
  114. ^ Adriano in gol dopo due anni. Ma Paranaense ko e addio Libertadores, su gazzetta.it, 9 aprile 2014.
  115. ^ Adriano salta due allenamenti e il Paranaense pensa al licenziamento, su gazzetta.it, 11 aprile 2014.
  116. ^ Adriano Seu, Adriano, fine della corsa: il Paranaense lo licenzia, su gazzetta.it, 11 aprile 2014.
  117. ^ Calcio, Adriano riparte dalla Francia: accordo con il Le Havre, su gazzetta.it, 25 dicembre 2014.
  118. ^ Niente ritorno al calcio: sfuma l'arrivo di Adriano al Le Havre, su goal.com, 31 gennaio 2015.
  119. ^ Adriano-Miami: 10.000 dollari al mese e percentuale sulle vendite delle maglie, su goal.com, 13 febbraio 2016.
  120. ^ Adriano: "Torno in campo a Miami. Difficile in Brasile", su tuttomercatoweb.com, 10 marzo 2016.
  121. ^ Miami United: Adriano torna in campo ma ne prende 5, su sportmediaset.mediaset.it, 2 maggio 2016.
  122. ^ Adriano-Miami United è già finita: ecco le motivazioni, su ilgiornale.it, 6 maggio 2016.
  123. ^ Adriano Seu, Adriano, Imperatore delle vacanze. Il calcio è un ricordo, su gazzetta.it, 14 novembre 2016.
  124. ^ Paolo Malpezzi, Il vizio di Adriano: uno, due, tre, su gazzetta.it, 11 luglio 2004.
  125. ^ Argentina beffata in extremis, la Coppa America al Brasile, su repubblica.it, Lima, 26 luglio 2004.
  126. ^ Confederation Cup, Brasile stellare Argentina mai in partita: 4-1, su repubblica.it, 29 giugno 2005.
  127. ^ Il Brasile non è ancora bello ma batte l'Australia e va agli ottavi, su repubblica.it, 18 giugno 2006.
  128. ^ Davide Chinellato, Kakà-Adriano: che Brasile!, su gazzetta.it, 12 ottobre 2008.
  129. ^ Adriano Transfermarkt, su transfermarkt.it.
  130. ^ Non inseribile nella lista UEFA, essendo già sceso in campo con un altro club durante la stagione.
  131. ^ a b 2 presenze nei turni preliminari.
  132. ^ 3 reti nei turni preliminari.
  133. ^ 1 rete nei turni preliminari.
  134. ^ 7º titolo
  135. ^ 2º titolo
  136. ^ In rosa, ma non sceso in campo.
  137. ^ Assegnato a tavolino dopo le sentenze di Calciopoli.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica