Adriano Lualdi

compositore e direttore d'orchestra italiano
Adriano Lualdi
Adriano Lualdi.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Durata mandato 20 aprile 1929 –
2 marzo 1939
Legislature XXVIII-XXIX
Sito istituzionale

Consigliere nazionale del Regno d'Italia
Durata mandato 23 marzo 1939 –
2 agosto 1943
Legislature XXX
Gruppo
parlamentare
Corporazione dello spettacolo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Università Accademia nazionale di Santa Cecilia
Professione Musicista

Adriano Lualdi (Larino, 22 marzo 1885Milano, 8 gennaio 1971) è stato un compositore, direttore d'orchestra e politico italiano.

BiografiaModifica

 
Una foto di gruppo con Lualdi e Mascagni.

Nacque da genitori veneziani trasferitisi per motivi di lavoro a Larino, dove trascorse l'infanzia. I genitori, incoraggiati dalla sua propensione per la musica e per la letteratura, lo inviarono a studiare al Conservatorio Santa Cecilia a Roma sotto Stanislao Falchi. Successivamente studiò a Venezia sotto la guida di Ermanno Wolf-Ferrari, di cui sentirà l'influenza, sia stilistica che in ambito teatrale. Si diplomò in composizione nel 1907, mettendosi in luce con la cantata per coro e orchestra Attollite portas, su testo di Arturo Graf.

Intraprese giovanissimo la carriera di direttore d'orchestra, registrando presenze in diversi teatri d'Italia, tra cui la Fenice di Venezia e il Teatro San Carlo di Napoli. In quegli anni collaborò con direttori come Pietro Mascagni e Arturo Toscanini, che nel 1925 diresse una sua composizione ispirata alla novella di Edgar Allan Poe Il diavolo nel campanile.

Oltre a tenere conferenze in varie città d'Italia, collaborò assiduamente con diversi quotidiani, tra cui L'Ambrosiano (1922), Il Secolo (1923-1927), il Corriere della Sera (1927-1932) e Il Giornale d'Italia (1936-1942), e ad alcuni periodici.

Contemporaneamente all'attività di direttore d'orchestra diresse i conservatori di Firenze e Napoli. Assieme a Giuseppe Mulè, fu il più strenuo rappresentante della poetica musicale del regime fascista, avversando fortemente le avanguardie moderniste.

ComposizioniModifica

Opere liricheModifica

Musiche di scenaModifica

Poemi sinfoniciModifica

  • La leggenda del vecchio marinaio (1910)
  • L'albatro (1932)
  • Samnium
  • Africa (rapsodia coloniale)
  • Suite adriatica

FilmografiaModifica

ScrittiModifica

  • Viaggio sentimentale nella Liburnia. Riviera del quarnero, Dott. Riccardo Quintieri Editore, 1922
  • Viaggio musicale in Italia, Edizioni Alpes, Milano, 1927
  • Viaggio musicale in Europa, Edizioni Alpes, Milano, 1929
  • Il rinnovamento musicale italiano, Treves, Milano, 1931
  • Viaggio musicale nell'U.R.S.S., Soc. anonima La nuova antologia, Roma, 1933
  • Viaggio musicale nel Sud-America, Istituto Editoriale Nazionale, Milano, 1934
  • L'arte di dirigere l'orchestra, Ulrico Hoepli, Milano, 1949 Adriano Lualdi Project
  • Tutti vivi, Dall'Oglio, Milano, 1955

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100218955 · ISNI (EN0000 0001 2031 4443 · SBN IT\ICCU\RAVV\029987 · Europeana agent/base/89634 · LCCN (ENn85367874 · GND (DE117252638 · BNF (FRcb12171725k (data) · BNE (ESXX928850 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85367874