Apri il menu principale

Aeroporto Internazionale di Sana'a

Aeroporto Internazionale di Sana'a
aeroporto
Yemenia Ilyushin Il-76 KvW.jpg
Ilyushin Il-76TD della compagnia aerea Yemenia in sosta all'aeroporto
Codice IATASAH
Codice ICAOOYSN
Nome commercialeمطار صنعاء الدولي
(Maṭār Ṣanʿāʾ al-Duwalī)
Descrizione
Tipomilitare aperto al traffico civile
StatoYemen Yemen
GovernatoratoṢanʿāʾ
CittàSana'a
Altitudine2 199 m s.l.m.
Coordinate15°28′34.53″N 44°13′11.06″E / 15.476258°N 44.219739°E15.476258; 44.219739Coordinate: 15°28′34.53″N 44°13′11.06″E / 15.476258°N 44.219739°E15.476258; 44.219739
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Yemen
OYSN
OYSN
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
18/363 252 x 45 masfalto
ILS, HIRL, J, PAPI
Statistiche (2011)
Passeggeri in transito2,064,000[1]
i dati sono estratti da World Aeronautical Database[2]

L'Aeroporto Internazionale di Ṣanʿāʾ IATA: SAH, ICAO: OYSN) è un aeroporto yemenita situato in località al-Rahāba, villaggio a circa 10 km a Nord dal centro della città di Sana'a, capitale della Repubblica Unita dello Yemen.

La struttura, posta all'altitudine di 2 199 m/ 7 216 ft sul livello del mare, è dotata di un'unica pista con fondo in asfalto lunga 3 252 m e larga 45 m (10 669 x 148 ft) con orientamento 18/36, ed equipaggiata con un sistema di atterraggio strumentale ILS, impianto di illuminazione ad alta intensità HIRL e PAPI.[3]

L'aeroporto, di proprietà del Governo yemenita, è classificato come militare normalmente aperto al traffico commerciale.[2]

IncidentiModifica

NoteModifica

  1. ^ http://dlca.logcluster.org/display/public/DLCA/2.2.1+Yemen+Sana%27a+International+Airport
  2. ^ a b (EN) World Aero Data: SANAA INTL -- OYSN, in World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  3. ^ (EN) World Aero Data: SANAA INTL Runway 18/36, in World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  4. ^ Yemeni plane crashes with 150 aboard.
  5. ^ UPDATE 2 — Mortar shells hit Yemeni Air Force Base, destroying two fighter jets, BNO News. URL consultato il 31 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2011).

Altri progettiModifica