Apri il menu principale

Adrianus Simonis

cardinale e arcivescovo cattolico olandese
Adrianus Johannes Simonis
cardinale di Santa Romana Chiesa
Bezoek Paus Johannes Paulus II aan Nederland de Paus met kardinalen Simonis (l), Bestanddeelnr 933-3249 (cropped).jpg
Mons. Simonis durante la visita di papa Giovanni Paolo II nei Paesi Bassi l'11 maggio 1985
Coat of arms of Adrianus Simonis.svg
Ut cognoscant Te
 
TitoloCardinale presbitero di San Clemente
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Utrecht (dal 2007)
Incarichi ricoperti
 
Nato26 novembre 1931 (88 anni) a Lisse
Ordinato diacono22 settembre 1956
Ordinato presbitero15 giugno 1957 dal vescovo Martien Antoon Jansen
Nominato vescovo29 dicembre 1970 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo20 marzo 1971 dal cardinale Bernard Jan Alfrink
Elevato arcivescovo27 giugno 1983 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale25 maggio 1985 da papa Giovanni Paolo II
 

Adrianus Johannes Simonis (Lisse, 26 novembre 1931) è un cardinale e arcivescovo cattolico olandese.

BiografiaModifica

Fu ordinato sacerdote il 15 giugno 1957.

Il 29 dicembre 1970 papa Paolo VI lo nominò vescovo di Rotterdam e ricevette la consacrazione episcopale il 20 marzo 1971 dal cardinale Bernard Jan Alfrink.

Divenne in seguito arcivescovo coadiutore di Utrecht il 27 giugno 1983, per poi divenire arcivescovo e metropolita dei Paesi Bassi il 3 dicembre dello stesso anno.

Papa Giovanni Paolo II lo ha innalzato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 25 maggio 1985.

Il 14 aprile 2007 termina il suo incarico dopo l'accettazione delle dimissioni da parte di papa Benedetto XVI per raggiunti limiti di età.

Ha ricoperto il ruolo di presidente della Conferenza Episcopale dei Paesi Bassi dal 1983 al 2008, quando gli è succeduto il vescovo di Rotterdam, Adrianus Herman van Luyn.

Il 26 novembre 2011 ha compiuto ottanta anni, perdendo il diritto al voto nei successivi conclave.

Accuse presunteModifica

Nel febbraio 2011, Simonis è stato accusato di aver coperto un prete pedofilo mentre era arcivescovo. Il prete, il cui nome non è stato reso noto dai media, abusò di Erwin Meester mentre era in servizio in una parrocchia di Zoetermeer. Simonis, pur sapendo dell'accusa, ritenne che il prete fosse cambiato, e lo spostò in una parrocchia ad Amersfoort, senza però avvisare nessuno della nuova parrocchia dei precedenti del prete. Il prete perpetrò altri abusi nella nuova parrocchia (secondo la polizia sei delle sue vittime hanno poi denunciato abusi avvenuti tra il 1987 e il 2008); secondo Simonis, il nuovo abuso avvenuto ad Amersfoort sarebbe «spiacevole».[1]

Quando l'episodio è venuto alla luce, Simonis ha affermato di essere a conoscenza dei precedenti del prete, ma che aveva giudicato sufficienti la terapia e «le prescrizioni psicologiche severe e per iscritto» che aveva ricevuto. Ha anche affermato che non aveva avuto nessuna informazione dalla nuova parrocchia riguardo ai nuovi abusi.[1]

Genealogia episcopaleModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49269574 · ISNI (EN0000 0001 0898 6570 · LCCN (ENn99275798 · GND (DE12836453X · BNF (FRcb12182794v (data) · WorldCat Identities (ENn99-275798